Giri di Vento al Moby Roma d’Inverno

Dopo aver salutato Matteo Miceli che, con il guidone del Circolo Nautico Riva di Traiano, ha battuto il record di traversata atlantica in solitario, su un catamarano di 6 metri, i 100 concorrenti credevano di portare a termine velocemente la sep tima prova del Moby Roma D’inverno. Invece il grecale di oltre 10 nodi, che rendeva splendente l’atmosfera, ha girato, si è rinforzato, è sparito, per poi tornare a soffiare dalla direzione iniziale e consentire, dopo oltre due ore di attesa, una partenza regolare. Questa volta OPS, il Baltic 60 di Massimo Violati, pur arrivando in testa in tempo reale si è dovuto accontentare solo della 31° posizione in compensato, perdendo così la prima posizione in classifica e passando in sesta. A vincere è stato Ready for Sea, il Dufour 34 di Roberto Gradnik, che rimane così al comando del terzo gruppo. Secondo posto per Ave Maria , l’X35 di Maria Consolata Balbo, timonato da Pietro D’Alì, mentre a Bonaventura, il First 34.7 di Luigi Anastasia, è bastata la sep tima posizione per passare al comando della classifica e del gruppo 2, davanti a Nautilus QQ7, il Vismara 40 di Pino Stillitano, primo del gruppo 1 ed a Nur, il Comet 51S di Guido Morisco. Nella classe diporto ha vinto ancora Violetta II, lo Show 29 di Ezio Fornasaro, che si mantiene in quarta posizione, dietro a Vahine, il Carter 33 di Libero Zaccarino, terzo al traguardo, Vittoria, il GS 40 di Gianluca Ramondelli, secondo di manche ed Ala Rossa, il Bavaria 42 di Ranieri Ricci. Le classifiche complete sono sul sito www.cnrt.it

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.