Una splendida immersione

Esperienze di bordo:, storie di viaggi, crociere in mare o sul lago raccontate direttamente dai lettori di Nautica..

UNA SPLENDIDA IMMERSIONE

di Marco Tosato

La mattina del 2 agosto scorso durante una splendida immersione nei fondali di Capo Grecale, estremo lembo orientale dell’isola di Lampedusa, ho avuto l’amara esperienza di incontrare un gruppo di 4 subacquei (con bombole ara) muniti di fucile, retino e relative prede. La nostra immersione era guidata da Gianni Giuffrida e dalla moglie Irene Paternò, una delle più apprezzate coppie di fotografi subacquei in Italia e nel mondo e titolari del Blue Adventures Diving; una volta in superficie l’indignazione generale di tutto il nostro gruppo fu tale che si prese la decisione di chiamare la Guardia Costiera. All’arrivo della vedetta dovetti constatare che le amare sorprese non erano finite: non solo non era sufficiente verificare, da parte dei militi, la presenza in barca di bombole, fucili e prede per procedere al sequestro dell’attrezzatura ma addirittura il nostro gruppo avrebbe dovuto riconoscere in superficie chi fisicamente trasportava fucile e prede!!! Credo non serva precisare come le mute subacquee impediscano completamente di identificare la persona che le indossa.

Conclusioni: nessuno dei pescatori ha subito sequestri o multe; il titolare del diving e dell’imbarcazione, autore della denuncia, deve dormire a bordo della sua imbarcazione per paura di ritorsioni e attentati.

Morale: chi si è comportato peggio? I pescatori o le forze dell’ordine?

Posso assicurare che l’indignazione provata verso i pescatori non è stata nulla in confronto alla delusione di fronte al non agire delle autorità competenti. Vorrei ricordare che le norme che vietano la caccia subacquea con autorespiratori ad aria sono molto chiare ed inequivocabili e soprattutto sono conosciute da tutti coloro che hanno conseguito un brevetto per attività subacquee; e non solo, in teoria, le bombole possono essere affittate solo previa dimostrazione di un brevetto riconosciuto.

Ora io mi chiedo e Vi chiedo: per quanto tempo sarà possibile osservare le bellezze di quei mari se l’autorità che dovrebbe controllare, impedire e reprimere la pesca di frodo, per motivi che non voglio nemmeno sapere, non agisce e non dà l’esempio?

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.