VOR: Turn the Tide on Plastic prende il comando

Nautica Editrice
Scritto da Nautica Editrice

Il giovane equipaggio di Turn the Tide on Plastic, con la triestina Francesca Clapcich, ha preso il comando della Leg 6 della Volvo Ocean Race, quando mancano meno di 1.500 miglia ad Auckland

Il team guidato dalla skipper britannica Dee Caffari, di cui f parte anche l’italiana Francesca Clapcich, è riuscito a scavalcare Team Sun Hung Kai/Scallywag grazie a un’ottima condotta nelle arie leggerissime dei Doldrum, approfittando del minimo soffio di vento.

L’accelerazione, se così si può chiamare, da uno a quattro nodi è stato un cambio di programma molto apprezzato da Turn the Tide on Plastic dopo due giorni di avanzamento lento nell’emisfero meridionale. Al rilevamento delle posizioni delle ore 14 il team portabandiera delle Nazioni Unite aveva un vantaggio di 17 miglia. La barca non è nuova a buone prestazioni nella zona delle calme equatoriali, dove aveva già mostrato di sapersi districare nel corso della Leg 4 da Melbourne a Hong Kong.

Quando si prevede che l’arrivo ad Auckland possa avvenire fra sei giorni, la cautela è d’obbligo, come ha detto il navigatore francese Nico Lunven: “Siamo primi, ma la posizione è calcolata sulla distanza ad Auckland e non ci arriveremo in linea retta”

I team nelle scorse 48 ore hanno dovuto scegliere dove posizionarsi per l’approccio all’arcipelago delle Vanuatu. Se e quando il vento arriverà, lo farà probabilmente entrando da est  e il guadagno di Turn the Tide on Plastic della scorsa notte dimostra come il team stia cercando di prendere il nuovo vento prima degli avversari. Tuttavia, come spigato da Lunven, le previsioni suggeriscono che la rotta più veloce passi a ovest della Nuova Caledonia, a circa 300 miglia a sud. Potrebbe dunque succedere che  Scallywag, 45 miglia più a ovest o team Akzonobel, ancora 15 miglia più a occidente, riescano a riprendere la leadership.

Dopo diversi giorni in prima piazza, vedere Turn the Tide on Plastic passare è stata una pillola amara da buttare già per l’equipaggio di David Witt. “Per noi si tratta di limitare i danni.” Ha detto da bordo di Scallywag Marcus Ashley Jones. “Speriamo di avere un po’ di fortuna e di trovare un po’ di vento. Siamo ancora vicini, nel match, ma è sempre deludente lasciare ad altri la prima posizione. ”

Oltre 80 miglia alle spalle dei battistrada Dongfeng Race Team e MAPFRE continuano nel loro duello. In alcuni momenti i due team, rispettivamente secondo e primo nella graduatoria generale, hanno navigato a distanza di pochi metri, dopo oltre 4.000 miglia dalla partenza di Hong Kong.

Sebbene le velocità oggi siano tornate a salire, i sei equipaggi dovranno dar prova di grande pazienza ancora almeno per 24 ore, prima di raggiungere la Nuova Caledonia e di poter accelerare nuovamente verso Auckland, grazie a venti più robusti.

Intanto nella City of Sails sono alle fasi finali i lavori di costruzione del Race Village, al celeberrimo Viaduct Basin, che aprirà le porte al pubblico il prossimo sabato.

Posizioni del 21 febbraio 2018 alle ore 14

Leg 6
Hong Kong to Auckland
21 February 2018
Positions at: 13:00 UTC
DTL nm GAIN_LOSS STATUS SPEED kt COURSE TWS kt TWD DTF nm
1
TTOP 0.00 0.00 RAC 7.3 221º 5.2 137º 1444.49
2
SHKS 17.05 1.85 RAC 7.9 215º 7.2 150º 1461.54
3
TBRU 18.90 3.18 RAC 6.0 203º 4.0 125º 1463.39
4
AKZO 20.15 3.66 RAC 6.2 227º 5.8 166º 1464.64
5
MAPF 80.93 12.10 RAC 8.0 196º 6.5 110º 1525.42
6
DFRT 87.00 5.87 RAC 7.3 184º 3.5 96º 1531.49
7
VS11 DNS

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.