Alessandra Sensini: Trionfa al Mondiale Mistral

La regina del windsurf e della vela olimpica è sempre lei, Alessandra Sensini. La fuoriclasse azzurra, medaglia d’oro a Sydney 2000, ha vinto a Cesme in Turchia il titolo mondiale della classe olimpica Mistral con un giorno di anticipo, grazie a una superiorità che è sembrata schiacciante. La Sensini ha conquistato ben 6 vittorie parziali su 10 prove, collezionando anche due terzi posti, un secondo e un ottavo, lasciando alle tradizionali e fortissime avversarie solo le briciole. Alessandra ha così potuto evitare di scendere in acqua e correre le ultime due regate in programma nel giorno conclusivo. Al secondo posto si è classificata la neozelandese Barbara Kendall, al terzo la francese Faustine Merret. Solo quarta l’israeliana Lee Korsitz, campionessa uscente, e sesta Lee Lai Shan, la cinese di Hong Kong altra avversaria storica di Alessandra Sensini. Da segnalare la buona prestazione della giovane Flavia Tartaglini, che in classifica occupa il 33° posto, davanti alla tedesca Amelie Lux, medaglia d’argento a Sydney. Dopo il Mondiale conquistato nella classe 470 da Gabrio Zandonà e Andrea Trani a Cadice nel sep tembre scorso, l’Italia della vela assapora nuovamente un titolo iridato di classe olimpica. Il successo della Sensini vale molto anche sotto l’aspetto statistico: l’ultimo titolo dell’atleta grossetana infatti era stato conquistato esattamente 4 anni fa, nel 2000, pochi mesi prima del trionfo olimpico a Sydney. Quello vinto in Turchia, inoltre, è il terzo mondiale Mistral (1987, 2000, 2004): un record che consente alla Sensini di eguagliare il primato nell’albo d’oro della francese Maud Herbert, di Barbara Kendall e Lee Lai Shan. E Alessandra è stata anche due volte vice-campionessa mondiale, con i secondi posti del 1997 e del 2002. Da quasi 10 anni il tecnico federale che segue Alessandra Sensini è Luca De Pedrini. “E’ stato un campionato bello e completo, corso in tutte le condizioni – ha detto una raggiante Alessandra Sensini – Ho trovato una sep timana di ottima forma e sono felicissima di questo successo, anche se non voglio fare paragoni con il 2000. Meglio vivere alla giornata e godersi un successo alla volta. E poi le avversarie sono sempre le solite, fortissime e determinate. Fino ad Atene non si deve mollare.” Soddisfazione anche in casa FIV: “Certi atleti sono grandissimi fuoriclasse, autentici professionisti, e rappresentano il grande significato del nostro sport – ha detto il presidente federale Sergio Gaibisso – E’ un orgoglio lavorare con Alessandra.”

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.