Rubrica Ambiente e mare Nautica n.490 del 02/2003

Numero 490 di Ambiente Mare, le notizie dai mari del globo a cura di Eleonora De Sabata, tratte dall’archivio della rubrica mensile della rivista Nautica

Rubrica Ambiente e mare Nautica n.490 del 02/2003

LE BARRIERE CORALLINE STANNO GUARENDO!

Timidi, sporadici ma inequivocabili i segni di ripresa che mostrano le barriere coralline in molte aree del mondo, dopo gli ultimi anni di crisi provocati da temperature elevate e dalla presenza massiccia di agenti inquinanti. Ma attenzione a non abbassare la guardia, esortano gli scienziati, perché la ripresa non è uniforme e mentre alcune zone sembrano recuperare molte altre proseguono nel loro declino. Il punto è stato fatto con la pubblicazione de The Status Of The Coral Reefs Of The World 2002, pubblicato dal the Global Coral Reef Monitoring Network (GCRMN) in collaborazione con la IUCN. “Alcuni sistemi corallini stanno lentamente migliorando grazie agli sforzi e alle azioni internazionali per affrontare le cause del degrado delle barriere coralline, come la pesca con la dinamite e la sedimentazione eccessiva” ha commentato Carl Gustaf Lundin, responsabile del programma marino della IUCN. “Ma è evidente che i nostri sforzi di prevenirne il declino sono assai più lenti della velocità con cui le barriere coralline mondiali si stanno impoverendo”. Oltre agli effetti diretti dell’uomo sull’ambiente, come la pesca eccessiva, l’inquinamento e la sedimentazione, bisogna infatti aggiungere le minacce poste dal cambiamento climatico in atto sul pianeta. Il rapporto, redatto dal biologo marino Clive Wilkinson, mostra una realtà difficile: il 27% dei reef mondiali distrutto, un ulteriore 14% seguirà la stessa fine nei prossimi 10 o 20 anni. Nel 2002 oltre 400 reef hanno subito il “bleaching” o “sbiancamento”, hanno cioè perso le alghe con cui vivono in una simbiosi fondamentale per il loro accrescimento. In Australia e Papua New Guinea, nonostante i fenomeni di bleaching degli anni passati, gran parte dei reef è in buone condizioni di salute, ma soprattutto perché lontana dagli uomini. Il rapporto mostra aree in miglioramento ma si tratta soprattutto di reef messi “in quarantena”, reef dichiarati “off-limits” per consentire alla barriera di riprendersi. La comunità internazionale è stata molto attiva in questi anni: gli Stati Uniti hanno creato una “coral reef task force”, la Svezia ha finanziato ricerche nell’Africa orientale, sud-est asiatico e oceano Indiano e anche la Francia si è distinta nella ricerca. Ma purtroppo questa sarà una stagione cruciale, avverte Wilkinson: l’assenza dei monsoni o degli alisei e i cieli limpidi tipici delle stagioni influenzate da El Nino porteranno condizioni ambientali difficili per i coralli.

UN PINGUINO ALBINO

nello zoo di Bristol. Bianche le penne e le piume, becco chiaro, zampe e soprattutto occhi rosa: il piccolo pinguino è un vero albino, non un semplice pinguino “scolorito”. Un avvenimento rarissimo: solo due pinguini albini sono mai stati osservati in natura, e nessuno mai in cattività. “Goccia di neve” è l’unico della nidiata di pinguini africani ad aver ereditato da entrambi i genitori il gene responsabile dell’albinismo, un gene recessivo che interferisce e blocca la produzione di melanina. Il piccolo sta bene ma verrà tenuto sotto controllo per eventuali problemi agli occhi e alla pelle, tipici degli individui albini.

“OCEANI SILENZIOSI”

è la campagna europea lanciata dall’Associazione Svizzera per la Protezione degli Animali Marini, ASMS, per limitare l’inquinamento acustico prodotto dalle operazioni navali militari, soprattutto quello dei sonar ad alta potenza. L’ultimo spiaggiamento nelle Canarie, che ha coinvolto decine di cetacei proprio nel corso di alcune operazioni militari in zona, è il casus belli che ha fatto partire la campagna “European Coalition for Silent Oceans (ECSO)”, di cui si può sottoscrivere la petizione in inglese, tedesco, italiano, francese e spagnolo sul sito web www.silentoceans.org.

IN CANADA LE OTARIE SI FIDANO DELLE ORCHE

– Non di tutte però. Solo di quelle locali che vivono in gruppi familiari, rimangono nella stessa regione e, mangiando solo pesce, non rappresentano una minaccia. Le orche sono famose per comunicare fra loro grazie a un linguaggio di click e suoni caratteristico di ogni gruppo familiare. Nelle stesse acque della British Columbia nuota però anche una popolazione nomade di orche, che si sposta per centinaia di chilometri lungo la costa pacifica e, al contrario delle orche stanziali, si cibano di mammiferi marini e soprattutto di otarie. Le orche dei due gruppi sono pressoché identiche, ma emettono suoni diversi. Volker Deecke, della scozzese St Andrews University e i ricercatori del Vancouver Aquarium Marine Science Centre hanno fatto risuonare i richiami dei due gruppi di orche ottenendo dei risultati davvero inequivocabili. Tranquille se il mare era pervaso dal chiacchiericcio delle orche locali, le otarie scappavano freneticamente al primo accenno di un dialetto sconosciuto. Possiedono quindi un “orecchio musicale” raffinato, se pensate che il dialetto delle orche residenti è composto da almeno 50 richiami diversi. Rimane comunque il fatto che la tecnica musicale serve poco se le orche cacciatrici si avvicinano in silenzio!

QUANTA LUCE NEL NOSTRO MARE?

Si chiama “Fish” ed è la nuova sonda dell’Enea che calcolerà i livelli di energia luminosa a disposizione delle alghe e piante del plancton alle diverse profondità marine. Trainato da una nave di ricerca “Fish”, che è ancora in fase di realizzazione, ha forma di siluro e alette per stabilizzarne la traiettoria. Porterà a bordo una serie di strumenti per misurare le caratteristiche fisiche del mare in cui si muove – temperatura, salinità, quantità di ossigeno – e un laser per rilevare la presenza di materiale inquinante.

LA STORIA SI RIPETE

– Dopo il crollo dei ricchissimi Grand Banks del Newfoundland, ora ridotti a distese deserte di granchi e pulci di mare, i merluzzi stanno per sparire anche dai banchi del mare del Nord. I ricercatori dell’International Council for the Exploration of the Sea (Ices), un organismo indipendente consulente dei governi in tema di pesca in Atlantico, sono unanimi nel definire critica la situazione. Il collasso è alle porte, ma né i legislatori dell’Unione Europea né i pescatori sembrano voler ascoltare. La situazione è drammaticamente simile a quella di dieci anni fa sui Grandi Banchi: le catture sono crollate a livelli insostenibili e, soprattutto, ora si pescano individui che non si sono ancora riprodotti. Conferma Hans Lassen dell’Ices: “Gli ultimi quattro anni sono stati i peggiori della storia. Ricordiamoci che i merluzzi si riproducono a quattro anni d’età, mentre gran parte dei pesci catturati hanno due o tre anni. Stimiamo siano rimaste 30-40.000 tonnellate di merluzzi riproduttivi nel Mare del Nord. Il minimo necessario è di almeno 70.000 tonnellate. Vent’anni fa ce n’erano 150.000 tonnellate. Andrà a finire come nei Grand Banks. Quando? Nel giro di pochissimi anni: due, tre, quattro. Non sappiamo con esattezza quando, ma sappiamo per certo che accadrà.” La soluzione? Chiudere i banchi prima che sia troppo tardi, nella speranza che gli stock di pesce possano riprendersi. Nei Grand Banks si arrivò al crollo prima di chiudere tutto: e dopo dieci anni i merluzzi non sono ancora ritornati.

Gli altri articoli disponibili in linea
Anno 

 Gen

 Feb

 Mar

 Apr

 Mag

 Giu

 Lug

 Ago

 Set

 Ott

 Nov

 Dic

1997 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428
1998 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440
1999 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452
2000 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464
2001 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476
2002 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488
2003 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500
2004 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512
2005 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524
2006 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536
2007 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548
2008 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560
2009 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572
2010 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584
2011 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596
2012 597 598 599 600 601 602 603

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.