UNA SOLA PROVA MA SI INFIAMMA LA LOTTA PER IL TITOLO

Nautica Editrice
Scritto da Nautica Editrice

Porto San Rocco (Muggia – Trieste), 5 luglio 2017 – Una sola prova di giornata per le 116 imbarcazioni impegnate nell’ORC Worlds Trieste 2017, il Campionato Mondiale di vela d’altura in corso di svolgimento nelle acque del Golfo di Trieste.
Ancora una giornata di brezza che non ha superato gli 8 nodi, ma sufficiente a far duellare gli scafi fin dalla partenza e apportare alcune interessanti modifiche nelle parti alte delle classifiche provvisorie di tutte e tre le classi.

In classe A, Sheraa Yacht Club Hannibal (Swan 42 di Maurizio Poser) mantiene la leadership e il Cookson 50 Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato sorpassa – sebbene solo di un punto – Altair 3, lo Scuderia 50 di Sandro Paniccia.

In classe B, Nube, l’X-41 croato di Diego Zanco, rimane saldamente in testa, ma lo Swan 42 Bewild di Renzo Grottesi raggiunge la seconda piazza e si lascia alle spalle il gemello Selene Alifax di Massimo De Campo grazie al calcolo dei migliori parziali di giornata.

Tra i C, sempre Mummy One Lab Met (Farr 30 di Alessio Querin) è ancora primo, ma dietro di lui l’altro Farr 30 Sease di Giacomo e Franco Loro Piana scala di una posizione e gli estoni capitanati da Aivar Tuulberg su Katariina II (Arcona 340) salgono virtualmente sul gradino più basso del podio.

In acqua l’avvio più facile è quello della classe A, con 17 barche sulla linea del via. La prima partenza è subito quella buona e dopo tre giri del percorso a bastone con vento da 255° saranno i “Mascalzoni” di Vincenzo Onorato a vincere la prova.
Più rallentata la partenza della classe B: ci vogliono infatti tre procedure per “domare” la flotta e solo lo spauracchio di un’ulteriore tornata di squalifiche individuali per partenza anticipata fa posizionare correttamente sulla linea tutti i 49 concorrenti. Lo Swan 42 Bewild di un ispirato Andrea Casale alla tattica agguanta la testa e macina distacco sui diretti inseguitori, guadagnandosi così la seconda vittoria di giornata di questo Campionato.
Anche per i C il Comitato di Regata deve approntare ben quattro procedure di partenze per rendere finalmente valido lo start di  una flotta di 50 agguerritissime imbarcazioni dalle quali esce vincitore, per la seconda prova consecutiva, il Melges 32 Airis di Cesare Bressan.

Per domani si prevede ancora una giornata di brezze leggerissime e per questo motivo il Comitato ha deciso di posticipare lo start alle 13, confidando nel vento più regolare del pomeriggio.

DICHIARAZIONI
Niccolò Bianchi, tattico di Katariina II:«Abbiamo disputato la regata della vita guadagnando un buon vantaggio con un’ottima partenza al pin e contenendo poi la rimonta dei nostri avversari, che sono più veloci con queste arie leggere. La nostra imbarcazione è performante con venti sopra i 12 nodi e qui stiamo soffrendo non poco. Abbiamo un occhio attento all’entrata in gioco dello scarto (con il completamento di 7 prove viene scartato il risultato peggiore di giornata per il calcolo delle classifiche, ndr), che spariglierà indubbiamente le carte».

Cesare Bressan, armatore Airis:«La nostra presenza a questo Mondiale è una sfida e la barca si sta comportando molto bene, nonostante sia ottimizzata per vento intorno ai 10 nodi. Fino alla fine sarà una dura battaglia con i Mumm 30. Noi ci troviamo in una posizione molto particolare: dobbiamo dare costantemente il massimo in ogni momento della regata, perché il compenso ci impone di vincere sempre»

CLASSIFICHE GENERALI PROVVISORIE

Classe A

  1. SHERAA (Swan 42), Maurizio Poser, ITA
  2. MASCALZONE LATINO (Cookson 50), Vincenzo Onorato, ITA
  3. ALTAIR 3 (Scuderia 50), Sandro Paniccia, ITA
  4. FRECCIA ROSSA (TP52), Vadim Yakimenko, RUS
  5. AERONAUTICA MILITARE DUENDE (Vismara 46), Raffaele Giannetti, ITA

Classe B

  1. NUBE (X-41), Diego Zanco, CRO
  2. BEWILD (Swan 42), Renzo Grottesi, ITA
  3. SELENE ALIFAX (Swan 42), Massimo De Campo, NED
  4. HORUS TEMPUS FUGIT (M45), Nadia Canalaz, ITA
  5. DIGITAL BRAVO (Swan 42), Alberto Franchi, ITA

Classe C

  1. MUMMY ONE – LAB MET (Farr 30), Alessio Querin, ITA
  2. SEASE (Farr 30), Giacomo e Franco Loro Piana, ITA
  3. KATARIINA II (Arcona 340), Aivar Tuulberg, EST
  4. HANSEN (X-37), Michael Mollmann, DEN
  5. LOW NOISE II (Italia 9.98 F), Giuseppe Giuffrè, ITA

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.