Rubrica Ambiente e mare Nautica n.428 del 12/1997

Numero 428 di Ambiente Mare, le notizie dai mari del globo a cura di Eleonora De Sabata, tratte dall’archivio della rubrica mensile della rivista Nautica

Rubrica Ambiente e mare Nautica n.428 del 12/1997

L’ACQUARIO DI GENOVA

ha organizzato, durante il Salone, due conferenze di grande interesse. La prima, intitolata “Galapagos: le porte del paradiso”, è stata tenuta da Giorgio Celli sull’importanza naturalistica e scientifica dell’arcipelago, che ha portato alla teoria dell’evoluzione. Il pubblico, affluito numeroso, ha potuto assistere a una proiezione di foto e filmati illustrati dal noto divulgatore, che nel finale ha espresso la sua preoccupazione per la sopravvivenza della natura straordinaria delle isole. Il turismo, regolamentato, può essere la chiave per la salvezza. In conclusione Gabriela Diana della Quasar Nautica, tour operator specializzato in crociere naturalistiche alle Galapagos, ne ha descritto le caratteristiche ambientali e climatologiche.

La seconda conferenza “Predatori predati. L’altra faccia dello squalo” ha inaugurato la nuova mostra sugli squali che rimarrà fino al 30 maggio ’98. Con l’occasione sono state introdotte alcune specie nuove nelle vasche dell’acquario ed è stata allestita un’esposizione di fotografie, disegni, oggetti e confezioni di prodotti di uso comune fatti con gli squali.

I relatori Alberto Luca Recchi, autore delle fotografie, e Alberto Angela hanno sottolineato il pericolo che stanno attraversando gli squali in tutto il mondo, dove sono vittime di vere stragi, e la loro importanza nell’equilibrio dell’ambiente marino.

GLI SPRINT-FISH DI TUTTI I MARI

non sono i possenti marlin o i tonni: ma i piccoli dei pesci delle barriere coralline. Lo hanno scoperto due ricercatori australiani, seguendo in mare e cronometrando in vasca le prestazioni di “cuccioli” dei pesci chirurgo, pesci damigella e pesci soldato. In media i piccoli delle barriere coralline si muovono alla velocità di 20.6 centimetri al secondo, cioè l’equivalente di 14 lunghezze del loro corpo. Un nuotatore olimpico, con quella velocità, chiuderebbe i 100 metri in appena… 3 secondi! Il vero campione di velocità è un piccolo pesce soldato cronometrato nella acque dell’atollo polinesiano di Rangiroa, con una media di 56 centimetri al secondo tenuti per dieci minuti: e negli ultimi due minuti il pesce ha nuotato così velocemente da seminare i subacquei che lo stavano seguendo. I cuccioli dei pesci corallini sono anche campioni di resistenza: lo ha dimostrato un pesce chirurgo che ha nuotato, in una vasca apposita, per 94 chilometri senza fermarsi mai.

La straordinaria velocità e resistenza di questi pesciolini ha messo in crisi i biologi di tutto il mondo, che da sempre ritenevano i piccoli dei pesci (molti dei quali passano i primi stadi della loro vita in mare aperto) praticamente alla mercé delle correnti. Questi invece hanno dimostrato di essere in grado di coprire distanze significative e, soprattutto, di riuscire ad individuare la presenza di una barriera corallina anche ad oltre un chilometro di distanza grazie, probabilmente, al rumore che le creature del reef emettono di notte: una caratteristica importantissima visto che le barriere coralline sono vere e proprie oasi nel deserto del mare aperto. Fino ad oggi si era creduto che i pesciolini trovassero la via del reef quasi per caso, grazie al gioco delle correnti.

18.000 LIBRI DI MARE A PORTATA DI MOUSE

sul sito Internet della Libreria Internazionale Il Mare di Roma. Libri italiani e internazionali, carte nautiche di tutto il mondo, CD-ROM e gli ultimi video, calendari e oggetti legati al mare: e ancora le attività culturali legate alla libreria e all’associazione Amor di Mare, un forum di idee e discussioni, consigli e offerte di viaggio, l’idea per un regalo per l’amante delle cose di mare. Per questo ed altro ancora, basta collegarsi con www.ilmare.com.

GLI ATOLLI CORALLINI SONO I LUOGHI PEGGIORI

per scaricare le scorie radioattive. Lo dimostrerebbe una ricerca condotta da biologi australiani e francesi, i cui risultati indicano che i radioisotopi disciolti nell’acqua entrano nella catena alimentare della barriera corallina con velocità cinque volte superiori a quanto avviene nelle acque temperate. Lo studio analizzava il plutonio 210, un prodotto del gas radon emesso naturalmente dalle rocce che contengono uranio, ma è assai probabile che lo stesso accada anche con gli isotopi provenienti dalle scorie nucleari e dai test delle bombe atomiche. La Francia, che nel frattempo ha interrotto gli esperimenti nucleari a Mururoa, ha ammesso che l’isotopo iodine 131 è ormai presente nelle acque dell’atollo.

PESCI CONTRO DELFINI.

Questi ultimi, lo sanno tutti, utilizzano una sorta di sonar per “vedere” attraverso l’acqua l’ambiente circostante e ciò che vi è immerso, comprese le loro prede. Ciò che invece ancora non sapevamo è che alcuni pesci (gli esperimenti sono stati eseguiti sulla Alosa sapidissima, simile all’aringa) riescono a percepire i suoni ad alta frequenza e quindi, presumibilmente, anche gli impulsi del sonar dei delfini. Questa scoperta sembra confermare il sospetto che gli avvisatori acustici sperimentali installati sulle reti, che impediscano in una certa misura le catture dei delfini, probabilmente funzionano perché, spaventando le prede, allontanano i cetacei dalla zona.

SQUALO BIANCO SEMPRE PIÙ PROTETTO

in Australia: anche il Western Australia si è aggiunto alla Tasmania, South Australia, New South Wales e Queensland nel dichiarare il bianco una specie protetta.

LE BARRIERE CORALLINE

emettono più anidride carbonica di quanta ne assorbano: questo il risultato di un lavoro di sette anni condotto dalla giapponese New Energy and Industrial Development.

STRANI AMICI DI NUOTATE:

osservati per la prima volta in Mediterraneo un banco di tonni che navigavano assieme ad un gruppo di delfini nel golfo di Korinthiakos. Per più di tre quarti d’ora tonni e delfini hanno viaggiato assieme, a due-tre metri di distanza, senza alcuna interazione apparente.

BARRIERE CORALLINE NEL MARE DEL NORD

a 300 metri di profondità: vere, intatte, viventi, non i resti fossili di quando quei fondali erano lambiti da acque ben più calde. Sono i banchi di Lophelia pertusa, un corallo contro ogni regola. I reef che conosciamo tutti possono vivere solo in acque calde, tropicali, limpide e pulite, dove la luce del sole riesce ad innescare nelle alghe simbionti del corallo, la fotosintesi clorofilliana responsabile di gran parte del cibo ad esso necessario per costruire il suo scheletro. La Lophelia, invece, non ha alghe simbionti e può perciò vivere anche nei mari più freddi e bui della Terra. Così è: in Norvegia e in Scozia questo corallo forma dei veri e propri reef abissali che si innalzano per 30 metri dal fondo e si estendono anche per migliaia di chilometri. Come le barriere tropicali, i banchi di Lophelia sono ricchissime di vita ed attirano diverse centinaia di specie animali, fra pesci e invertebrati. Priva del contributo delle alghe, la Lophelia cresce lentissimamente: solo mezzo millimetro all’anno.

Gli altri articoli disponibili in linea
Anno 

 Gen

 Feb

 Mar

 Apr

 Mag

 Giu

 Lug

 Ago

 Set

 Ott

 Nov

 Dic

1997 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428
1998 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440
1999 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452
2000 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464
2001 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476
2002 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488
2003 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500
2004 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512
2005 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524
2006 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536
2007 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548
2008 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560
2009 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572
2010 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584
2011 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596
2012 597 598 599 600 601 602 603

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.