Le novità del Gavitello d’Argento – Yacht Club Challenge Trophy Bruno Calandriello

Daniele Carnevali
Scritto da Daniele Carnevali

Si svolgerà nei giorni 8 – 11 giugno l’edizione 2017 del Gavitello d’Argento – Yacht Club Challenge Trophy Bruno Calandriello, la regata a squadre per club organizzata dallo Yacht Club Punta Ala con il supporto dello sponsor Cetilar e la partnership tecnica di Slam. La regata, istituita nel 2014 in memoria di Bruno Calandriello – storico Presidente del circolo di Punta Ala e armatore di successo con la celebre serie dei Dida, scomparso nel 2013 – comprende una serie di prove a bastone (venerdì 9 e domenica 11) e una regata costiera tra le isole dell’arcipelago toscano (sabato 10). Una competizione che in soli quattro anni ha ottenuto un notevole riscontro, con la partecipazione dei Club più prestigiosi della vela sportiva italiana: questo grazie alla nota capacità organizzativa dello YC Punta Ala ed alle rinomate condizioni del campo di regata toscano. La nuova data (8 – 11 giugno) permette una perfetta integrazione con la 151 Miglia – Trofeo Cetilar, che prenderà il via da Livorno giovedì 1 giugno con arrivo a Punta Ala, dove le barche sono attese tra venerdì 2 e sabato 3: questo darà la possibilità agli armatori interessati di mantenere la barca nel porto maremmano fino alla settimana successiva, quando inizierà il Gavitello d’Argento (gli ormeggi gratuiti saranno disponibili dal 4 al 16 giugno). A sancire ulteriormente il legame tra queste due competizioni, anche nel 2017 sarà istituita una speciale combinata tra le due regate. Oltre al cambio di data, Il bando di regata 2017 contiene importanti modifiche relative ai requisiti di partecipazione, una relativa alle classi di iscrizione delle imbarcazioni che andranno a comporre i team ed una relativa all’assenza di limitazioni per la presenza di atleti classificati sia come membri di equipaggio che come timonieri. Se fino allo scorso anno ogni team doveva essere necessariamente formato da uno scafo in classe ORC e due scafi in classe IRC, a partire dalla prossima edizione ciascuna squadra potrà decidere liberamente la propria “formazione”, sarà di conseguenza indifferente che i tre scafi facenti parte del team siano due ORC e un IRC o viceversa. Altra novità di grande importanza è l’assenza di limitazioni relative alla presenza di atleti classificati come membri di equipaggio o timonieri. Con l’edizione numero 4 il Gavitello d’Argento non prevederà più il vincolo di avere a bordo una percentuale dell’equipaggio pari al 40% di atleti classificati (ed un timoniere che non superi i 300 punti FIV) ed i team potranno essere composti liberamente. Conseguenza diretta di questa modifica è l’istituzione del trofeo YC Punta Ala, assegnato alla prima imbarcazione classificata con timoniere Corinthian nella classe ORC e IRC. Nuovi requisiti di partecipazione che contribuiranno certamente all’innalzamento del livello tecnico della manifestazione, già caratterizzata dalla presenza di Club di grande blasone e di alcune delle barche più competitive del Mediterraneo. Una flotta accomunata dalla condivisione di uno speciale modo di vivere il mare e di regatare, issando con orgoglio il guidone del proprio Club sullo strallo di poppa.

Su puntalagavitello.it è online il bando di regata ed è possibile restare aggiornati su tutte le novità.

sull'autore

Daniele Carnevali

Daniele Carnevali

Classe ’81, giornalista professionista approdato nella redazione di Nautica nel 2003. Appassionato di barche a vela e a motore, nel tempo libero si diletta a veleggiare a bordo del suo Fireball.

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.