Rubrica Ambiente e mare Nautica n.427 del 11/1997

Numero 427 di Ambiente Mare, le notizie dai mari del globo a cura di Eleonora De Sabata, tratte dall’archivio della rubrica mensile della rivista Nautica

Rubrica Ambiente e mare Nautica n.427 del 11/1997

UN PESCE SUL CRUSCOTTO:

l’inventore giapponese Tatsunori Suzuki ha pensato, per rilassare i guidatori stressati dal traffico, di sostituire alcuni degli strumenti delle automobili con immagini digitali di pesci tropicali. L’acceleratore potrebbe quindi essere presto sostituito da un pesciolino che nuota sempre più velocemente man mano che il guidatore accelera.

ARCHITETTI D’ONDE.

Dopo lo studio approfondito di 27 fra le spiagge da surf più popolari del mondo, i ricercatori de New Zealand’s Artificial Reef Program hanno disegnato il profilo ideale del fondo del mare per produrre onde perfette per il surf. Le loro teorie saranno presto applicate in Australia, dove il comune di Gold Coast, nel Queensland, ha commissionato loro un reef artificiale per la spiaggia di Narrowneck per future competizioni internazionali di surf. A seconda delle richieste del consiglio comunale i «maghi delle onde» potranno progettare una spiaggia per super-campioni o onde più docili per principianti; o, ancora, un’onda complessa lunga fino a 300 metri con sezioni più veloci o più lente per eseguirvi evoluzioni diverse. Il progetto di base è una struttura a freccia che punta verso il mare, lunga circa 450 metri. Il reef, formato da migliaia di sacchi di sabbia, dovrebbe essere completato per la fine del prossimo anno.

UN QUARTO DELL’ANTARTICO È SPARITO

negli anni passati senza che nessuno se ne fosse accorto. Lo ha scoperto un ricercatore australiano impegnato a catalogare i dati delle catture di balene: sulla base della posizione della nave al momento della cattura, riportata fedelmente nei registri dei balenieri, si è scoperto che fra il 1957 e il 1972 le navi si sono spinte molto più a sud degli anni precedenti, indicando un arretramento della distesa di ghiaccio di oltre 5 milioni di chilometri quadrati, un quarto dell’intera estensione del pack antartico. Questa scoperta ha lasciato sconcertati i ricercatori, che credevano praticamente inalterata l’estensione del ghiaccio dei Mari del Sud. Uno scioglimento di tale importanza potrebbe aver avuto importanti ripercussioni sul clima mondiale, visto che il ghiaccio marino rallenta il passaggio di calore dall’oceano all’atmosfera. La gran quantità di acqua poco salina che affonda negli abissi, rimuove anidride carbonica dall’atmosfera e influenza le correnti degli oceani; queste, a loro volta, influenzano il clima di tutto il pianeta.

ALBERI CHE MANGIANO PESCI.

Accade in Alaska, durante la migrazione annuale dei salmoni che dal mare risalgono i fiumi per deporre le uova. Stremata dalla fatica e digiuna da lunghe settimane, gran parte dei salmoni muore senza nemmeno raggiungere la meta. Le carcasse dei pesci vengono spesso riportate in mare dalla corrente; molte, però, rimangono intrappolate fra le radici delle piante acquatiche o fra i rami caduti lungo le rive. Una gran quantità di organismi terrestri se ne ciba, e una parte dei nutrienti finisce per essere assorbito anche dalle piante limitrofe: lo ha scoperto un ricercatore americano, che ha quantificato che circa il 20% dell’azoto assorbito dalla vegetazione del fiume proviene dal mare attraverso i salmoni.

FESTIVAL MONDIALE DELL’IMMAGINE SOTTOMARINA:

ad Antibes l’ormai classico concorso di film, video, diapositive e libri del mare, che si terrà dal 29 ottobre al l° novembre. Tema di quest’anno ‘la subacquea negli USÀ: fuori concorso saranno presenti i fotosub americani David Doubilet, Jeffrey Rotman e Amos Nachoum. Presidente della 24esima edizione del Festival sarà Frank Fennel, direttore dei prodotti subacquei della Nikon. Il Festival di svolgerà come al solito al Palazzo dei Congressi di Antibes, 62, av. Del Pins du Cap, Antibes Juan-les-Pins, tel. 0033-4-9361.4545, fax 9367.3493.

NONNA MUCCA.

Balene, ippopotami e mucche avrebbero in comune un lontano progenitore, probabilmente un erbivoro terrestre vissuto circa 60 milioni di anni fa. I ricercatori del Tokyo Institute of Technology sono giunti a questa conclusione analizzando il patrimonio genetico delle tre specie. Secondo gli scienziati giapponesi circa 100 milioni di anni fa al gruppo appartenevano anche gli antenati di maiali e cammelli.

IL PICCOLO DI HOLLY,

la sfortunata delfina solitaria adottata da una tribù beduina a Nweiba, lungo il Mar Rosso egiziano (Nautica, febbraio 1997), ha perduto il piccolo, nato gli ultimi giorni dello scorso anno. Jimmy el Atrash, così soprannominato dai suoi «zii adottivi» umani, sembrava in perfetta salute e la madre gli stava insegnando a socializzare con gli uomini. La mattina del 22 luglio, invece, il piccolo è stato rinvenuto morto sulla spiaggia, apparentemente in buone condizioni fisiche. Nemmeno l’autopsia effettuata da alcuni biologi israeliani ha svelato il mistero. «Allah regala e Allah prende» hanno commentato rassegnati i beduini.

UNA SPUGNA PER MUSERUOLA:

la indossano i tursiopi di Shark Bay, in Australia, probabilmente per difendere la loro pelle delicata dalle spine dei ricci e dai pungiglioni avvelenati dei pesci pietra. L’osservazione è stata fatta da Rachel Smolker della Michigan University, fra le studiose di delfini più apprezzate a livello internazionale, che ha notato cinque femmine portare sul rostro delle spugne, non per gioco ma come strumento per procurarsi del cibo e per difendersi. È la prima volta che i delfini mostrano di utilizzare degli strumenti.

PELLICANI IN CITTÀ.

El Nino, l’anomalia del sistema di correnti marine che ha origine nel Pacifico ma che ha effetti sul clima di tutto il mondo, comincia già a farsi sentire: la corrente calda ha spinto molto a sud gli immensi banchi di aringhe che solitamente popolano le acque pacifiche sudamericane. Così mentre i pescatori cileni si preparano ad un’annata senza pari, il governo peruviano ha invece dovuto decretare il bando totale della pesca per non decimare le fila già sparute delle poche aringhe che sono rimaste. A fare le spese di El Nino sono anche i pellicani, che a decine hanno invaso le città costiere in cerca di cibo.

UN VERO COMPUTER SUBACQUEO.

Che non è un computer da immersione, che controlla minuto per minuto la discesa dei subacquei. Quello creato dai tecnici australiani è un vero e proprio PC sottomarino che può essere utilizzato sott’acqua come un qualsiasi portatile terrestre. L’idea è di un team di ricercatori impegnati in un campionamento, stanchi di dover segnare su una lavagnetta i loro dati per poi digitare il tutto in un computer una volta rientrati alla base. Detto, fatto: la batteria montata sulla bombola, il display proiettato sulla maschera come nei giochi di animazione virtuale, una piccola tastiera e il gioco è fatto.

UN CORSO SULLA BIOLOGIA E IL COMPORTAMENTO DEI DELFINI

al Dolphin Reef di Eilat, in Israele. Il reef, ampio ma recintato, «ospita» una colonia di tursiopi di entrambi i sessi e di tutte le età, compresi alcuni piccoli nati in questa grande vasca all’aperto. L’International Laboratory for Dolphin Behaviour Research organizza da anni seminari per il pubblico sui delfini ed anche stage riabilitativi per bambini autistici. Il corso della durata di una settimana (dal 26 ottobre al 1 novembre e dal 7 al 13 dicembre) prevede l’introduzione al comportamento dei delfini ed alle interazioni fra uomo e delfino. I seminari teorici saranno integrati da esperienze in mare con i delfini.

Gli altri articoli disponibili in linea
Anno 

 Gen

 Feb

 Mar

 Apr

 Mag

 Giu

 Lug

 Ago

 Set

 Ott

 Nov

 Dic

1997 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428
1998 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440
1999 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452
2000 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464
2001 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476
2002 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488
2003 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500
2004 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512
2005 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524
2006 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536
2007 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548
2008 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560
2009 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572
2010 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584
2011 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596
2012 597 598 599 600 601 602 603

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.