NOVOFIL DA DOMANI IN GARA NEL MONDIALE DI MOTONAUTICA CLASS V1

Nautica Editrice
Scritto da Nautica Editrice

La barca del team Rg87 della famiglia Schiano fino a domenica in corsa per il titolo iridato a Chioggia

            Il team flegreo Rg87, a bordo dello scafo già campione del mondo nel 2015, da quest’anno affiancato dal nuovo main sponsor Novofil, sarà in gara da domani, giovedì 28 settembre, a domenica 1° ottobre a Chioggia nella tappa iridata del campionato di motonautica Class V1. Sarà una sfida serrata contro numerosi avversari, che vedrà l’equipaggio partenopeo a caccia del suo secondo titolo mondiale.

Un team speciale quello partenopeo, perché a bordo saliranno tre membri della famiglia Schiano. Accanto al padre, il veterano Antonio, throttleman del Fountain 42 che ha già regalato tante soddisfazioni, si alterneranno i figli Giuseppe, driver anche in occasione del mondiale vinto nel 2015, e Rosario, il più giovane, che due anni fa era a capo del team tecnico mentre quest’anno si alternerà a bordo con il fratello e il padre. La barca, anche quest’anno, sarà curata dal team di Hi-Performance Italia, che si conferma leader del settore e che metterà a punto i due motori Mercury per offrire la massima potenza e permettere allo scafo di essere competitivo nelle tre gare.

            Il programma del Grand Prix of Italy-Trofeo Città di Chioggia, organizzato da Giampaolo Montavoci, presidente dell’Associazione Motonautica Venezia, prevede per la Class V1, dopo le prove libere di oggi (ore 15.30), la prima gara alle 17.30 di domani (pole position alle 15.30). Venerdì sarà giorno di pausa, mentre sabato i team torneranno in mare per la gara lunga, sempre alle 17.30. L’ultima prova, invece, è in programma domenica 1° ottobre alle 17. Il circuito sarà molto complesso, con una parte al largo di Chioggia e una boa posizionata all’interno del canale, molto vicina alla terraferma.

            “Sarà un mondiale molto difficile – spiega Antonio Schiano -. Saranno tre gare ravvicinate, gli errori peseranno più che in passato e un buon assetto della barca potrebbe essere determinante per dare affidabilità e portare a casa un risultato positivo. Noi proveremo a vincere, pur sapendo che sarebbe un’impresa considerando il valore degli avversari e la giovane età dei miei figli che mi affiancheranno in quest’avventura. Giuseppe, però, ha già dimostrato di essere competitivo a questi livelli, sono convinto che anche Rosario saprà mostrare le sue qualità. È pur sempre, però, la prima volta che correremo tutti insieme in una gara ufficiale”.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.