Rubrica Ambiente e mare Nautica n.488 del 12/2002

Numero 488 di Ambiente Mare, le notizie dai mari del globo a cura di Eleonora De Sabata, tratte dall’archivio della rubrica mensile della rivista Nautica

Rubrica Ambiente e mare Nautica n.488 del 12/2002

BUONE NOTIZIE PER I PESCISPADA DELL’ATLANTICO

La sezione scientifica dell’ICCAT, la Commissione Internazionale per la conservazione dei Tonni atlantici, ha dichiarato che nel giro di tre anni il numero di pescispada del Nord Atlantico è tornato a livelli considerati accettabili. Il successo è stato determinato dalle drastiche misure di protezione adottate: quote fisse di cattura e chiusura delle aree di riproduzione nelle acque americane. I numeri vanno però interpretati: è vero che molti più pescispada nuotano ora nel Nord Atlantico, ma si tratta di giovani che non hanno ancora cominciato a riprodursi. L’ICCAT dovrà ora valutare se mantenere o allentare queste misure di protezione.

CALAMARI GIGANTI VITTIME DEL RISCALDAMENTO GLOBALE?

È una delle ipotesi avanzate dai biologi spagnoli sulla morte del calamaro gigante spiaggiatosi a Luarca, nella regione settentrionale del paese. È il terzo esemplare comparso nell’arco di un mese, una frequenza davvero insolita se si pensa che dal 1962 ne sono stati segnalati solo 40 esemplari. “L’aumento di questi spiaggiamenti potrebbe essere legato a molti fattori, dalle manovre militari all’inquinamento, al riscaldamento globale” ha affermato Angel Guerra dell’Istituto Spagnolo di Ricerca Scientifica che sta studiando il caso. I calamari giganti, immensi animali di 18 metri di lunghezza e due tonnellate di peso che nessuno ha mai osservato nel loro ambiente naturale, vivrebbero a profondità comprese fra i 200 e i 700 metri. Gli scienziati ritengono che il riscaldamento delle acque superficiali impedirebbe al calamaro di riscendere in profondità. Uno degli esemplari spiaggiatosi a Luarca è un maschio, il primo mai stato ritrovato così a sud: “Potrebbe significare che il rapporto femmine-maschio è in favore delle prime o che questi calamari vivono esistenze separate e si incontrano nel periodo e nelle zone di riproduzione, magari proprio lungo fondali ripidi e profondi come quelli della costa delle Asturie” ha proseguito Guerra.

ARRIVA IN MEDITERRANEO LA NUBE INQUINANTE ASIATICA

– Anche l’inquinamento si è globalizzato. Non esistono confini nell’atmosfera dove venti, correnti e depressioni miscelano e ridistribuiscono i gas provenienti anche da molto lontano. E il Mediterraneo agirebbe come lo scarico di un lavandino, risucchiando aria sporca da ogni dove: lo rivela un articolo su Science dei ricercatori del tedesco Istituto Max Planck e di altre istituzioni di ricerca europee e americane. Che spiegano: “Le prevalenti condizioni anticicloniche, soprattutto d’estate, favoriscono l’accumulo degli inquinanti. Alle più basse quote, fino a un paio chilometri d’altezza, si ritrovano i gas e le particelle dell’Europa del nord e dell’est. Più in alto si raccolgono gli inquinanti atmosferici provenienti dal Nord America e dall’Asia”. La nube asiatica è il risultato delle emissioni delle centrali a carbone, degli scarichi delle automobili, degli incendi di spazzatura e legname onnipresenti in quei paesi; negli ultimi mesi è diventata più spessa e più ampia a causa dell’aumentare delle emissioni nei Paesi in via di sviluppo. La grande nube avvelenata viene dapprima sospinta dalle correnti verso l’Africa quindi verso l’Atlantico per poi tornare indietro e finire in Mediterraneo. Se siete convinti di respirare aria buona andando per mare, sappiate che l’estate scorsa in mare aperto sono stati misurati valori dell’inquinamento atmosferico dieci volte superiori a quelli rilevati nelle zone rurali ai margini delle grandi città mediterranee.

QUANTO VALE UNO SQUALO?

Dieci anni fa alle Maldive ogni squalo valeva circa 3.300 dollari USA. Vivo, naturalmente: e poiché gli squali grigi vivono una media di 18 anni, il valore totale della vita di uno squalo era di molto superiore. Soprattutto paragonato a quanto ricavava un pescatore vendendone le pinne: 32 dollari. Il valore degli squali è, ovviamente, del tutto teorico ma è stato ricavato da alcuni ricercatori tenendo conto dell’attrazione che i sub provano per gli squali e di quanto sono disposti a pagare pur di osservarli sott’acqua. Nel corso della ricerca si è stimato un numero totale di 76.850 immersioni di “shark-watching” su 35 punti di immersione. Con un spesa media – era il 1992 – di 30 dollari per immersione, il totale è di oltre due milioni di dollari l’anno. Nello stesso studio i ricercatori hanno calcolato che gli squali “stanziali” nel punto d’immersione più popolare “valessero” 33.500 dollari l’anno. Includendo anche altri punti d’immersione, la media per ciascuno squalo si aggirava a 3.300 dollari l’anno.

ANCORARE SULLA POSIDONIA

– Uno studio francese ha quantificato il danno procurato dalle imbarcazioni da diporto quando si ancorano sulle praterie di Posidonia. Ogni volta che l’ancora fa presa, spezza o strappa 20 ciuffi di Posidonia; altri 14 quando l’ancora viene recuperata da un verricello elettrico. Questa media di 34 ciuffi spezzati o dissotterrati rappresenta una perdita di circa 50 ciuffi per metro quadro di prateria. L’effetto non si limita solo a questo, perché la scomparsa di quei ciuffi aumenta la frammentazione della prateria e ne indebolisce la compattezza. Lo studio, condotto nel parco marino francese di Port-Cros, suggerisce, fra le misure di prevenzione, anche una corretta informazione al pubblico del danno arrecato dalle ancore e la stesura di un “codice di comportamento per l’ancoraggio sulle praterie marine” (CASE) analogo a quello stilato per l’ancoraggio sulle Barriere Coralline, studiato in Australia dal Great Barrier Reef Marine Park.

L’INQUINAMENTO DA PETROLIO È MOLTO PIÙ A LUNGO TERMINE DI QUANTO SI PENSASSE

– 30 anni dopo l’affondamento della petroliera “The Florida”, nel Massachussets, il petrolio è ancora lì, sepolto sotto una tenue coltre di sabbia. Gli scienziati ritenevano che dopo una decina di anni l’ecosistema marino fosse in grado di “assorbire” incidenti di questo genere e sono stati quindi sorpresi di trovare in questi mesi le stesse concentrazioni di petrolio del 1976, sette anni dopo che la nave si era arenata. Questa scoperta fa ora temere che i ricercatori abbiano sottostimato l’impatto a lungo termine di incidenti come quello della “Exxon Valdez”, che nel 1989 ha sversato in Alaska una quantità sessanta volte superiore di petrolio a quella perduta dalla “The Florida”.

LE MILLE RISORSE DEGLI ORGANISMI MARINI

– Un tema sul quale si è discusso a Taormina in un convegno internazionale di microbiologia marina. Dopo aver setacciato le foreste tropicali, è oggi il mare la nuova miniera della farmacologia moderna, fonte apparentemente inesauribile di composti chimici efficaci nella lotta contro varie forme di malattie. Dalle ascidie sono state ricavate sostanze antitumorali; un antinfiammatorio e sostanze contro la leucemia e il melanoma dalle spugne; dalle madrepore un antinfiammatorio e una sostanza che velocizza il rimarginare delle ferite. E ancora: le uova di alcuni gasteropodi sono costituite da proteine dalle caratteristiche meccaniche interessantissime che potrebbero essere utili nelle protesi o per la costruzione di nuovi materiali. Si studiano anche le conchiglie e gli scheletri di alcuni invertebrati marini: le bioceramiche che li compongono potrebbero condurre alla progettazione di nuovi materiali da costruzione per strumenti elettronici, ottici e medici. L’incontro internazionale è stato promosso dall’istituto Talassografico del Consiglio Nazionale delle Ricerche e dal dipartimento di Biologia animale ed Ecologia marina dell’Università di Messina, in collaborazione con l’ICRAM, l’Istituto Centrale per la Ricerca Scientifica e Tecnologica Applicata al Mare.

Gli altri articoli disponibili in linea
Anno 

 Gen

 Feb

 Mar

 Apr

 Mag

 Giu

 Lug

 Ago

 Set

 Ott

 Nov

 Dic

1997 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428
1998 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440
1999 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452
2000 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464
2001 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476
2002 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488
2003 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500
2004 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512
2005 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524
2006 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536
2007 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548
2008 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560
2009 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572
2010 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584
2011 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596
2012 597 598 599 600 601 602 603

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.