Un arrivo al fotofinish ha deciso il campione della Star Sailors League 2017

Nautica Editrice
Scritto da Nautica Editrice

Le regate dell’ultima giornata delle finali della Star Sailors League si sono svolte a Nassau in condizioni meteo perfette con sole e vento sui 15 nodi. La flotta si è ridotta a 8 equipaggi dopo i quarti di finale e a quattro dopo le  semifinali. I quattro finalisti sono stati  i francesi Xavier Rohart / Pierre-Alexis Ponsot, il britannico Paul Goodison in barca con il tedesco Frithjof Kleen, i brasiliani Robert Scheidt / Henry Boening e gli americani  Mark Mendelblatt / Brian Fatih, quest’ultimi qualificatisi direttamente dopo la vittoria del girone di qualificazione di ieri.

Nella regata finale, Mendelblatt / Fatih hanno condotto il gruppo che si è diretto verso la sinistra del campo di regata mentre Goodison / Kleen si sono mantenuti sulla destra. Alla prima boa di bolina gli inglesi sono riusciti ad infilarsi giusto avanti agli americani. Alla seconda boa di bolina, il duo anglo-tedesco aveva leggermente aumentato il proprio vantaggio sugli altri, ma con una poppa molto rafficata il finale era ancora molto incerto. Sull’ approccio finale al traguardo, Scheidt / Boening si sono avvicinati moltissimo, sfruttando la maggiore pressione e delle buone onde mentre Goodison / Kleen sembravano più lenti. Tuttavia all’ultimo momento Goodison / Kleen hanno  preso velocità e sono riusciti a vincere per appena un metro. Si è trattato di un finale appropriato per questa ultima prova che ha incoronato il campione dei campioni , in cui il vincitore si aggiudica US $ 40.000 dei US $ 200.000 del montepremi totale.

Goodison ha così descritto gli ultimi secondi della regata: “Cercavo disperatamente di navigare basso per avvicinarmi all’estremità della boa  del traguardo e Frida [Frithjof Kleen] mi diceva continuamente” STAI ANDANDO TROPPO LENTO, STAI ANDANDO TROPPO LENTO – ORZA!’. C’è stato un po ‘di panico a bordo. Eravamo davvero tutti molto vicini per essere rilassati”. Kleen ha aggiunto:” È sempre molto difficile proteggersi da Robert Scheidt perché in poppa è il miglior velista del mondo e ci ha raggiunto con grossa facilità … ”

In effetti il ​​due volte campione del mondo di Moth e il suo corpulento prodiere erano diventati esperti di finali al fotofinish avendo avuto un’esperienza simile nelle semifinali. In quell’occasione avevano battagliato contro i tedeschi Philipp Buhl e Markus Koy: il vincitore sarebbe entrato in finale, il perdente sarebbe stato eliminato. Vincere quella particolare gara nella gara è stato particolarmente importante per Kleen. “Stavo lavorando duramente per raggiungere i tedeschi durante la semifinale! La differenza era evidente:  noi rollavamo molto di più e questo ci ha aiutato “, ha spiegato il prodiere tedesco di Goodison.

Nonostante abbia perso la finale, Robert Schiedt ha detto che è stata una regata fantastica”. Sono successe molte cose – cambi di posizione, virate di copertura, penalità- e poi abbiamo avuto il fotofinish. Siamo riusciti a fare una buona strambata all’interno e abbiamo preso un po’ più di vento e quando siamo andati all’incrocio, ho pensato a un certo punto che li avremmo passati. Ma alla fine non mi è stato possibile andare basso quanto avrei voluto perché sulla mia rotta c’era la barca del comitato di regata. La vittoria l’hanno meritata, per noi far parte di questa finale è stato davvero entusiasmante “.

È  interessante notare che tre dei quattro finalisti erano ex velisti di Laser che hanno gareggiato alle Olimpiadi di Atene nel 2004. In quell’occasione Schiedt ha vinto l’oro, Goodison è arrivato quarto e Mendleblatt settimo. Durante le qualifiche di questa settimana, Mendelblatt e Fatih sono stati l’equipaggio da battere, ma forse hanno sofferto il fatto di partecipare alle finali senza alcun “riscaldamento”, cosa che gli altri avevano fatto prendendo parte ai quarti di finale e alle semifinali.

Goodison è stato felicissimo del risultato: “Sono al settimo cielo – non me lo aspettavo affatto.” Date le condizioni di oggi con un po’ più di vento, le scommesse erano a favore dei veterani della Star, piuttosto che di un esordiente della classe come lui. “Stamattina abbiamo dato un’occhiata al trofeo e ho visto il nome di Bart inciso su di esso [il compianto Andrew Simpson, che ha vinto l’oro nella Star a Pechino nel 2008 e faceva parte con Goodison della squadra olimpica inglese] e Frida ha detto che il miglior prodiere avrebbe ricevuto  l’Andrew Simpson Trophy. Da qualche parte lassù sono sicuro che Bart ci stava sorridendo aiutandoci a essere più veloci. È un grande onore regatare contro questi velisti. Sono veramente entusiasta per aver vinto e sono estremamente grato a Frida per essere stato il mio mentore, il mio aguzzino, e il mio tutto negli ultimi 10 giorni “.

Cosa farà con la sua parte di montepremi? “Beh, ho un nuovo Moth in costruzione,ma penso che la mia famiglia quest’anno avrà dei regali di Natale migliori!” ha concluso il due volte Campione del Mondo di Moth, medaglia d’oro ai Giochi olimpici con Laser e ora campione della Star Sailors League.

I festeggiamenti di questa sera proseguiranno al Nassau Yacht Club con una cena di gala, dove Dennis Conner distribuirà i premi agli atleti – che indosseranno i loro blazer ufficiali della Star Sailors League, gentilmente forniti da Think Pink.

Le prossime Finali della Star Sailors League si terranno di nuovo a Nassau, nelle Bahamas, dal 3 all’8 dicembre 2018.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.