Gli acquarelli di Gabriele Musante

Sirene, le fantastiche creature del mito viste e interpretate da Gabriele Musante, illustratore specializzato in storie di mare.

Museo della Marineria di Cesenatico, dal 27 giugno al 6 settembre 2020

La mostra al Museo della Marineria di Cesenatico ha come protagoniste le sirene, fantastiche creature divenute simbolo di seduzione e di perdizione, protagoniste dai tempi di Omero sino al Novecento di innumerevoli narrazioni e rappresentazioni. In questo caso, a misurarsi con la potenza del mito è Gabriele Musante, illustratore specializzato in temi e storie di mare che svolge una personalissima riflessione figurativa sull’ambiguità di questa figura, capace di suscitare insieme curiosità e sensualità, ma anche la paura dell’ignoto e della perdita di sé. Le sue sirene appaiono familiari (alcune sono addirittura in ciabatte); con tutte si intuisce il desiderio di stabilire un rapporto, ma anche il timore di inoltrarsi su strade sconosciute: la sirena del resto abita un elemento, il mare, che lei conosce nelle profondità, ma che l’uomo può solo solcare sulla superficie.

“Le sirene ci sono sempre state, sono state raffigurate in tanti modi – spiega Gabriele Musante – ma la paura di perdersi non ha bisogno di sirene per manifestarsi, né una retta via basta a farla svanire. Ecco perché mi trovo a raccontare e disegnare le mie storie di sirene, come un bambino che canta per scacciare la paura del buio.”

Gabriele Musante è un illustratore e artista ben noto agli appassionati di mare e di vela, che hanno imparato a conoscerlo grazie ai fumetti dedicati ai grandi navigatori del passato pubblicati sulla celebre rivista “Bolina” (ora riuniti nel volume “Navigatori straordinari. I pionieri della vela d’altura, pubblicato da Incontri Nautici). Ha svolto anche la professione di istruttore di vela e direttore di porti turistici, prima di tornare a dedicarsi al suo mestiere originario di illustratore. Al Museo della Marineria ha già proposto alcuni anni fa la mostra antologica “Di mare, d’amore e altre storie”, ed ha al suo attivo altre pubblicazioni, tra cui “Vincere”, dedicata all’omonimo trabaccolo.

La mostra è organizzata dal Museo della Marineria di Cesenatico ed ha il supporto – come tutte le iniziative del museo – di Gesturist Cesenatico Spa.

La mostra sarà aperta tutti i giorni da sabato 27 giugno sino a domenica 6 settembre, con orario 10-12 e 17-23. L’accesso al Museo della Marineria e alla mostra è soggetto a restrizioni imposte dall’emergenza Covid19.

Per informazioni: infomusei@comune.cesenatico.fc.it – 0547-79205