Gran Premio d’Italia Mini 650

Daniele Carnevali
Scritto da Daniele Carnevali

SIDERAL di Fornaro-Bravo De Laguna (PROTO) e KOATI di Renella-Solaroli (SERIE) i primi al passaggio delle Bocche di Bonifacio.

Dopo un inizio lento i Mini iscritti al GPI 6.50 hanno incontrato il vento tra la Corsica e la Sardegna. Inizia la seconda parte con rotta su Giannutri e la risalita verso Genova.

 

Genova. – Partiti regolarmente alle ore 12.00 di Sabato 8 aprile, i 18 Mini 6.50 iscritti al Gran Premio d’Italia sono arrivati in Tirreno. Percorso accorciato con l’eliminazione di Gallinara alla partenza, la rotta da seguire è Genova, Bocche di Bonifacio, Giannutri e ritorno al porto Ligure.

Una ampia zona di alta pressione presente sul Golfo di Genova ha reso le prime 24 ore di regata una vera prova di nervi; vento quasi assente e l’urgenza di scappare quanto prima per incontrare il Nord Ovest previsto nella prima parte di Lunedì 9 aprile.

La flotta si divide subito in due; chi resta verso la costa Ligure e quindi più verso Ponente e chi tenta la strada più corta iniziando la discesa verso le coste della Corsica.

Tra i proto Sideral ITA 931 sceglie l’opzione ovest e sfrutta le termiche per avere velocità seguito da un gruppo di barche di serie tra cui KOATI ITA 446 di Renella-Solaroli, JANAINA ITA 608 di Castelli- Martinet, POGO DANCER CZE 908 di Roubal-Komarek, ELOA CRO 704 di Kabalin – Suardi e LENDUR GBR 740 di Sharpe-Torresani.

Per il gruppo più a Est, nei proto si porta in testa ITA 444 SPOT di Rusticali-Komatar con il gruppo dei serie tra cui Remi-Ferellec di FRA 868 COSTRUCTION DU BELON , Vi.Pe.R ITA 859 di Lusso-Fissore, PENELOPE ITA 603 di Grassi-Rossi, BEA ITA 633 di Moresino-Buompane, SANYLEG TORTUGA ITA 738 di Gelmini-Paltrinieri, ZERO & T ITA 556 di Cuciuc-Pingelli e il proto ITA 5 PARIS TEXAS di Paliaga-Balzano. Il resto della flotta subisce ancora l’alta pressione e resta bloccata più a nord.

Lunedì entra prima il maestrale, per poi girare a Ponente e la flotta, che nel frattempo si è ricompattata all’altezza di Calvi, inizia a prendere velocità. SIDERAL entra nel flusso per primo ed aumenta il suo distacco seguito da KOATI ITA 446 che conduce sui serie, alternando la posizione di testa con l’altro mini di serie ELOA CRO 704.

Rientro a Genova per ITA 444 di Rusticali-Komatar per un problema al sartiame.

L’effetto Venturi alle Bocche di Bonifacio rende il passaggio velocissimo e Fornaro di SIDEREL passa il waypoint alle ore 18.38 di lunedì 10 aprile, mentre per i serie è KOATI di Renella-Solaroli a passare per primo alle 23.42, precedendo di un solo minuto la barca croata ELOA di Kabalin-Suardi. Gli altri Mini seguiranno distanziati di pochi minuti l’uno dall’altro.

Si entra così nella seconda parte della regata con il prossimo passaggio a Giannutri e risalita verso Genova. Le velocità si sono ridotte e se le carte meteo rispettano i dati sarà un rientro di bolina.

sull'autore

Daniele Carnevali

Daniele Carnevali

Classe ’81, giornalista professionista approdato nella redazione di Nautica nel 2003. Appassionato di barche a vela e a motore, nel tempo libero si diletta a veleggiare a bordo del suo Fireball.

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.