4° Campionato Invernale Trofeo Regione Autonoma della Sardegna – Cfadda Cup

NELLA TERZA GIORNATA ENTRANO IN CAMPO I J24 Marina di Capitana, 29 novembre 2009 – Nuvole scure, aria frizzante e, all’orizzonte, mare formato. Condizioni tipicamente invernali, nella terza giornata del 4° Trofeo Regione Autonoma della Sardegna – CFadda Cup, organizzato dallo Yacht Club Quartu Sant’Elena con la collaborazione della Scuola Italia in Vela. Lungi dallo scoraggiare i partecipanti, hanno invece attirato nuovi iscritti: questa mattina la lista ha toccato quota 75 equipaggi, buona parte dei quali appartenenti alla categoria Gran Crociera. Armati anche loro di cerate e cappelli di lana, hanno debuttato nel campionato i team della flotta J24 (per loro la prima partecipazione, due sep timane fa, aveva costituito un semplice allenamento fuori classifica). Dopo il consueto briefing preregata, tenuto dalla presidente del Comitato di Regata Anna Maria Bonomo, tutti in mare. Per quaranta minuti di bordi e messe a punto finali, in attesa che il vento si stabilizzasse per dare la partenza. Poi gli start, distinti per ogni classe in gara: primi i Melges 24, poi i J24, a seguire Gran Crociera, infine Vele Bianche. Tre regate per la prima flotta, due per tutte le altre (corse tutte su percorso a bastone con traversino alla boa di bolina) con vento da sud ma mai del tutto stabile, inizialmente di media intensità e calato con il passare delle ore. Melges 24. Vis Lampogas resiste in testa alla classifica, ma la rosa dei contendenti al podio si spalanca, a dimostrazione del sempre maggior livello tecnico e agonismo raggiunto da una flotta in grande crescita. Tre le prove disputate, ognuna con un vincitore diverso: Per Vis Lampogas di Ferdinando Guareschi, ma portata da Antonello Ciabatti, tre secondi posti di fila che confermano il primato, anzi incrementano il vantaggio su SIV Arborea condotta da Lorenzo Gemini e oggi in ottima forma (3-1-3 i suoi parziali). Successo di giornata anche per SIV CFadda, timonata da Roberto Cuboni: grazie alla vittoria nella prima prova, supera Mariclò di Pietro Fois e guadagna il terzo posto. J24. Ornella all’attacco…torra di Laura de Luisa apre a suo favore le ostilità tra i monotipo J24. Con un primo e un terzo posto è prima con 4 punti, ma in futuro dovrà guardarsi le spalle da una fitta schiera di inseguitori: J Pandolfa dell’Ultragas Sailing Team, Aria della sezione olbiese della Lega Navale Italiana, Wile & Coyote di Alberto Gai e Libarium di Roberto Dessy sono tutti a quota 8, con i primi favoriti dall’ultimo migliore piazzamento. Giornata dai due volti invece per SIV CFadda, condotto da Luca Mereu: dopo una squalifica per partenza anticipata, ha vinto la seconda regata e mostrato di avere le carte in regola per inserirsi nella lotta al podio. Gran Crociera. Cral Saras dell’omonima associazione passa in testa nella divisione inferiore ai 10 metri. Il Murphy 26 ha ottimizzato un terzo e un secondo e superato l’ex leader Losna, in una giornata comunque dominata da Baba Yaga di Davide Manca, con Davide Schintu alla barra: con due primi di giornata, guadagna due posizioni e riduce a tre punti il distacco dalla vetta. Anche per i cabinati sopra i 10 metri è solo la terza prova, ma Elixir ha già preso il largo. L’X 332 di Gianni Marchetti, dominatore della passata edizione, anche quest’anno non ha rivali. Pur non vincendo, a dispetto dell’exploit di Tatsun di Filippo Dore, ha fatto registrare un terzo e un secondo posto sufficienti a distanziare gli avversari di sempre: Caesar di Luciano Dubois e To’ Come Giro di Salvatore Plaisant. Vele Bianche. Giornata di gloria per le seconde linee, nella più amatoriale tra le categorie in gara. Nella divisione sotto i 10 metri, Lyra di Antonio Delogu ha messo a segno due primi, senza però insidiare il primato di Maithena di Antonio Basilio Todde. Tra i due sono cinque punti e Lyra deve anche destreggiarsi dalla morsa dei coinquilini Kalliste e Juliska, appaiati a quota 11. Situazione simile sopra i 10 metri, dove protagonista di giornata è stato – con due vittorie su due – il Comet 38 Mio’ kana di Lucio Magnante. Al vertice resta Tinky Winky 2° di Enrico Napoleone, seguito da El Loco Rapido di Mario Pau e Zuben di Franco Ricci, che schiera i ragazzi dell’associazione onlus Il Gabbiano impegnata nel recupero di ragazzi con disagio mentale. Al rientro, graditissimo dai partecipanti, un piatto di ottimi malloreddus alla campidanese, accompagnati dai vini della Tenuta Pandolfa. Per tutti, prossimo appuntamento domenica 20 novembre, per la quarta giornata. Si allegano alcuni scatti, realizzati da Roberto Marci. Le classifiche aggiornate sono consultabili sul sito internet www.scuolaitaliainvela.it

sull'autore

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.