Nautica Glem BMS Boat Market Show
Condividi questa pagina
Invia ad un amico

Nautica - Barche di una volta

In primo piano

NAUTICA GLEM
A Catania, barche nuove ed usate, gommoni e motori marini

VELAMAR
Distributire carburante e servizi nautici a S. Nicola l'Arena (PA)

SOLAR CARBURANTI
Distribuzione e commercio dei migliori prodotti ad altissime prestazioni per l'ottimizzazione delle prestazioni del motore

LARIO BOAT SERVICE
Riparazione, manutenzione e vendita barche sul Lago di Como

Altri inserzionisti...

Seguici su Facebook


Breve glossario dei principali termini velici usati in Coppa America

A cura di Paolo Venanzangeli

Leggi anche

Louis Vuitton Act
Nuova era


Louis Vuitton Act 4 e 5
Fu vera gloria?


32nd America's Cup
Ed è subito Coppa


Una Coppa Europea

Vela libera...

Arrivederci Paolo!

L'ultimo saluto a Paolo

Coppa America
L'equipaggio a bordo
Il Match Race
Regolamenti
Protocollo 2003
La classe CA
Storia delle barche
Albo d'oro
Glossario

I sindacati
Luna Rossa
Mascalzone Latino
+39 Challenge
Desafío Español
Areva Challenge
Team Germany
Victory Challenge
BMW Oracle Racing
Team Shosholoza
China Team
Emirates Team NZ
Alinghi
Riepilogo

L.V. Act
Act 4 - Valencia
Act 5 - Valencia
Act 6 - Malmoe
Act 7 - Malmoe
Act 8 - Trapani
Act 9 - Trapani
Act 10 - Valencia
Act 11 - Valencia
Act 12 - Valencia
Act 13 - Valencia


GLOSSARIO

Abattuta: cambio di direzione della barca facendo passare il vento di poppa, erroneamente chiamata strambata, termine molto usato che però significa una abattuta involontaria.

Alette: appendici del bulbo che servono a deflettere il flusso dell'acqua ed in particolari situazioni ad aumentare il pescaggio della barca e quindi le sue qualità boliniere.

Amantiglio: manovra corrente che consente di issare particolari attrezzature come il tangone.

Andatura: definizione del rapporto fra la prua della barca e la direzione del vento; è di bolina stretta con un angolo attorno ai 30°, di bolina è più di 45°, traverso a 90°, lasco fino a 120°, gran lasco 150°, poppa piena o fil di ruota intorno ai 180°.

Armamento: tipo di attrezzatura della barca. Dipende dal numero degli alberi e dalla loro posizione. America era armata a goletta, i moderni Coppa America a sloop.

Baglio: sostegno trasversale delle coperte in legno, il baglio massimo è la larghezza massima della barca.

Balumina: lato poppiero di una vela.

Bastone: percorso delle regate delle selezioni e della Coppa America. Le barche girano intorno a due boe messe lungo la direzione del vento. È il percorso più semplice ma anche il più tecnico perché impone scelte tattiche sia controvento che in favore.

Bolina: è l'andatura della barca che naviga il più controvento possibile ed avanza a zigzag verso la boa sopravvento.

Boma: sostegno rigido della base della randa che aiuta a mantenerne la forma voluta.

Bompresso: è un'asta messa orizzontalmente a prua della barca. Molto usato nei velieri, è stato rispolverato dai neozelandesi ed usato impropriamente nella Coppa America del '92.

Bordare: dare la giusta tensione ad una vela, cazzando la scotta.

Bugna: rinforzo dell'angolo di una vela che incorpora un anello a cui si applica la scotta.

Bulbo: parte più profonda della chiglia abitualmente di piombo ed a forma di siluro con eventuali alette per deflettere il flusso idrico.

Carena: parte sommersa della barca chiamata anche opera viva.

Cazzare: tirare una scotta per mettere a punto una vela o una cima per alare le manovre.

Challenger: letteralmente sfidante. Lo sono tutti i club che gareggiano per poter, alla fine, contendere al detentore la Coppa America.

Chiglia: elemento principale della parte immersa della barca formata dalla pinna e dal bulbo che porta in profondità una grande percentuale del peso della barca stabilizzandola.

Cima: ogni corda utilizzata in barca che prende un nome diverso a seconda dell'utilizzazione. L'unica che mantiene il nome di corda è quella della campana.

Circling: fase della pre-partenza in cui le due barche si rincorrono cercando l'una di prendere la poppa dell'altra e disegnando un cerchio con le loro scie.

Crocetta: bracci dell'albero che servono a distanziarne le sartie, aumentando il loro angolo di incidenza e di inserimento ed incrementandone quindi la stabilità.

Defender: letteralmente difensore. E' il club che detiene la Coppa e che i challenger sfidano per entrarne in possesso.

Deriva: è la pinna che sorregge il bulbo e che con l'aumento della velocità ottiene sostegno dall'acqua, consentendo allo scafo di andare controvento. Indica anche lo spostamento di una barca per effetto della corrente.

Drizza: è una manovra usata per issare le vele. Può essere una cima o un cavo, attualmente quasi esclusivamente in kevlar o carbonio.

Fiocco: genericamente la vela di prua, attualmente ne indica una adatta alla bolina.

Gennaker: vela asimmetrica da andature portanti con una forma intermedia tra il genoa e lo spinnaker

Genoa: fiocco di dimensioni massime che prende il nome dalla città ligure dove fu usato per la prima volta.

Grinder: deriva da coffee grinder, cioè macinino da caffè, a cui assomigliavano le colonnine dei primi verricelli. Si chiamano così anche i suoi robusti manovratori spesso provenienti dal canottaggio e dal rugby. Servono per far girare i tamburi dei winch e quindi a cazzare le manovre.

Landa: staffa o piastra fissata allo scafo a cui si agganciano le sartie e gli stralli.

Lascare: mollare, diminuire la tensione di una scotta o di un'altra manovra. E' il contrario di cazzare.

Lasco: andatura portante con angolo compreso tra i 90° e i 150°.

Lay-line: è la linea che porta direttamente in boa senza bisogno di altre manovre.

Manovre correnti: scotte, drizze, amantigli e caricabassi, per issare e regolare vele e attrezzature.

Manovre fisse: sartie e stralli, per sostenere l'albero e dargli la forma voluta.

Match-race: regata tra due sole barche, un vero e proprio scontro finalizzato all'annientamento dell'avversario.

Mura: possono essere a dritta o a sinistra, indicano il lato da cui proviene il vento con il boma sempre dalla parte opposta. Chi le ha a dritta ha diritto di rotta.

Opera morta: parte emersa della barca.

Opera viva: parte immersa della barca.

Orzare: avvicinare la prua alla direzione del vento. Il suo contrario è poggiare.

Paterazzo: impropriamente lo strallo di poppa. Effettivamente è uno strallo poppiero che si sdoppia andando a inserirsi ai lati della poppa.

Pinna: è lo stesso di deriva.

Poggiare: allontanare la prua dal vento. E' il contrario di orzare.

Poppa: oltre a essere la parte posteriore della barca è l'andatura con il vento da dietro esattamente perpendicolare. E' l'opposto della bolina.

Pennaccino: piccola crocetta utilizzata per regolare la flessione della parte superiore dell'albero.

Randa: è la vela principale inferita nella parte poppiera dell'albero e collegata al boma.

Round robin: è un vero e proprio girone all'italiana in cui ogni sfidante si scontra con tutti i suoi avversari.

Riva (mandare a): issare una vela. Andare a riva significa salire sull'albero.

Sartia: cavo che sostiene lateralmente l'albero.

Sartie volanti: sostengono l'albero una per lato verso poppa, consentendo di regolarne la curvatura e vengono messe in forza alternativamente dalla parte delle mura.

Scotta: cavo di materiale tessile che serve a bordare le vele.

Skipper: è il comandante della barca, non necessariamente il timoniere.

Spinnaker: grande vela simmetrica usata nelle andature di poppa.

Stecche: sono inserite nella randa e servono a garantirne l'allunamento ed una forma più aerodinamica.

Stralli: i cavi che tengono l'albero in senso longitudinale.

Strambare: vedi abbattere.

Tangone: asta che si fissa all'albero per tenere distante il punto di mura dello spinnaker.

Virata: cambio di direzione della barca, facendo passare il vento dalla prua.

Winch-verricello: serve a diminuire lo sforzo per cazzare le manovre correnti.