Rubrica Ambiente e mare Nautica n.556 del 08/2008

Numero 556 di Ambiente Mare, le notizie dai mari del globo a cura di Eleonora De Sabata, tratte dall’archivio della rubrica mensile della rivista Nautica

Rubrica Ambiente e mare Nautica n.556 del 08/2008

L’ONDA PIU’ ALTA DELLA STORIA: 32,20 METRI!

– O per lo meno della storia “registrata” dall’uomo. L’onda gigante è stata generata da un tifone di categoria 4, Krosa, che nella sua corsa verso Taiwan il 6 ottobre 2007 ha incrociato la boa oceanografica che ne ha registrato l’altezza record. Alta come un palazzo di 11 piani, l’onda gigante non viaggiava da sola ma era seguita da una schiera di altre solo leggermente inferiori, tanto da far registrare una media statistica ugualmente record di quasi 24 metri. Due mesi più tardi, una violenta burrasca ha fatto segnare il record in Atlantico: 18,30 metri. I record verranno ufficializzati su Annales Geophysicae, ma non rappresentano l’altezza massima raggiungibile da un’onda: solo l’altezza massima mai rilevata dalle boe oceanografiche.

FINANZIAMENTI: IL 25% DELL’INTERO VOLUME D’AFFARI DELLA PESCA

– Lo sostiene l’ONG Oceana dopo aver analizzato i dati ufficiali della FAO. Il rapporto “Troppi pochi pesci: una valutazione regionale delle attività di pesca nel mondo” mostra come solo il 17% degli stock di pesce in tutto il mondo sia ancora poco o moderatamente sfruttato. Al contrario, più dell’80% sono sovrasfruttati o a rischio di diventarlo. La situazione è particolarmente grave soprattutto nell’Atlantico, nel Pacifico Nord-Occidentale nell’Oceano Indiano occidentale. Oceana ha anche valutato in almeno 20 miliardi di dollari l’entità dei finanziamenti erogati alla pesca ogni anno, che rappresentano l’equivalente del 25% del valore del totale delle catture annuali: una percentuale talmente elevata da incentivare, anziché scoraggiare, il sovrasfruttamento delle risorse. L’entità di questi finanziamenti è tale, sostengono gli ambientalisti, che la loro riduzione rappresenterebbe la più grande ed efficace forma di salvaguardia per gli oceani di tutto il mondo. oceana.org/fileadmin/oceana/uploads/dirty_fishing/toofewfish4.pdf

OGNI GOCCIA D’ITALIA

– Frutto di quattro anni di ricerche e del lavoro di 238 collaboratori, è nato il primo studio interdisciplinare delle risorse idriche italiane: l’ “Atlante tematico delle acque italiane”, pubblicato dal gruppo di ricerca interuniversitario Gecoagri-Landitaly, promosso e finanziato dalla Federazione nazionale dei consorzi di bacino imbrifero montano (Federbim), e realizzato con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. L’Atlante viene considerato dagli autori un esempio rappresentativo della maggior parte degli ambienti terrestri dal punto di vista ambientale, paesaggistico, economico e culturale.

INQUINARE IN EUROPA DIVENTA REATO PENALE

– Le “gravi violazioni” delle norme europee sulla tutela ambientale saranno punibili con sanzioni penali. I responsabili, siano essi persone fisiche o giuridiche, saranno colpiti da sanzioni stabilite dai singoli stati e che dovranno essere “effettive, proporzionate e dissuasive”. Due gli anni di tempo per i 27 paesi dell’unione per stabilirle e mettersi in regola. Grande soddisfazione è stata espressa dalla Commissione UE, secondo la quale questa norma farà sì che non ci siano più “porti sicurì’ per chi inquina. La norma UE punta l’indice contro varie forme di inquinamento grave provocate da impianti che gestiscono sostanze pericolose, dalla gestione dei rifiuti e delle scorie nucleari, ma colpisce anche il possesso, la cattura, l’uccisione o la distruzione di specie protette di animali e piante e qualsiasi azione che provochi il significativo deterioramento di un habitat all’interno di un sito protetto. Per quanto riguarda i rifiuti, sono sanzionabili penalmente la raccolta, il trasporto, il recupero e l’eliminazione, comprese la vigilanza dei siti di smaltimento che provochino o possano provocare il decesso o lesioni gravi alle persone o danni rilevanti alla qualità dell’aria, del suolo, delle acque, alla fauna e alla flora. Sono altrettanto sanzionabili la produzione, l’importazione, l’esportazione e l’immissione sul mercato o l’uso di sostanze che riducono lo strato di ozono. www.ansa.it

ITALIANA UNA FUTURISTICA MACCHINA “ACCHIAPPAONDE” PER GENERARE ELETTRICITA’

– L’ha progettata un ricercatore della Normale di Pisa e si tratta (pare, perché la sua forma è ancora top secret) di una sorta di mongolfiera subacquea che, sospesa a cento metri di profondità, dovrebbe catturare l’energia delle onde per trasformarla in elettricità. Il prototipo, calato al largo di Marina di Pisa, è riuscito a produrre energia a costi tre volte inferiori al fotovoltaico e simili a quelli dell’eolico. A settembre sarà sperimentato il modello finale. “La macchina è diversa da tutti gli altri progetti per ricavare energia dal moto ondoso” spiega l’inventore Michele Grassi. “Potrà essere utilizzata in acque calme come quelle del Mediterraneo, ma la sua efficienza in oceano potrebbe essere cinque volte superiore”. Il progetto può essere adattato alle diverse esigenze: da impianti in grado di erogare un megawatt a piccole strutture da 100 chilowattora, capaci di soddisfare il fabbisogno energetico di una trentina di appartamenti al costo di 100mila euro.

ANCHE I GIAPPONESI RESTERANNO SENZA PESCE

– L’aumento del costo del pesce in tutto il mondo sta avendo ripercussioni notevoli su un paese come il Giappone, che tradizionalmente ne è grande consumatore. La sempre maggiore richiesta del mercato cinese sta infatti spingendo al rialzo il prezzo del pesce: la Cina dal 2005 ha superato i nipponici diventando la maggiore importatrice al mondo. Al momento il Giappone importa il 40% di ciò che consuma. Secondo un rapporto dell’Agenzia della Pesca giapponese, però, il paese in futuro non potrà più contare sulle importazioni per soddisfare il bisogno interno. fis.com/fis/worldnews/worldnews.asp?l=e&country=&monthyear=&day=&id=28489&ndb=1&df=0

Gli altri articoli disponibili in linea
Anno 

 Gen

 Feb

 Mar

 Apr

 Mag

 Giu

 Lug

 Ago

 Set

 Ott

 Nov

 Dic

1997 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428
1998 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440
1999 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452
2000 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464
2001 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476
2002 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488
2003 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500
2004 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512
2005 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524
2006 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536
2007 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548
2008 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560
2009 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572
2010 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584
2011 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596
2012 597 598 599 600 601 602 603

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.