KIEL – Nessuna regata per la giornata conclusiva della sep timana Velica di Kiel che ha visto la partecipazione di circa 5mila velisti. Nella classe 470 il duo romano-monfalconese formato da Gabrio Zandonà e Andrea Trani – l’equipaggio di punta della Federazione Italiana Vela nella classe 470  appartenente al gruppo sportivo della Marina Militare – sin dalle prime battue si è posizionata nei primi dieci posti della classifica. Una sep te giorni di regate caratterizzata da vento medio leggero e per due giornate la completa assenza di vento che ha costretto gli organizzatori a far tornare a terra i regatanti. Così è successo anche ieri. Un vantaggio per il timoniere di Ostia Gabrio Zandonà e per il suo prodiere Andrea Trani che hanno così potuto concludere la manifestazione con un ottimo terzo posto a soli cinque punti dall’equipaggio australiano Wilmot-Page che ha chiuso in seconda posizione. Il gradino più alto del podio è andato all’ucraino Braslavets-Martinenko che sin dalle prime battute si è imposto sugli 85 equipaggi al via accumulando sin dal primo giorni primi posti e concludendo la manifestazione con 4 primi, 2 secondi, due terzi ed un quinto posto. Ottima la prova dell’equipaggio italiano. Nel 2001 era stata la coppia Zandonà-Trani a vincere per la prima volta nella storia della vela italiana questa importante manifestazione con lo scafo olimpico 470. Quest’anno si sono nuovamente avvicinati al gradino più alto del podio (questi i parziali: 7,8,4,2,10,10,2,4,1,4). La regata di Kiel, assieme al campionato europeo che si disputerà dal 6 al 15 luglio a Brest (Fra) ed al Campionato del Mondo in programma a Cadice dall’11 al 25 sep tembre, vale per la qualificazione ai Giochi Olimpici di Atene 2004. . Già ieri il duo del team Barrique è partito alla volta di Brest dove nei prossimi giorni affronterà una sessione di allenamento in vista dell’appuntamento che vedrà l’assegnazione del titolo continentale.