A Forio d’Ischia dal 6 all’8 giugno si è disputata terza tappa del XVIII Trofeo Del Dinghy 12’ classico

10 giugno 2019: una trasferta inusuale per i Dinghy Classici che per la prima volta hanno bagnato i loro scafi nelle acque blu della splendida Ischia.

Magnifica l’accoglienza tipicamente partenopea dello Yacht Club Punta Imperatore e del suo Presidente Pasquale Orofino, che hanno fatto sentire a casa già dal primo giorno tutti i partecipanti all’evento.

 

Nella giornata di giovedi 6 giugno al briefing di apertura è stato commemorato con grande commozione il Consigliere della Classe Ezio Braga che si è inaspettatamente e prematuramente spento nei giorni scorsi.

Ad Ezio è stato tributato un sonoro Hip -Hip Hurrah! come avrebbe certamente gradito da grande sportivo e persona di spirito quale era. Ci mancherà moltissimo.

In mare nella prima giornata di regate due combattute prove disputate come da programma, con vittorie rispettivamente di Giovanni Boem e di Fabio Mangione.

 

Nel secondo giorno di regate, un vento leggero da ponente a tratti si è affacciato sul campo di regata ma, nonostante due partenze date e poi annullate, non si è riusciti concludere una prova completa.

Consolazione a terra dopo oltre sei ore di permanenza in acqua con un pasta-party al Club e poi con la serata conviviale sulla terrazza del Villa Carolina.

 

Altra storia nella giornata di sabato. Il vento arriva e questa volta dalla direzione giusta, da sud. Tre bellissime prove disputate con due vittorie di Alberto Patrone ed una di Boem e tre secondi posti per Fabio Mangione.

 

Una durissima battaglia per le tre prime posizioni fino all’ultima boa e all’ultima strambata. L’ha spuntata Alberto Patrone (C.V. Cogoleto) su “Damina” a pari punti col secondo classificato Fabio Mangione (C.N. Rimini) su “Al”. Terzo con un solo punto in più Giovanni Boem (Diporto Velico Veneziano) su “Papera spaziale”.

 

E’ stato un bellissimo evento che ha segnato, per così dire, il giro di boa del XVIII Trofeo del Dinghy 12’ Classico, un evento finalmente col bel tempo che ha sancito la lotta al vertice della classifica tra i primi tre classificati ed un sempre regolarissimo Vincenzo Penagini (Y.C.I.) su “Spirit of Falena” questa volta classificatosi quarto assoluto ed un sempre più in forma Andrea Cito Filomarino (Vela Club Levanto) sulla sua azzurra “Splendore” classificatosi quinto assoluto.

 

Da segnalare la prestazione sempre in crescendo di Carlo Schena (SVMM) sulla sua “Jolly Roger” con tanto di bandierina pirata a poppa in lotta serrata col veneto Francesco Vidal (AVL) su “Mogador”, rispettivamente sesto e settimo classificato  e della Francesca Lodigiani (CV Santa Margherita Ligure) su “Obi-Wan-Kenobi”, “Segretario” della Classe che si è aggiudicata la classifica femminile con ben tre donne partecipanti.  Sono mancati alcuni dei protagonisti del Trofeo come Bertacca, Anghileri, Puzzarini e l’Olandese Surendonk per impegni personali.

 

Ben due i “Legend” presenti, Alberto Marini (A.V. Bracciano) su “Regulus” e Giorgio Sanzini (C.V. Tiberino) su “Maf”. Una sfida tutta romana che ha visto prevalere Giorgio.

Da segnalare la presenza di Anna e Rupert Meister dalla Germania e di Frederic De Rutté dalla Svizzera.

 

Ecco l’elenco dei premiati

Classifica Assoluta

  1. Alberto Patrone (C.V. Cogoleto)  “Damina
  2. Fabio Mangione (C.N. Rimini)  “Al”
  3. Giovanni Boem (Diporto Velico Veneziano)  “Papera spaziale”
  4. Vincenzo Penagini (Y.C.I.)  “Spirit of Falena”
  5. Andrea Cito Filomarino (Vela Club Levanto) “Splendore”

Classifica Femminile

  1. Francesca Lodigiani (CV Santa Margherita Ligure) su “Obi-Wan-Kenobi”

Classifica Imbarcazioni Veteran (1913-1975)

  1. Fabio Mangione (C.N. Rimini)  “Al”
  2. Francesco Vidal (AVL)  “Mogador”
  3. Roberto Armellin (Homerus Onlus) “Pippo II”

Classifica Imbarcazioni Vintage (1976-1999)

  1. Roberto Scanu (Sailing Team Bracciano) “Perché Cucly”
  2. Alberto Marini (A. V. Bracciano) “Regulus”

Classifica Master

  1. Vincenzo Penagini (Y.C.I.)  “Spirit of Falena”
  2. Francesco Vidal (AVL)  “Mogador”
  3. Paolo Alfonso Sada (Y.C.I.) “Moby Dick’s Baby”

Classifica Supermaster

  1. Roberto Scanu (Sailing Team Bracciano) “Perché Cucly”

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE