40HP and Active Trim Pack - Testa (970x160)

Alinghi Vince!!!!! la Coppa Torna in Europa Dopo 152 Anni!!

Domenica 2 marzo 2003 LA COPPA AMERICA IN EUROPA COUTTS ‘STRACCIA’ IL DEFENDER 5-0 Oggi è una giornata epocale. La Coppa America arriva in Europa, per la prima volta dal 1851 e arriva in Svizzera, grazie ad Ernesto Bertarelli e all’equipaggio di Alinghi. Dopo aver dominato tutta la Louis Vuitton Cup, Alinghi ‘straccià letteralmente Team New Zealand, con un 5-0 che mette pesantemente fine alle speranze della Nuova Zelanda. A dire il vero il defender ci ha messo del suo, ritirandosi per ben due volte dalla competizione e regalando, di fatto, due punti al challenger. è un triste bilancio per il team nero e non mancheranno critiche e accuse alla gestione di questa Campagna. Ma è un giorno di gioia meritata per i vincitori. Ernesto Bertarelli è il primo armatore a portare la Coppa in Europa e al primo tentativo; da oggi la sede del più antico trofeo velico diventerà La Société Nautique de Genève, sul lago Léman. La giornata conclusiva della XXXI Coppa America è stata ideale: con un vento da 025° 13-15 nodi si è avuto il via alla più attesa giornata dell’evento. Il quinto match è stato carico di attesa e di speranze ma il ‘miracolo nero’ che la Nuova Zelanda ha sperato fino all’ultimo non si è verificato. Coincidenza: anche l’edizione 2000, tra Team New Zealand e Prada si è conclusa il 2 di marzo e con lo stesso risultato, seppur ribaltato in favore del defender. Coutts infligge un pesantissimo K.O. a un Defender fragile e inferiore, tecnicamente e psicologicamente. Se in molti avrebbero scommesso su Alinghi, date le caratteristiche di team ed equipaggio, pochi avrebbero immaginato una tale debacle del padrone di casa. Dopo un esordio disastroso, un disalberamento e una serie di errori tattici, Team New Zealand ha continuato a lottare senza mai arrendersi ma con poca fiducia nella rimonta. La quinta e ultima giornata ha confermato la superiorità svizzera, sin dal momento della partenza. La XXXI Coppa America si chiude così, tra i brindisi di Coutts e le lacrime di Barker. La prossima sarà un’America’s Cup europea, per la prima volta dal 1851. Russell Coutts conquista la quattordicesima vittoria consecutiva in Coppa America (superando Dennis Conner) e raggiunge Harold Vanderbilt e Charlie Barr, vincendo tre Coppe di fila. è ufficiale: Challenger of Record per la prossima edizione sarà il Golden Gate Yacht Club di San Francisco e, quindi, Larry Ellison. La cerimonia pubblica si svolgerà al porto, non appena rientrate le barche. Lunedì, alle ore 16.00 avrà luogo quella ufficiale. Alinghi ha annunciato una conferenza stampa per martedì pomeriggio, a proposito della prossima edizione. XXXI AMERICA’S CUP Quinta giornata ALINGHI (SUI-64) vince TEAM NEW ZEALAND (NZL-82) Delta: 00:45 Alinghi-vince la serie di nove regate 5-0 La regata viene decisa in partenza: Alinghi entra nel box mure a dritta e TNZ con mure opposte. Barker riesce a incrociare avanti e a evitare il dial up. Dopo un circling, le barche si separano e si allontanano dalla linea. Ognuno ottiene quello che vuole: Coutts la destra della linea e Barker la sinistra ma, a qualche secondo dallo start, Team New Zealand, in leggero anticipo è costretto a poggiare. Russell Coutts vince la partenza, tagliando in barca mure a dritta, sopravvento a NZL-82. Un salto di vento sulla destra avvantaggia la barca svizzera che si allunga immediatamente guadagnando, presto, due lunghezze sull’avversaria. Alinghi naviga leggermente più alta e in perfetto assetto. Il vantaggio svizzero si tradurrà in 21 secondi alla prima boa. Dopo un ‘bear away’ le barche scendono mure a sinistra. Nelle strambate è Team New Zealand a uscire meglio e più veloce dalle manovre ma questo serve soltanto a recuperare tre secondi, alla boa di poppa. Nella bolina successiva Team New Zealand forza Alinghi in un tacking duel e riesce a ‘spaiare’ le virate conquistando la sinistra del campo. Il distacco si riduce a due lunghezze ma il delta, in boa sarà 18 secondi. Nella seconda poppa Barker sceglie uno spi asimmetrico che consente di navigare più orzato mentre Alinghi opta per una vela tradizionale. Le barche iniziano un gybing duel e l’equipaggio di Barker effettua delle manovre eccellenti, nonostante la vela sia più difficile da strambare rispetto a quella simmetrica. Team New Zealand non hai mai smesso di attaccare in tutte le andature, sperando in un errore avversario ma quello di Alinghi non è equipaggio da cadere nella trappola. La regata rimane aperta nonostante la rottura del tangone kiwi, all’approssimarsi della quarta boa. Alinghi non ha mai mostrato un segno di debolezza né perso il controllo della situazione, difendendo il suo vantaggio con continue manovre di controllo ed estendendo il suo distacco. La XXXI Coppa America si chiude con la vittoria di Alinghi e di Russell Coutts, che tagliano il traguardo 45 secondi prima di Team New Zealand.

sull'autore

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.