Alessandra Sensini e la Coppia Conti-micol Conquistano l’Oro a Palma di Maiorca

La 41ª edizione del Trofeo Princesa Sofia Mapfre si conclude con un ottimo risultato per i nazionali FIV giunti a Palma in occasione della terza tappa della ISAF World Cup. Per l’Italia il bottino complessivo è di due medaglie d’oro vinte rispettivamente da Alessandra Sensini (Circolo Canottieri Aniene) nella classe RS:X femminile e da Giulia Conti e Giovanna Micol (CV Marina Militare) nel 470 femminile. Oltre ai due allori conquistati i tecnici federali hanno espresso grande soddisfazione per il risultato complessivo della squadra italiana. Anche oggi le condizioni meteo sono state abbastanza difficili con il vento che ha continuato ad oscillare in intensità e direzione rendendo particolarmente impegnative le regate di finale. RS:X F (41 concorrenti – 3 equipaggi italiani). La Medal Race si conclude con il terzo posto di Alessandra Sensini, il quarto di Laura Linares (CV Marina Militare) e il decimo di Flavia Tartaglini (SV Guardia di Finanza). La regata che assegna le medaglie vede la vittoria di Marina Alabau (SPA) davanti alla connazionale Blanca Manchon. La classifica finale è la seguente: 1ª Alessandra SENSINI 30 punti, 2ª Marina ALABAU (SPA) 35 punti, 3ª Bryony SHAW (GBR) 37 punti. Laura Linares termina al quarto posto con 38 punti e Flavia Tartaglini è 9ª con 81. “Quando sono arrivata a Palma di Maiorca – ha dichiarato la Sensini – pensavo che concludere nelle prime cinque sarebbe stato un ottimo risultato e invece ho vinto! È magnifico! Un grande risultato – ha continuato Alessandra – sono contentissima e oltre alla medaglia ho conquistato anche il trofeo.” “Con il vento che oscillava in intensità e direzione – ha detto Marco Iazzetta, tecnico federale RS:X femminile – alle ragazze è venuto il mal di testa ma a me è venuto il mal di pancia. Mi spiace per Laura Linares che per un solo punto non è riuscita a salire sul podio. Oggi doveva solo controllare le due dirette concorrenti (la spagnola Manchon e la francese Picon n.d.r.) – ha proseguito Iazzetta – ma nell’ultima poppa le avversarie si sono divise. È stata sfortunata ma ha regatato bene. Con queste condizioni di vento la Medal Race si è rivelata piuttosto difficile e molto tecnica. Sono assolutamente soddisfatto del risultato delle ragazze e del lavoro fino a qui svolto. Prima di Hyeres abbiamo in programma un allenamento a Civitavecchia per continuare a testare i materiali.” RS:X M (72 concorrenti – 5 equipaggi italiani). Giornata storta per Fabian Heidegger (Centro Velico Marina Militare) che finisce la Medal Race al 10° posto. Con questo risultato perde due posizioni in classifica generale chiudendo all’8° posto. Classifica finale 1° Byron KOKKALANIS (GRE) 37 punti, 2° Tom ASHLEY (NZL) 48 punti, 3° Dorian VAN RIJSSELBERGHE (NED) 50 punti. I risultati degli altri italiani: Federico Esposito (21°), Riccardo Belli dell’Isca (41°), Manfredi Misuraca (49°), Andrea Ferin (62°). 470 F (41 concorrenti- 3 equipaggi italiani). Anche nel 470 femminile arriva la medaglia d’oro con Giulia Conti e Giovanna Micol (CV Marina Militare), oggi quinte, che precedono sul traguardo l’equipaggio francese formato da Ingrid Petitjean e Nadège Douroux giunte in sesta posizione. La classifica finale recita: 1° Giulia CONTI – Giovanna MICOL (ITA) 36 punti, 2° Ingrid PETITJEAN – Nadège DOUROUX (FRA) 38 punti, 3° Emmanuelle ROL – Hélène DEFRANCE (FRA) 55 punti. Francesca Komatar e Sveva Carraro (SV Aeronautica Militare) concludono al 26° posto mentre Giulia Tobia e Giulia Moretto (LNI Genova) chiudono in 32ª posizione. “La regata è stata tiratissima – ha commentato Giulia Conti al telefono – fino all’ultimo metro. Siamo partite molto bene sulla sinistra come volevamo e al primo incrocio eravamo davanti. Così abbiamo deciso di continuare a regatare sullo stesso lato. Le francesi (Petitjean e Douroux n.d.r.) invece hanno deciso di andare a destra e la loro scelta ha pagato. All’ultima poppa è stato consentito il pompaggio libero e abbiamo iniziato a pompare come matte riuscendo a tagliare il traguardo con meno di un metro di vantaggio sulle francesi. Questo per noi – ha proseguito Giulia – era un test per verificare la qualità della preparazione invernale che abbiamo svolto. Evidentemente è stata buona. Ora ci aspettano le regate di Hyeres, Medemblik e sul Garda che avranno soprattutto l’obiettivo di testare i materiali in vista del Campionato Mondiale.” Grande soddisfazione anche per Guglielmo Vatteroni, tecnico federale del 470 femminile: “Un grande risultato. Le ragazze si sono preparate molto bene durante l’inverno. A Palma erano presenti tutte le migliori, ma solo le francesi hanno dimostrato di essere all’altezza di Giulia e Giovanna. Sono molto soddisfatto anche perché il risultato è stato raggiunto regalando con tutte le diverse condizioni di vento. La Medal Race è stata molto impegnative e le ragazze hanno lottato fino alla fine battendo le francesi per pochi centimetri. Ora il prossimo obiettivo è Hyeres, ma prima di andarci abbiamo in programma l’allenamento a Marina di Carrara.” Star (22 concorrenti – 1 equipaggio italiano). Diego Negri e Nando Colaninno (SV Guardia di Finanza), fino ai ieri al vertice della generale, incappano in una giornata no e finiscono la Medal Race all’ultimo posto, risultato che li estromette dal giro medaglie e li relega al 5° posto della classifica. Classifica finale: 1° Fredrik LÖÖF – Johan TILLANDER (SWE) 35 punti, 2° Flavio MARAZZI – Enrico DE MARIA (SUI) 36 punti, 3° Alexander SCHLONSKI – Frithjof KLEEN (GER) 43 punti. 49er (61 concorrenti – 2 equipaggi italiani). Pietro e Gianfranco Sibello (SV Guardia di Finanza) nella Medal Race raccolgono un sesto posto e terminano la prova di coppa del mondo al 10° posto della generale. Classifica finale: 1° Emmanuel DYEN – Sthéphane CHRISTIDIS (FRA) 66 punti, 2° Chris DRAPER – Peter GREENHALGH (GBR) 76 punti, 3° Stevie MORRISON – Ben RHODES (GBR) 83 punti. Gianmarco Togni e Nicolò Fasoli chiudono al 25° posto. Finn (53 concorrenti – 4 equipaggi italiani). Tra i Finn la spunta il britannico Ed Wright che nella regata di finale chiude al 4° posto e conquista la medaglia d’oro. Classifica finale: 1º Edward WRIGHT (GBR) 45 punti, 2° Ivan KLJAKOVIC GASPIC (CRO) 46 punti, 3° Jonathan LOBERT (FRA) 53 punti. Questi i piazzamenti degli italiani: Michele Paoletti (Yacht Club Torri) conclude al 16° posto, Giorgio Poggi (Sezione Vela Guardia di Finanza) è 17°, Riccardo Cordovani (FV Riva) è 23° ed Enrico Voltolini (CN Livorno) è 40°. 470 Maschile (99 concorrenti – 7 equipaggi italiani). La Medal Race si conclude con la vittoria degli spagnoli Barreiros-Sarmiento davanti a Leboucher-Garos (FRA) e Bouvet-Mion (FRA). Primo posto e medaglia d’oro per Pierre LEBOUCHER – Vincent GAROS (FRA), 2º Kliger GIDEON – Sela ERAN (ISR) e 3° per Onán BARREIROS – Aarón SARMIENTO (SPA). Gli Italiani: 24° posto per Fabio Zeni (FV Riva del Garda)-Nicola Pitanti (CN Marina di Carrara), 28° per Luca Dubbini-Roberto Dubbini (CV Toscolano Mademo), 34° per Giulio Desiderato (Yacht Club Italiano)-Enrico Fonda (CFV Skiffsailing ), 50° per Davide Vignone-Matteo Ramian (YC Sanremo), 63° per Andrea Airò-Nikolaos Mascoli (Circolo Vela di Bari), 71° per Paolo Cattaneo-Vittorio Zaoli (YC Sanremo), 94° Nicolò Briante-Gianmauro Balanzoni (YCI). Laser Radial (70 concorrenti – 3 equipaggi italiani). La croata Mihelic conclude la Medal Race in quinta posizione davanti alla Fenclova (CZE) e si aggiudica l’oro. Classifica finale: 1ª Tina MIHELIC (CRO) punti 35, 2ª Veronika FENCLOVA (CZE) con 39 punti, 3ª Susana ROMERO STEENSMA (ESP) a quota 55. I risultati delle azzurre: Francesca Clapcich (SV Aeronautica Militare) 16° posto, Laura Marimon (AV Bracciano) 46° posto, Laura Cosentino (YC Cortina d’Ampezzo) 50° posto. Laser Standard (131 concorrenti – 10 equipaggi italiani). Giacomo Bottoli (CV Marina Militare), unico italiano impegnato in Medal Race, raccoglie un sep timo posto e conclude in ottava posizione in generale. La medaglia d’oro la vince Javier HERNANDEZ (ESP) primo con 52 punti davanti Tonci STIPANOVIC (CRO) con 54 e Mike BULLOT (NZL) con 62. Queste le posizioni degli altri italiani: Marco Gallo 30°, Enrico Strazzera 39°, Pietro Cerni 68°, Carlo De Paoli 70°, Uberto Crivelli Visconti 72°, Lorenzo Cerretelli 78°, Tommaso Pelosini 83°, Umberto De Luca 93° e Martino Tortarolo 110°. La finale della classe Elliot 6 (match race femminile) è stata vinta dall’equipaggio olandese guidato da Renee Groeneveld che si è imposto per 3 a 1 su quello australiano di Nicky Souter. Su www.sailrev.tv sono disponibili le interviste a Alessandra Sensini, Giulia Conti e Giovanna Micol, Francese Clapcich, Michele Paoletti e ai tecnici Paolo Ghione e Guglielmo Vatteroni. A Palma erano presenti: i Direttori Tecnici e Tecnici di Classe Paolo Ghione (Finn) e Luca de Pedrini (49er) ed i Tecnici Federali Egon Vigna (Laser Standard), Larissa Nevierov (Laser Radial), Guglielmo Vatteroni (470 W), Gigi Picciau (470 M), Marco Iazzetta (RS:X W), Adriano Stella (RS:X M), e Valentin Mankin (Star). Il 41° Trofeo SAR Princesa Sofia Mapfre è organizzato da quattro club della baia di Palma (Club Nàutic S’Arenal, Real Club Náutico de Palma, Club Marítimo San Antonio de la Playa e Escuela Nacional de Vela Calanova), insieme alla Real Federación Española de Vela e alla Federación Balear de Vela, al governo de les Illes Balears, al Consell de Mallorca e Palma e alle amministrazioni comunali Llucmajor. Partner del Trofeo sono il Consejo Superior de Deportes, la Federación Española de Deportes de Personas con discapacidad Fisica, l’Autorità Porte, Porte de les Illes Balears, il servizio costiero del Ministero dell’Ambiente e le aziende Ultramar Express e Acciona. Info, risultati e classifiche: www.trofeoprincesasofia.org Interviste: www.sailrev.tv

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.