Rubrica Ambiente e mare Nautica n.544 del 08/2007

Numero 544 di Ambiente Mare, le notizie dai mari del globo a cura di Eleonora De Sabata, tratte dall’archivio della rubrica mensile della rivista Nautica

Rubrica Ambiente e mare Nautica n.544 del 08/2007

SATELLITE SEGUE GLI EFFETTI DI UNA TEMPESTA

– Erano alte 11 metri le onde che il 12 maggio scorso devastarono l’isola francese di La Reunion. Erano nate nove giorni prima a Città del Capo, a diecimila chilometri di distanza, in una tempesta perfetta. Figlie della stessa tempesta, sei giorni dopo onde di 7 metri cominciarono a flagellare le coste indonesiane, da Sumatra a Bali, provocando la morte di una persona e l’evacuazione di 1200 altre dalle loro case. Il satellite Envisat, dell’Agenzia Spaziale Europea, ha seguito la formazione e la corsa di queste onde attraverso l’oceano. L’ESA sta lavorano a un progetto mondiale di monitoraggio satellitare, in grado di seguire il percorso di propagazione delle onde e di determinare dove e quando andranno a colpire la costa. esamultimedia.esa.int/images/EarthObservation/EO_Ifremer_Boost_H.gif.

ACCIUGHE E SARDINE IN DIFFICOLTA’ NELLO STRETTO DI SICILIA

– Dopo uno studio di dieci anni, i ricercatori del Cnr di Mazara del Vallo hanno concluso che la riproduzione delle acciughe è condizionata dalle alte temperature. Nelle annate più calde, il 2003 e il 2006, si è infatti riscontrata nello Stretto di Sicilia una minore abbondanza dell’acciuga che, raggiunto il picco di circa 26 gradi, diminuisce drasticamente. Anche la sardina sembra risentire molto delle situazioni ambientali dello Stretto. In questo caso il fattore più importante non è la temperatura – la sardina si riproduce infatti in inverno – quanto il vento: l’abbondanza di questa specie è legata all’upwelling, cioè le correnti di risalita dalle profondità di acqua ricca di nutrienti, generate proprio dall’azione del vento sulla superficie del mare. Lo studio è stato condotto utilizzando metodi di stima diretti basati sulla biologia della specie, in particolare sulla produzione giornaliera di uova, e su dati idroacustici da ecosounder. www.irma.pa.cnr.it.

LAGUNA DI VENEZIA, BIODIVERSITA’ A RISCHIO

– La Laguna di Venezia è incapace di affrontare gli effetti dei cambiamenti climatici del pianeta. Secondo uno studio dell’università di Padova, pubblicato dalla rivista Geophysical Research Letters, la vegetazione e la flora batterica della Laguna, fondamentali per la biodiversità, non riusciranno a far fronte ai cambiamenti previsti dagli organismi internazionali. Secondo le previsioni, infatti, nei prossimi anni il livello del mare della Laguna potrebbe salire fino a 8 millimetri: secondo il modello sviluppato dai ricercatori padovani, è una quantità troppo elevata che non è bilanciata dall’apporto naturale di sedimenti alla Laguna. In assenza di misure che limitino l’innalzamento del mare, una soluzione potrebbe essere intervenire sui sedimenti che si depositano normalmente in Laguna. Dal 1400, quando i fiumi Brenta e Piave sono stati deviati, l’apporto è molto contenuto. Si potrebbe quindi aumentare la quantità di sedimenti facendo tornare i fiumi o spargendone i sedimenti direttamente in laguna. Più economica, secondo gli studiosi, la prima ipotesi, anche se bisognerebbe tenere conto del problema del loro inquinamento. www.agu.org/pubs/crossref/2007/2007GL030178.shtml.

IL VELIERO DEI DELFINI

– Solcherà i mari italiani per la quinta estate consecutiva il Veliero del Delfini del CTS, ambasciatore del mare e della sua sorprendente ricchezza di vita. Obiettivo principale della campagna, in questo 2007 dichiarato “Anno del Delfino” dal Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente, sarà la sensibilizzazione di turisti e pescatori sui reali pericoli cui vanno incontro questi e gli altri cetacei. Non solo allarme ma suggerimenti concreti: con la promozione di forme di pesca responsabile, che possano coniugare le esigenze economiche della pesca con quelle di conservazione e delle attività di dolphin- watching fra i pescatori. Oltre 1500 le miglia che percorrerà il Veliero lungo le coste italiane, toccando una ventina di località dov’è particolarmente delicata l’interazione tra pesca professionale e delfini. Sarà l’occasione per effettuare un controllo della presenza dei delfini e degli altri cetacei lungo le nostre coste, e di evidenziare i fattori che minacciano la loro sopravvivenza. L’accento sarà posto non solo sui delfini ma anche sulle altre specie marine: la campagna, infatti, vuole portare un contributo tangibile al “Countdown 2010”, il progetto lanciato dall’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura per la conservazione della biodiversità pan-europea. www.ilvelierodeidelfini.it

ARCHEOLOGIA MARITTIMA: UN MASTER A VENEZIA

– È una novità nel Mediterraneo, il Master dal titolo “Archeologia marittima. Archeologia e storia marittima e tecniche della ricerca archeologica subacquea” organizzato dall’Università Cà Foscari di Venezia. Il master è suddiviso in tre settori: archeologico, storico e metodologico senza limiti cronologici. Nei primi due si toccheranno argomenti come i traffici commerciali marittimi, la costruzione navale, la storia della navigazione, l’etnografia navale e le infrastrutture portuali. In quello metodologico si tratteranno tutti gli aspetti della ricerca e della tutela nel settore dell’archeologia navale sia in ambiente subacqueo sia in contesto terrestre, nonché le tecniche di documentazioni post-scavo, il restauro dei reperti, la musealizzazione navale e la creazione e gestione di parchi archeologici sommersi. Oltre a visite all’interno di musei e monumenti legati alla storia navale sono previste lezioni pratiche di navigazione con vela al terzo e di voga. Si terranno inoltre esercitazioni di rilevamento di imbarcazioni e, all’interno di cantieri, si svolgeranno dimostrazioni di costruzione navale. Verranno organizzate lezioni di documentazione subacquea in piscina. Tra le finalità del corso vi è infatti anche la preparazione di base all’attività di documentazione del patrimonio navale marittimo, sia sott’acqua sia all’asciutto, senza limiti cronologici ossia anche di imbarcazioni e manufatti di periodo storico. lettere2.unive.it/beltrame/bando.htm.

Gli altri articoli disponibili in linea
Anno 

 Gen

 Feb

 Mar

 Apr

 Mag

 Giu

 Lug

 Ago

 Set

 Ott

 Nov

 Dic

1997 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428
1998 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440
1999 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452
2000 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464
2001 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476
2002 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488
2003 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500
2004 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512
2005 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524
2006 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536
2007 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548
2008 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560
2009 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572
2010 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584
2011 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596
2012 597 598 599 600 601 602 603

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE