Rubrica Ambiente e mare Nautica n.452 del 12/1999

Numero 452 di Ambiente Mare, le notizie dai mari del globo a cura di Eleonora De Sabata, tratte dall’archivio della rubrica mensile della rivista Nautica

Rubrica Ambiente e mare Nautica n.452 del 12/1999

SEI MILIONI DI OGGETTI GETTATI OGNI GIORNO IN MEDITERRANEO

Occorrono da due a quattro settimane perché un biglietto d’autobus si dissolva in mare; sei mesi per un mozzicone di sigaretta, da cento a mille anni per una bottiglia di plastica, da 200 a 500 anni per una in alluminio e cento per una in ferro. Dei sei milioni di oggetti che si stima siano gettati ogni giorno nel nostro mare, dal 60 al 90% sono di plastica. La circolazione delle correnti in Mediterraneo fa sì che il nostro mare abbia un ricambio d’acqua con l’Oceano Atlantico molto lento: da 70 a 100 anni: ogni oggetto gettato nel nostro mare, vi rimane per un tempo lunghissimo. Nello stomaco di un capodoglio sono stati trovati 50 sacchetti di plastica, in quello delle tartarughe si trovano persino bambole, penne biro e tappi di detersivi.

DEPURATORI RIVOLUZIONARI A GENOVA, UN PROGETTO PILOTA DELL’UNIONE EUROPEA

– Che fine fanno le acque uscite dal depuratore, una volta arrivate a mare? Ci penserà un sonar a stabilirlo, nell’ambito di uno studio pilota finanziato dalla Unione Europea che partirà in questi giorni a Genova. Si parte con il depuratore di Genova-Sturla per arrivare entro il 2002 a coprire l’intero capoluogo; l’obiettivo è quello di valutare l’impatto delle acque reflue sull’ecosistema marino. Il sonar, che estende il suo raggio d’azione fino a 30 metri dalla costa, è in grado anche di evidenziare eventuali occlusioni delle bocche di uscita. Il costo della prima fase del progetto è di un miliardo e mezzo finanziato in parte dall’UE, che fornisce gli strumenti di rilevazione, e per metà dal Comune di Genova, dalla società Amga e un pool di privati. Lo studio pilota si inserisce nel progetto “Life” per il Mediterraneo dell’Unione Europea.

UN SITO INTERNET COMUNITARIO CONTRO L’INQUINAMENTO DEL MEDITERRANEO

– Il Consiglio dell’UE ha approvato la piattaforma d’azione per la lotta contro l’inquinamento marino accidentale nel periodo 2000-2006; per facilitare lo scambio di informazioni fra gli Stati membri è prevista la creazione di un sito internet che permetterà l’accesso ai piani di intervento nazionali e ai principali punti di informazione. L’inquinamento marino accidentale, come definito dal Consiglio, include l’emissione di agenti pericolosi per l’ambiente da parte di navi, piattaforme marine o sulle coste e anche i casi di munizioni e bombe scaricate in mare. Le iniziative per combatterlo saranno finanziate con un fondo speciale annuale di circa due miliardi di lire.

IN SVOLGIMENTO LA QUINDICESIMA SPEDIZIONE ITALIANA IN ANTARTIDE

– Si alterneranno fino a metà febbraio nella base di Baia Terra Nova i 250 ricercatori italiani che prendono parte al Programma Nazionale di Ricerche in Antartide, nato nel 1985 e coordinato dall’Enea con il CNR. I programmi di ricerca comprendono lo studio delle risorse marine (krill e comunità ittiche) del Mare di Ross, e studi paleoclimatici per ricostruire l’evoluzione della calotta est antartica negli ultimi 20 milioni di anni, condotti con partner australiani e tedeschi, e la storia climatica del pianeta negli ultimi 40 milioni di anni. L’obiettivo è capire come si è isolata l’Antartide e come reagisce ai fenomeni di riscaldamento globale e dell’effetto serra. “L’Antartide è la memoria storica del pianeta – sottolinea Giancarlo Spezie, coordinatore delle ricerche oceanografiche in Antartide – nei suoi ghiacci vi sono sedimentate informazioni che ci consentono di studiare il passato, ma anche i segnali più importanti dei mutamenti climatici in atto”. Per le ricerche in Antartide il Ministero dell’Università e della Ricerca ha stanziato 42 miliardi per il 2000, 55 per il 2001 e 52 per il 2002.

TRE MILIONI DI ANNI FA IL PRIMO INQUINAMENTO IN MEDITERRANEO

– Tre milioni di anni fa, ha scoperto un gruppo di ricercatori europei, si è innescato nel Mediterraneo Orientale un processo inquinante che ha generato grandi quantità di idrogeno solforato, una sostanza velenosa di cui si sono trovate tracce a 50-100 metri nel sottosuolo marino. Quel che è peggio, questo fenomeno sembra si sia ripetuto ogni 20.000 anni circa. I geologi delle Università di Utrecht e di Oldenburg hanno esplorato le profondità del Mediterraneo fra la Sicilia e la Grecia per scoprirne le cause. Secondo gli studiosi la causa è da ricercarsi nelle oscillazioni climatiche avvenute a partire da tre milioni di anni fa. L’aumento della temperatura e lo scioglimento dei ghiacci provocò un aumento delle sostanze nutrienti che, portate dai fiumi, sfociavano in mare; di qui una abnorme proliferazione di alghe che, nel processo di decomposizione, impoverivano d’ossigeno il mare e liberavano idrogeno solforato. I sedimenti contengono anche batteri che si nutrono di idrogeno solforato e grandi quantità di pirite, cadmio e nichel, precipitati di una reazione chimica con l’idrogeno solforato. I geologi hanno trovato testimonianze del fenomeno, che interessava tutta la colonna d’acqua sino in superficie, in aree del Mediterraneo molto vaste.

IL WWF LANCIA UNA CAMPAGNA PER I CETACEI NEL MEDITERRANEO.

Durerà cinque anni la campagna di protezione dei cetacei in Mediterraneo lanciata dal WWF e seguirà due strade: stabilire quanti delfini e balene vivono nel nostro mare, quali rotte seguono e dove svernano, e sostenere la lotta contro i fattori di mortalità diretta dei cetacei (pesca, traffico marittimo commerciale e da diporto) e la lotta contro l’inquinamento marino. Il piano d’azione – per cui sono stati stanziati quattro miliardi e mezzo di lire, in parte sostenuti da un istituto privato francese, la Fondazione Natura e Scoperte vuole anche lanciare un forte segnale politico perché diventi finalmente operativo il Santuario marino internazionale per i mammiferi marini.

L’UNIONE EUROPEA FA CAUSA ALLA GRECIA PERCHE’ NON PROTEGGE LE TARTARUGHE

– La Commissione Europea ha denunciato alla Corte Europea di Giustizia la Grecia per non aver implementato le misure di protezione per la Caretta caretta previste secondo le direttive Europee per l’ambiente. Nella baia di Laganas, a Zante, si riproduce l’80% delle tartarughe marine mediterranee, una delle popolazioni di Caretta più importanti e minacciate del pianeta. La baia però è una zona fortemente votata al turismo; le spiagge di deposizione sono attrezzate di ombrelloni e sdraio, si continua a costruire abusivamente sulla costa, la notte l’inquinamento luminoso disturba le tartarughe e disorienta i piccoli attirandoli a terra; infine la baia è percorsa giornalmente da una gran quantità di natanti che spesso causano incidenti con le tartarughe.

LA FOTO PIU’ COSTOSA DEL MONDO? UN’ONDA DEL MEDITERRANEO

– E’ stata scattata nell’Ottocento da uno dei primi fotografi del mondo, la fotografia venduta a un anonimo compratore in un’asta di Sotheby’s per 837.400 dollari americani, dieci volte superiore alla soglia iniziale di vendita. “Grande Vague” (la Grande Onda) fu scattata in Mediterraneo dal fotografo francese Gustave Le Gray nel 1855. Negli anni ’80 il Getty Museum della California decise di costruire il miglior archivio di fotografie storiche del mondo: acquistando collezioni intere da privati, eliminò quasi completamente il materiale del XIX secolo dal mercato.

Gli altri articoli disponibili in linea
Anno 

 Gen

 Feb

 Mar

 Apr

 Mag

 Giu

 Lug

 Ago

 Set

 Ott

 Nov

 Dic

1997 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428
1998 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440
1999 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452
2000 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464
2001 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476
2002 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488
2003 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500
2004 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512
2005 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524
2006 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536
2007 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548
2008 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560
2009 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572
2010 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584
2011 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596
2012 597 598 599 600 601 602 603

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.