Il trimarano della classe ORMA 60 AD MAIORA, ex Fleury Michon IX, totalmente rinnovato in soli due mesi, ha esordito per una partecipazione dimostrativa al primo evento del suo programma triennale, partecipando alla 151 Miglia – Trofeo Cetilar.

AD MAIORA ha così potuto effettuare un regolare stress test in regata con condizioni medie di vento reale fino a 17 nodi, abbandonando la prudenza dei sea trial e verificando così ogni manovra ed ogni attrezzatura rinnovata e ripensata utilizzando le migliori  tecnologie con un massiccio impiego di Dyneema SK99 e Kevlar SK49 unifilare di ARMARE per il rig, la nuova elettronica top di gamma B&G, le vele in 4T FORTE OneSails, l’antifriction antistick con nanotecnologia  senza biocidi della NANTO.

Lo skipper Bruno Cardile: “Siamo molto soddisfatti per il risultato in questa prima nostra uscita pubblica perché ci ha confermato la bontà delle scelte tecniche fatte durante il refitting. . Il risultato sportivo, 4° posto in tempo reale, passa in secondo piano al momento, rispetto ai riscontri tecnici che abbiamo ottenuto. E’ stato spesso difficile, infatti, senza dati storici certi sul trimarano, decidere quanto dimensionare o come modificare manovre, rig, vele e quant’altro, ma proprio nel corso della 151 Miglia – Trofeo Cetilar abbiamo capito che il nostro team e i suoi consulenti tecnici hanno fatto un ottimo lavoro. Questo è indiscutibilmente un successo di tutta la squadra, visti anche i tempi  ristretti con i quali abbiamo lavorato e voglio ringraziare molto tutti i nostri sponsor tecnici per il grande aiuto ricevuto, sempre rapidissimo e di altissimo livello.”

Al termine della prova, AD MAIORA è rientrata nel Porto di Pisadove oltre a un check completo delle attrezzature, verranno apportate ulteriori migliorie. Il prossimo appuntamento in regata sarà la PALERMO – MONTECARLOin programma per il 19 agosto.

In questi due mesi, la barca continuerà con i sea trial e con il programma di promozione e di visibilità per i partner tecnici. sponsor.