Il Peso della farfalla domina al Trofeo Acquafresca

Daniele Carnevali
Scritto da Daniele Carnevali

Due giornate intense a Brenzone per l’edizione 2017 del Trofeo Acquafresca. Il vento fresco da sud non ha deluso le aspettative permettendo ai Protagonist di dare ancora spettacolo.

Le prime prove del sabato hanno visto un vento instabile e la direzione di gara ha colto l’opportunità ponendo il campo a cavallo di due venti, che in certi momenti creavano una differenza di quasi 30 gradi da un punto all’altro della linea di partenza, obbligando i tattici a rimanere sintonizzati sulla bussola per trovare la rotta giusta. In questa classe basta sbagliare una virata per passare dalla testa alla coda del gruppo.

Nella partita a scacchi con il vento è emerso prepotentemente Marco Schirato che ha fatto sentire tutti i chilogrammi del “Peso della farfalla” di Roberta De Munari, arrivando primo in cinque prove su sei. Weekend perfetto per questo equipaggio in gran forma e già proiettato sul nazionale di settembre. In seconda posizione Antonio Scialpi, primo tra i timonieri armatori, su Mmahhipiu, che ha dimostrato ancora una volta le sue grandi capacità tattiche su prove impegnative. La costanza ha invece premiato Lorenzo Tonini su General Lee al terzo posto e Luca Bovolato su Pata-ta, giù dal podio per un solo punto.

Il meteo della seconda giornata, che dava un vento da sud in calo rispetto al giorno precedente, è stato disatteso e gli equipaggi hanno dovuto settare le barche per affrontare un’altra giornata di aria decisa. Così si è replicata la situazione del sabato ma con aria ancora più marcata sulla parte sinistra del campo di regata. La situazione ha costretto l’organizzazione a riposizionare più volte le boe per avere una giusta traiettoria del percorso rispetto alla direzione del vento. L’ottimo lavoro da parte del Circolo di Acquafresca e dei giudici non ha comunque placato i capricci del vento che ha favorito soprattutto nell’ultima prova gli equipaggi che hanno scelto il lato sinistro del percorso.

Andrea Barzaghi alla barra di Yerba del Diablo è riuscito a sfruttare al meglio questa situazione vincendo l’ultima prova e resistendo all’attacco finale di Scialpi dopo una serie avvincente di strambate ad un passo dall’ultima boa. Nel mezzo Andrea Taddei, Luca Bovolato e il guru della Classe Protagonist Luciano Galloni, prestato al timone di Geronimo, si sono sfidati in incroci, sorpassi e manovre che hanno dimostrato tutte le potenzialità di questa barca magnifica in ogni condizione di vento.

L’avventura riprende tra 15 giorni qualche miglio più a Sud per il Trofeo Avesani al Circolo Nautico Brenzone.

sull'autore

Daniele Carnevali

Daniele Carnevali

Classe ’81, giornalista professionista approdato nella redazione di Nautica nel 2003. Appassionato di barche a vela e a motore, nel tempo libero si diletta a veleggiare a bordo del suo Fireball.

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.