SI APRE LA STAGIONE DEI MINI 6.50 CON LA REGATA TRA LE ISOLE DELLA TOSCANA ORGANIZZATA DAL CIRCOLO VELICO DI TALAMONE

Daniele Carnevali
Scritto da Daniele Carnevali

TALAMONE. La stagione della Classe Mini 6.50 italiana, da quest’anno supportata da Ambeco S.r.l., si apre venerdì 17 marzo con l’ottava edizione dell’ARCIPELAGO 6.50, prima tappa del Campionato Italiano della Classe.

Organizzata dal CVT (Circolo Velico di Talamone), la regata si corre in doppio su un percorso con partenza ed arrivo a Talamone e passaggi intermedi alle isole Giannutri e Capraia che fungono da boe, la direzione di percorrenza viene decisa in base alle condizioni meteo.

Il parterre dell’ARCI 6.50 vede un totale di 20 imbarcazioni iscritte suddivise tra tre Prototipi e ben 17 barche di Serie, confermando l’attenzione verso questa categoria.

Per i proto l’attenzione è rivolta su Andrea Fornaro, in corsa per la Mini Transat, che ha varato Sideral 931 a fine febbraio ed è già salito sul podio della Mini Figaro Golfe con una bella medaglia d’argento. In coppia con Oliver Bravo De Laguna, Fornaro prepara la stagione su una barca nuovissima e che promette ottime prestazioni.

Per la quota vintage abbiamo un ritorno storico di ITA 342, il proto che ha visto l’inizio della carriera di Michele Zambelli, con il giovanissimo Luca Rosetti in coppia con Matteo Savelli. A chiudere le fila della categoria Pier Antonio Chiericato, co skipper Igli Salvato, con il suo bellissimo Mini Match Aquilante 188, progetto Romanelli, e completamente rimesso a nuovo.

Nei Mini di Serie occhi puntati su alcuni degli skipper italiani iscritti alla Mini Transat di quest’anno come Emanuele Grassi (Penelope 603, co skipper Vittorio D’Albertas), Luca Sabiu e il neo presidente della Classe Mini Italia Ambrogio Beccaria (entrambi a bordo di Jolly Roger 538) e Federico Cuciuc (skipper di Zero & T 556 accompagnato da Stefano Paltrinieri).

All’esordio nella Classe una giovane atleta del Centro Sportivo dell’Aeronautica Militare, Francesca Komatar, che dal mondo delle derive ha deciso di fare il salto verso l’altura a bordo del Pogo 2 Aeronautica Militare 659, in coppia con il collega Carlo Diomaiuta.

Altri nuovi volti della classe sono Antonio Madadu e Corso Quilici (Minuscopik 520 – modello GINTO), Edoardo Cavallo e Adriano Tucci (Base Camp 438 – Pogo 2), Andrea Lorenzi e Marco Rossi alla loro seconda stagione a bordo dell’Argo Lorenzi Hub 857 (ex Sideral di Andrea Fornaro), Luciano Di Gregorio e Sergio Curcio di (Baldriga 808 – Zero), dall’Adriatico Ten Ten II 309 con Roberto Scalabrin e Manuel Polo.

Buona la presenza delle quote rosa come nella coppia Davide Leonardo Rizzi – Marzia Musso, partners a bordo e nella vita, armatori di 745 Stered Lostek, Davide Lusso – Valentina Fissore a bordo dell’ARGO Vi.Pe.R 859 e Marina Di Giulio skipper di Eureka 269 insieme ad Alessandro Suardi.

Per i veterani della Classe abbiamo Frassinetti Andrea che sarà co skipper di Diego Paternò Castello di Sangiuliano a bordo di Big Jim 622, Ernesto Moresino skipper di Bea 633 in coppia con Antonio Buompane e Francesco Renella in coppia con Enrico Podestà a bordo di Koati 446.

Chiude la sfilata la presenza straniera con altre due barche iscritte alla Mini Transat 2017; con bandiera tedesca GO4IT 819 di Andreas Deubel, co skipper Jan Keinze, e con bandiera francese FRA 868 Remi Aubrun (velaio francesce) con Nicolas Ferellel.

L’Arcipelago 650 è una regata tecnica e sarà sicuramente una buona finestra per vedere il panorama dei giochi di questa stagione Mini 6.50 2017.

sull'autore

Daniele Carnevali

Daniele Carnevali

Classe ’81, giornalista professionista approdato nella redazione di Nautica nel 2003. Appassionato di barche a vela e a motore, nel tempo libero si diletta a veleggiare a bordo del suo Fireball.

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.