A Ventotene la Fotosub Incanta Tutti

A Ventotene la fotosub incanta tutti Marrazzo: “I nostri fondali sono unici” Due giorni di gare nelle acque incontaminate della Riserva Marina di Ventotene, macchina fotografica professionale in mano per oltre 400 scatti. Questo è successo nell’isola pontina per due giorni in occasione dei Giochi del Mare. La Nazionale italiana – campione del mondo – di Safari Foto sub e gli altri atleti in gara hanno avuto 4 ore e 35 scatti a disposizione per ‘catturare’ il maggior numero possibile di specie di pesci. Sul gradino più alto del podio è salito Massimo Corradi, ligure, che ha preceduto di appena 12 punti Alfio Scuderi e Carmela Inguanti. “E’ stata una gara incredibile – ha detto il vincitore – perché il livello della competizione era piuttosto alto. I Fondali di Ventotene sono davvero unici, dove i colori e la diversità di pesci presenti lasciano unicamente l’imbarazzo della scelta”. A premiare Massimo Corradi è intervenuto Piero Marrazzo, Presidente della Regione Lazio: “Ho visto con curiosità ed incredulità le fotografie scattate in occasione dei Giochi del Mare: i fondali sono unici, abbiamo una risorsa in più in grado di far avvicinare turisti e appassionati di mare nelle Isole Pontine. Queste acque hanno dimostrato che con attenzione e cura sono in grado di creare nuova vita e di ospitare specie non comuni nel Mar Mediterraneo”. E i diritti delle fotografie scattate per i Giochi del Mare verranno ceduti alla Regione Lazio che potrà utilizzarli per la promozione marina. “E questo – ha detto il sindaco di Ventotene, Giuseppe Assenso – è l’altro aspetto a cuoi tenevamo molto. Lo sport pulito e non inquinante abita anche da noi, può diventare una risorsa importante”. Ventotene, 1 luglio 2007

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.