Francesco Bruni Vince il Samsung Match Race di Blurimini 2005

BLURimini Samsung Match Race 2005: vittoria a sorpresa per Francesco Bruni nel derby di Luna Rossa Challenge Finale spettacolo con vittoria del tattico di Luna Rossa che batte James Spithill 3-2 Terzo posto per Dimitri Deruelle (China Team) Coppa Italia Minialtura: i risultati in tarda serata Rimini – Francesco Bruni è il vincitore del Samsung Match Race Grado 2 ISAF di Blurimini 2005. Il tattico di Luna Rossa, tre volte azzurro nella vela olimpica, ha battuto con il punteggio di 3-2 in una finale spettacolare ed equilibratissima il compagno di squadra e timoniere della nuova Luna Rossa, l’australiano James Spithill. Per stabilire il vincitore sono state necessarie tutte le regate previste, ben 5. Regate difficili perchè disputate con vento leggero, mai superiore ai 7 nodi, che ha comunque consentito il regolare svolgimento delle due finali, al largo del Marina di Rimini. Programma pieno anche per la finalina valida per il terzo posto: il francese Dimitri Deruelle (China Team) ha superato 2-1 il russo Eugeny Neugodnikov. BRUNI-SPITHILL 3-2 – IL RACCONTO DELLE 5 REGATE La finale inizia con una vittoria dell’equipaggio di Francesco Bruni (in barca con Max Sirena, Manuel Modena e Thomas Burnham), grazie a una ottima velocità di bolina e alla concentrazione dell’equipaggio. Una vittoria pesante, perchè ottenuta contro un equipaggio affiatatissimo (con Spithill i fedelissimi Andy Fethers, Joe Newton e Bill Durham), ma anche contro un errore che poteva costare caro: Bruni infatti ha toccato una boa in una virata molto stretta, rimediando una penalità. l’equipaggio riusciva ugualmente ad allungarsi e a tagliare il traguardo davanti a Spithill dopo aver eseguito la penalità. Dopo il cambio di barca, la seconda regata vedeva un errore in partenza di Bruni, mentre Spithill era velocissimo e libero di scegliere il bordeggio migliore. Regata di controllo assoluto per l’australiano, che vinceva con circa 30 secondi di vantaggio e si postava sull’1-1. Terza regata vinta ancora da Spithill, che vinceva la partenza e costringeva Bruni a una penalità. Inutili i tentativi di quest’ultimo di tornare in gara, con l’australiano che chiudeva ogni varco al palermitano. 2-1 per Spithill che va al match-point. Quarta regata ancora dopo il cambio di barca. Partenza in perfetta parità, diventa decisiva la scelta del bordeggio: il vento è sui 6-7 nodi non perfettamente steso su tutto il campo di regata. Bruni mostra un’ottima velocità di bolina ed è in testa ai primi incroci. Spithill però recupera in poppa e supera il palermitano. Nella seconda bolina altro sorpasso e stavolta Bruni si porta in testa per restarci fino all’arrivo: 2-2 e si va allo spareggio. Quinta regata sempre con vento a 6 nodi, con accenno a diminuire. Parità in partenza e bordeggio con grande separazione tra le due barche. Due incroci che vedono in testa prima Spithill e poi Bruni, che passa in testa alla boa di bolina con una lunghezza e mezzo di vantaggio. Bruni resiste all’attacco di Spithill in poppa, quando i due di Luna Rossa ingaggiano un duello senza esclusione di colpi, comprese finte strambate. Bruni resiste, Spithill tenta l’ultimo assalto e poi si arrende: Francesco Bruni vince 3-2 il Samsung Match Race di Blurimini 2005. DERUELLE-NEUGODNIKOV 2-1 Prima regata vinta con distacco dal francese Deruelle. Secondo match molto combattuto con continui sorpassi e penalità, con vittoria di strettissima misura di Neugodnikov. Il match di spareggio è un’altra battaglia, con barche molto vicine e vittoria finale di Deruelle che conquista il terzo gradino del podio. LE REAZIONI A terra reazioni opposte: grande felicità per Francesco Bruni e il suo equipaggio, musi più lunghi (ma complimenti e strette di mano con grande sportività ai compagni di team) per Spithill e i suoi. Per Francesco Bruni una vittoria inattesa: “Non avremmo mai immaginato questo successo, è stata una sep timana magica – ha detto Bruni – James resta il numero uno ed è un grande esperto di match race, noi stiamo iniziando adesso. Ringrazio il team che mi ha dato la possibilità di regatare in questo evento con lo stesso equipaggio dell’ultima regata, che ha significato affiatamento e coesione”. Sull’andamento della finale Bruni ha commentato: “Il nostro piano era cercare di partire alla pari con James, e quindi cercare di giocarsi le regate sulla velocità. Noi eravamo leggermente più veloci di bolina, e loro più pesanti di una decina di chilogrammi. Devo fare i complimenti all’equipaggio per come si è comportato”. Il duello in casa tutto Luna Rossa, non ha frenato l’agonismo dei due contendenti, nè il risultato può mettere in discussione i ruoli nel sindacato dello skipper Francesco De Angelis: “James è il timoniere, io mi occupo di tattica e strategia, il mio compito è fare matrch race quando possibile con i ragazzi più giovani del team. James è al vertice della classifica mondiale. La prima cosa che gli dirò dopo questa vittoria? Prenderò appuntamento per domani mattina a Valencia, per riprendere gli allenamenti con Luna Rossa”. In serata la premiazione del Samsung Match Race di Blurimini 2005 nello scenario della Repubblica di San Marino, nell’ambito delle celebrazioni per la consegna del premio Vela d’Oro, la cui terza edizione è andata a Mauro Pelaschier.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.