Campionato Mondiale Off Shore

ABU DHABI (EMIRATI ARABI) 9 novembre 2001 – Sventola il tricolore nel Golfo Persico. Ad Abu Dhabi, capitale degli Emirati Arabi, Mario Invernizzi (imprenditore trentanovenne di Lecco) e Maurizio Darai (commerciante quarantacinquenne di Venezia) hanno conquistato il titolo iridato di offshore classe 6 litri con il monocarena Ceramica Panaria (scafo della Fb Design di Fabio Buzzi, con motore Seatek diesel biturbo da 8400 cc. e 1000 cavalli). Un titolo Mondiale arrivato con una superiorità schiacciante sugli avversari: tre vittorie su tre gare compresa quella odierna, davanti a centomila persone che assiepavano il lungomare di Abu Dhabi (il venerdi’ è la nostra domenica nei paesi arabi), in condizioni di mare piatto non certo favorevoli ad un monocarena. Per Mario Invernizzi, capitano del Team Fb Corse – Ceramica Panaria, una gioia immensa per questo titolo, il secondo in carriera, arrivato a distanza di cinque anni da quello conquistato ad Alassio nel ’96 (anche li con tre vittorie filate). Ma soprattutto per il pilota di Lecco è arrivato il grande-slam (senza precedenti) in 6 litri, nel giro di dodici mesi, con: record mondiale di velocità assoluta, titolo Europeo e ora il Mondiale. “Un titolo che per me vale il doppio – ha riferito Mario Invernizzi – soprattutto perche’ conquistato negli Emirati Arabi che ormai da anni sono divenuti la patria dell’offshore. Ora posso tirare un lungo sospiro di sollievo ed essere felicissimo di questo splendido momento. La nostra barca, con l’Europeo, è reduce da cinque vittorie consecutive prestigiosissime. Devo dire che il nuovo motore Seatek, con le modifiche da noi richieste e un elica azzeccata ci hanno dato ragione. Vorrei condividere questo titolo con tutti coloro che mi sono stati vicino ma in particolare con la mia famiglia che mi ha dato la possibilit? di preparare al meglio questa gara”. Felicissimo anche Maurizio Darai: “Mi mancava proprio un titolo iridato nell’offshore – ha detto il veneziano -. Lo inseguivo da dodici anni e vincerlo in questo modo, con tre vittorie è stata una cosa bellissima”. Nell’ultima prova il Ceramica Panaria non ha fatto pretattica: subito in testa ha chiuso davanti agli arabi di Adimsc e agli italiani del G1 Christian Rivolta di Brivio (Lecco) e Giovanni Carpitella di Venezia che hanno cosi’ centrato il podio. Nella generale bronzo per l’italiano Gianfranco Zanoni sulla barca sudamericana La Gran Argentina Junior di Nicolas Scioli (oggi quinti). Nella classe 2 successo parziale per gli arabi del Victory 7 ma titolo al Victory Team M1 di Ali Al Qama e Ali Nasser, entrambi motorizzati Bmw, secondo nell’epilogo. Grazie al quarto posto di giornata l’italiano Luca Nicolini, di Oggiono (Lecco), con l’italo-bulgaro Kristian Tzanov sul monocarena Searacer 30 (dei cantieri Nicolini di Oggiono, con motore diesel biturbo Seatek da 10.300 cc.) è giunto terzo a fine Mondiale con un bronzo al collo strameritato. La sfortuna ha continuato ad accanirsi con il fratello Matteo vice-campione del mondo uscente. Il suo Searacer 32 (monocarena dei cantieri Nicolini con motore diesel biturbo Seatek da 10.300 cc.) ha rotto una turbina quando stava attaccando lo squadrone del Victory. Ordine di arrivo della terza prova: Classe 2: 1. Victory Team M7 (Saeed Al Tayer/Mohamed Al Marri – Emirati Arabi) 94,32 miglia in 1 h. 1.18 alla media di km/ora170,98; 2. Victory Team M1 (Ali Al Qama /Ali Nasser – Emirati Arabi) in 1h 03.06; 3. Al Danah (Suhail Zaal Al Tayer/Jaber Al Tayer – Emirati Arabi) in 1h 06.39; 4. Searacer 30 (Luca Nicolini/Kristian Tzanov – Italia) in 1h 06.46. Ritirato: Searacer 32 (Matteo Nicolini Italia/Ken Thorne Galles). Classifica finale: 1. Victory Team M1 (Ali Al Qama /Ali Nasser – Emirati Arabi) punti 1100; 2. Victory Team M7 (Saeed Al Tayer/Mohamed Al Marri – Emirati Arabi) p.925; 3.Searacer 30 (Luca Nicolini/Kristian Tzanov – Italia) p.596. Classe 6 litri: 1. Ceramica Panaria (Mario Invernizzi/Maurizio Darai – Italia) 75,08 miglia in 56′ e 44 alla media di km/ora 147,05; 2. Adimsc S4 (Ahmed Ali Al Hamli/Rashid Jaber Al Hamli – Emirati Arabi) in 58.03; 3. G1 (Christian Rivolta/Giovanni Carpitella – Italia) in 58.13; 4. Sport One (Mizanur Rahaman/Khalfan Bin Ghulaitha – Emirati Arabi) in 58.35; 5. La Gran Argentina Junior (Gianfranco Zanoni Ita – Nicolas Scioli Argentina) in 59.59. Classifica finale: 1. Ceramica Panaria (Mario Invernizzi/Maurizio Darai – Italia) p.1200 – Campione del Mondo 2001; 2. Adimsc S4 (Ahmed Ali Al Hamli/Rashid Jaber Al Hamli – Emirati Arabi) p.900; 3. La Gran Argentina Junior (Gianfranco Zanoni Ita – Nicolas Scioli Argentina) p.577; 4. Sport One (Mizanur Rahaman/Khalfan Bin Ghulaitha – Emirati Arabi) p.409; 5. G1 (Christian Rivolta/Giovanni Carpitella – Italia) p. 394

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.