Archivio di tutte le notizie e dei comunicati stampa dal mondo della nautica

RSS Disponibile feed RSS v2.0

Lombardini Marine

Lombardini Marine

Lechler - STOPPANI


Nautica Yachtmarket, barche usate online

Nautica Editrice S.r.l.

Mollicona vince il Campionato di Primavera 2016

Marina di Carrara. Il J24 Ita 215 Mollicona, il J24 armato da Vincenzo Mercuri  (CNMC) e timonato dal carrarino Giacomo Del Nero (in equipaggio con Massimiliano Biagini, Riccardo Marini, Nicolò Marchini e Beba Tognetti), dopo quello di campione d’autunno 2015, si aggiudica anche il titolo di Campione di Primavera 2016 della Classe J24. 

L’appuntamento, perfettamente organizzato dal Club Nautico Marina di Carrara nelle acque antistanti la diga foranea del porto di Marina di Carrara e inizialmente articolato su quattro giornate (20 e 21 febbraio, 5 e 6 marzo), a causa delle avverse condizioni meteo marine e della relativa allerta meteo diramata per la giornata di sabato, si è però concluso con un nulla di fatto nel secondo week end.

Le regate previste per la seconda tappa, infatti, sono state annullate. 

Classifica invariata, quindi, rispetto a quella stilata dopo le prime 4 prove: il Campionato di Primavera 2016 della Classe J24, al quale hanno preso parte una decina di equipaggi J24 va pertanto in archivio con la vittoria di Ita 215 Mollicona (3 punti; 1,5,1,1 i parziali) seguito da Ita 212 Jamaica armato e timonato dal Presidente della Classe Italiana J24 e Capo Flotta locale, il carrarino Pietro Diamanti (CNMC; 5 punti; 2,1,2,3), Ita 505 Ninan timonato da Alberto Manfredini (8 punti; 3,8,3,2), Ita 202 Tally Ho armato da Roberta Banfo e timonato da Luca Macchiarini (CNMC, 12 punti; 4,4,4,6) e da Ita 330 Come va va timonato da Enrico Giannotti (16 punti; 6,2,8,8).

Le singole affermazioni di giornata sono state firmate da Ita 215 Mollicona (protagonista di un tris di vittorie) e da Ita 212 Jamaica.

Ottimo come sempre il lavoro svolto dal Comitato di Regata (presieduto da Luigi D’Amico e coadiuvato da Gigi Porchera e da Sergio Del Nero) e dai posaboe (Massimo Lunardini, Silvano e Matteo Zanza).