Rubrica Ambiente e mare Nautica n.568 del 08/2009

Numero 568 di Ambiente Mare, le notizie dai mari del globo a cura di Eleonora De Sabata, tratte dall’archivio della rubrica mensile della rivista Nautica

Rubrica Ambiente e mare Nautica n.568 del 08/2009

Un serio pericolo minaccia il Mediterraneo

Segnala la presenza di meduse

Non più solo i bagnanti: anche gli scienziati tengono ora sotto controllo le meduse. Un problema – soprattutto quello della Pelagia, la medusa rosata dai lunghi filamenti, la più urticante di tutte le specie mediterranee – che ciclicamente assume dimensioni di piaga biblica. Come negli ultimi anni quando, trasportata da vento e correnti, ha riempito baie e coste di Spagna, Sicilia e Sardegna colpendo migliaia di bagnanti. Un problema mondiale: dal Giappone all’Africa, dall’Alaska all’Australia, ovunque si registrano invasioni di meduse. Per i turisti è un fastidio, per il mare è un problema e per gli scienziati un chiaro segnale che l’ecosistema sta cambiando molto rapidamente.

Cosa sta succedendo

– Questi invasioni non sono una novità: ciclicamente la diverse specie di meduse si avvicinano in quantità notevoli lungo le coste, secondo un ritmo naturale proprio di ogni specie. Il ciclo della Pelagia (dodici anni circa) sembra però essere saltato: ora è presente in Mediterraneo anno dopo anno, in tutte le stagioni e in assembramenti sempre più densi. È la risposta delle meduse a ottime – per loro – condizioni ambientali: il cambiamento di clima, che rende il mare più caldo e salato, e la pesca intensiva che ha svuotato il Mediterraneo e ridotto drasticamente i loro predatori e concorrenti nella ricerca del cibo. Condizioni ideali per questi animali molto semplici, adattabili e, spesso, dal ritmo di riproduzione prodigioso. È questo il segreto delle meduse, dominatrici degli oceani fino a 500 milioni di anni fa, quando comparvero i pesci. Con la sparizione dei pesci e la proliferazione delle meduse sembra quasi di assistere a un’involuzione dei mari.

Quali conseguenze

– L’aumento delle meduse può avere gravi ripercussioni sull’economia: in Spagna gli scorsi anni sono state molte le spiagge chiuse e decine di migliaia i turisti trattati per le ustioni. Ma è notevole anche l’impatto sulla pesca: le meduse sono dei veri predatori di vertice poiché si cibano dei loro stessi predatori, quando sono larve o semplici uova: e se pensiamo che ogni piccola Aurelia aurita può consumare dieci piccoli pesci l’ora, è facile capire come legioni di meduse proliferate oltre controllo possano contribuire a decimare stock di pesce già in sofferenza per la pesca intensiva, assicurandosi un futuro sempre meno pericoloso. Com’è successo nel Mar Nero, quando una specie “esotica”, introdotta a causa del traffico marittimo, in assenza di predatori si è riprodotta a dismisura portando al collasso gli stock di acciughe.

Perché sono urticanti

– Corti e tozzi come nella medusa polmone o lunghi e sottili come quelli della Pelagia, i tentacoli sono una batteria di “dita” sensibilissime, robuste e soprattutto armate, pronte a scatenare una reazione immediata appena entrano in contatto con preda o nemico. È sufficiente infatti sfiorare anche un solo tentacolo perché da esso vengano sparati migliaia di “ramponcini” pieni di veleno: gli uncini penetrano nel suo corpo e si piegano, impedendogli di scivolar via. Dalle pareti comincia quindi a fuoriuscire un veleno, spesso specializzato per il tipo di preda preferito dell’animale. Quest’arma formidabile è non solo molto efficiente, ma anche estremamente selettiva, poiché è in grado di capire se l’oggetto sfiorato è un frammento inorganico e indigesto, una preda o un predatore. Il muco che li riveste, poi, fa sì che i tentacoli si “riconoscano” a vicenda, evitando di arpionarsi l’uno con l’altro.

Cosa fare in caso di puntura

– È importante non strofinare la parte per evitare ulteriori ustioni da parte di tentacoli non ancora “esplosi”. Sciacquate quindi solo con acqua di mare. Il ghiaccio dona sollievo ma, poiché l’acqua dolce potrebbe innescare i tentacoli, è necessario inserirlo in una busta di plastica.

Contribuisci alla ricerca: invia la tua segnalazione! Fernando Boero, dell’Università di Lecce, sta seguendo sin dal 1978 la situazione nelle acque italiane. Con il progetto “Occhio alla Medusa!”, in collaborazione con il Consima e Marevivo, chiede oggi ai diportisti di segnalare la presenza di qualunque medusa o assembramento massiccio di plancton lungo le coste italiane. I dati italiani confluiranno in un progetto, il CIESM Jellyfish watch, che fornirà una fotografia attuale della situazione in tutto il Mediterraneo. Gli animali da segnalare sono la Pelagia, ma anche altre meduse come la diafana Aurelia, la bianca medusa polmone, la verde Cothyloriza, oltre che animali come le salpe (organismi trasparenti che spesso formano delle lunghe catene), le Velelle (le barchette di San Pietro, con la loro caratteristica vela triangolare che spunta dall’acqua) e la nuova arrivata caravella portoghese, già segnalata in Sicilia.

Gli avvistamenti, corredati se possibile di fotografia, andranno inviati per email a boero@unisalento.it indicando anche la data di osservazione, il nome dell’animale (da identificare grazie al poster pubblicato su questa pagina o disponibile sul sito www.ciesm.org) e la zona di osservazione; se si trattava di individui in file longitudinali, in chiazze o individui piaggiati e la distanza approssimativa fra gli individui (10 cm, meno di 1m, 2m, 5m, 20, più di 20m). Ogni segnalazione è importante, quindi… Occhio alla medusa!

Gli altri articoli disponibili in linea
Anno 

 Gen

 Feb

 Mar

 Apr

 Mag

 Giu

 Lug

 Ago

 Set

 Ott

 Nov

 Dic

1997 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428
1998 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440
1999 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452
2000 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464
2001 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476
2002 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488
2003 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500
2004 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512
2005 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524
2006 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536
2007 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548
2008 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560
2009 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572
2010 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584
2011 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596
2012 597 598 599 600 601 602 603

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE