Myor un nuovo dispositivo che assiste durante l’ormeggio

Nautica Editrice
Scritto da Nautica Editrice

ORMEGGIO IN SOLITARIO

Ormai qualsiasi barca, per piccola che sia, può disporre di dispositivi che rendono la navigazione e la manovra molto più semplici e sicure: basti pensare anche soltanto al gps, al plotter cartografico, ai thruster e ai joystick. Eppure, le operazioni di ormeggio e di disormeggio restano intatte nella loro millenaria manualità, al punto che sono tra le poche a necessitare quasi sempre di un equipaggio.

Conscia di questo, l’italiana Stael (www.stael.it) ha studiato e realizzato un sistema che, relativamente al proprio posto-barca abituale, rende le cose molto più facili. Si tratta del Myor, un dispositivo composto da due parti: una, costituita da una sorta di pinza a scocco, da fissare alla banchina o al pontile; l’altra, formata da una specie di forchetta che dispone in modo appropriato un cavo da “pre-ormeggio”, da allestire sulla poppa.

Accostando in retromarcia, quest’ultimo va a incunearsi nella pinza, che lo blocca automaticamente, stabilizzando la barca. A questo punto, una parte importante di tutta la manovra è già impostata: resta solo da recuperare la trappa o la catena e, infine, disporre i normali cavi di poppa.

Tutte cose che anche solo una persona può fare con la dovuta calma.

Il video, qui di seguito, dimostra che il funzionamento è più facile da osservare che da descrivere. Chi vorrà approfondire, potrà farlo al Salone di Genova, padiglione B superiore, stand T15.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.