Rubrica Ambiente e mare Nautica n.601 del 05/2012

Numero 601 di Ambiente Mare, le notizie dai mari del globo a cura di Eleonora De Sabata, tratte dall’archivio della rubrica mensile della rivista Nautica

Rubrica Ambiente e mare Nautica n.601 del 05/2012

UN CENTINAIO GLI SQUALI ELEFANTE IN SARDEGNA

negli ultimi sette anni: è la stima della prima ricerca sul campo sul più grande pesce del Mediterraneo, l’Operazione Squalo Elefante. La raccolta di dati e segnalazioni, iniziata nel 2005 da MedSharks, ha dimostrato come la Sardegna rappresenti una tappa annuale nelle migrazioni di questo squalo, tanto grande quanto innocuo. Da dove vengano gli squali elefante o cetorini – a rischio d’estinzione e protetti dalle convenzioni internazionali – e dove vadano una volta lasciate le acque sarde, è un mistero che i ricercatori cercano di svelare con indagini genetiche, con il confronto delle “foto segnaletiche” dei diversi individui con la comunità scientifica internazionale e, a partire dall’anno prossimo, con la marcatura satellitare. La ricerca si basa sulla raccolta delle segnalazioni degli appassionati di mare, del personale della Guardia Costiera, delle aree marine protette e parchi marini di Tavolara, Asinara e La Maddalena, della Guardia Forestale Sorveglianza Ambientale. Al momento di andare in stampa, sono stati una decina gli avvistamenti del 2012 concentrati a marzo, per una mezza dozzina di individui in totale. La ricerca si estenderà quest’anno alle altre coste italiane, dove gli squali vengono avvistati sporadicamente ma dove forse la loro presenza è più regolare del previsto, grazie al supporto del CTS, Centro Turistico Studentesco, e della branche italiana della Fondazione Principe Alberto II di Monaco.
www.squaloelefante.it

POSIDONIA MILLENARIA

– L’essere vivente più longevo del mondo – di gran lunga – vive nelle acque del Mediterraneo. Le praterie di Posidonia, la pianta marina dalle lunghe foglie rettangolari presente un po’ ovunque lungo i nostri litorali, possono avere centinaia di migliaia di anni d’età, sostengono dei ricercatori francesi che hanno pubblicato recentemente i loro risultati su PlosOne. Oltre a riprodursi sessualmente, cioè con la fioritura e la produzione di frutti prodotti dall’incrocio di gameti maschili e femminili, la Posidonia è infatti capace anche di clonarsi, cioè di generare delle copie identiche dello stesso individuo. Nelle “copie” del patrimonio genetico, normalmente, a lungo andare si possono formare degli errori. Molti di questi sono negativi, ha spiegato la coautrice del lavoro, Sophie Arnaud-Haond dell’Ifremer francese, e nel tempo portano a una degenerazione dell’individuo e alla sua scomparsa. Quindi anche l’età degli organismi clonati dovrebbe essere limitata: eppure lo studio – che ha esaminato campioni raccolti lungo 3500 chilometri di Mediterraneo – ha trovato piante con lo stesso genoma anche a grandi distanze – anche a 15 chilometri di distanza l’uno dall’altro – e quindi presumibilmente antichissimi. “Attraverso i modelli siamo stati in grado di dimostrare che la Posidonia oceanica ha un modo di diffondersi che evita l’accumulo di mutazioni genetiche negative” ha spiegato la Arnaud. L’incredibile longevità di questa pianta dimostra anche la sua resistenza al cambiamento delle condizioni climatiche in passato. “L’età stimata delle praterie che abbiamo studiato implica che esse sono sopravvissute a condizioni ambientali molti diverse, da una temperatura del mare di dieci gradi inferiore a quella dei nostri giorni e all’abbassamento del livello marino 100 metri sotto il livello attuale di 10.000 anni fa. Hanno dimostrato una straordinaria capacità adattativa”. Ma i cambiamenti del clima attuali sono immensamente più rapidi di quelli avvenuti nei millenni e a cui le piante hanno saputo adattarsi: “La regressione delle praterie di Posidonia che si sta registrando in tutto il Mediterraneo ci fa temere che questa specie sia in grado di affrontare cambiamenti ambientali così repentini”. La Posidonia oceanica è una specie protetta a livello mediterraneo per la sua importante funzione sia di “polmone” del mare, in grado di produrre notevoli quantità di ossigeno, ma soprattutto per la protezione che offre agli individui giovani di moltissime specie.
http://bit.ly/wQCVfe

A PANTELLERIA E ALGHERO SI CATTURERà L’ENERGIA DALLE ONDE

– Dopo le ultime prove nella vasca sperimentale di Pomezia, Iswec – il progetto sviluppato dal team Wave4Energy del Politecnico di Torino – è pronto a entrare in mare, seppur a livello di prototipo. Iswec è una sorta di barchino alla fonda che cattura “dondolando” – o meglio smorzando il beccheggio – l’energia delle rapide onde del Mediterraneo. Ed è proprio da una lunga crociera che due dei ricercatori, nel 2005, ebbero l’intuizione di come catturare l’energia che muove le onde mediterranee, meno imponenti ma più frequenti di quelle oceaniche. “Mentre i dispositivi ottimizzati per gli oceani sfruttano principalmente l’altezza elevata dell’onda, Iswec, lavorando sulla frequenza e sulla pendenza del fianco dell’onda, è capace di estrarre un elevato quantitativo di energia anche da onde poco potenti tipiche di mari chiusi” spiegano i progettisti, Giuliana Mattiazzo e Andrea Gulisano: “Questa risorsa energetica innovativa è conveniente anche rispetto alle tradizionali fonti di energia rinnovabile, fotovoltaico ed eolico, sia in termini di produttività sia in termini di ingombri e impatto ambientale”. Le potenzialità del Mediterraneo in questo campo, pur inferiori a quelle oceaniche dove sono già attivi sistemi diversi per convertire l’energia delle onde (dai 5 ai 15 kW/m contro i 40-70 kW/m), sono però estremamente interessanti per le isole minori e gli arcipelaghi, normalmente dipendenti dalla rete continentale. La sperimentazione partirà a Pantelleria (con una potenzialità di 2.600 MWh/anno) e Alghero (3.110 MWh/anno).
www.waveforenergy.com

Gli altri articoli disponibili in linea
Anno 

 Gen

 Feb

 Mar

 Apr

 Mag

 Giu

 Lug

 Ago

 Set

 Ott

 Nov

 Dic

1997 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428
1998 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440
1999 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452
2000 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464
2001 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476
2002 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488
2003 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500
2004 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512
2005 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524
2006 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536
2007 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548
2008 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560
2009 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572
2010 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584
2011 585 586 587 588 589 590 591 592 593 594 595 596
2012 597 598 599 600 601 602 603

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.