I Kiwi si prendono la Coppa America: BYE BYE, ORACLE

Roberto Neglia
Scritto da Roberto Neglia

Dopo 10 anni di oscurantismo, la Coppa America viene sfilata dalle mani americane, le peggiori della sua lunga storia, e meritatamente conquistata dai Neozelandesi. Ma la vittoria del trofeo ancora disputato più antico del mondo non è solo quella di Emirates Team New Zealand. E’ la vittoria di tutti quelli che amano lo sport e la vela. Come annunciato dai Kiwi, ora tutti si aspettano il ritorno a un sistema di confronto più equo ed etico, con regole certe che non vengano cambiate, unilateralmente, all’ultimo minuto, e capace di coinvolgere dei veri sfidanti. Non solo dei team satellite del Defender. E’ anche una vittoria molto tricolore.  ETNZL, infatti, conta sul Team Principal Matteo De Nora, origine italiane e cittadino del mondo, Max Sirena, ex Skipper dei Prada boys e technical advisor, Alessandro Franceschetti, ingegnere strutturale, Fabrizio Marabini, software and system engineer, Vito Vattuone e Massimiliano Carbone, sistemi idraulici, Stefano Morosin, ingegnere elettronico, Gilberto Nobili, grinder, e Giordana Pipornetti, Ufficio stampa, oltre agli sponsor Pirelli e Armare Ropes. E Patrizio Bertelli, patron di Luna Rossa ha già depositato la domanda che gli conferisce il ruolo di leader dei Challenger.

Sul numero di Nautica di Luglio i presupposti del trionfo neozelandese, con la conquista della Louis Vuitton Cup.

sull'autore

Roberto Neglia

Roberto Neglia

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.