Global Challenge: Partita la Quinta Tappa

Da Città del Capo a Boston negli USA, la tappa più lunga e tatticamente difficile. VAIO guidato dallo skipper italiano Amedeo Sorrentino parte bene e conta su una riscossa dopo il risultato opaco della quarta tappa E’ partita regolarmente ieri da Città del capo in Sud Africa la quinta tappa del Global Challenge, il giro del mondo a vela su monotipi contro i venti e le correnti dominanti. Fra le dodici imbarcazioni sulla linea di partenza anche VAIO guidata dallo skipper italiano Amedeo Sorrentino, che spera in una riscossa dopo la prestazione decisamente sfortunata della frazione precedente. Da segnalare anche che, pochi giorni prima della partenza, proprio Amedeo e il suo equipaggio hanno deciso di ritirarsi dalla quarta tappa, con un gesto di grande correttezza e sportività, perché sull’arrivo la loro imbarcazione aveva urtato la boa. Questa decisione è costata a VAIO la perdita di un punto nella classifica generale ma ha fatto salire molto le quotazioni del team in seno alla comunità del Global Challenge. La partenza da Città del Capo è stata caratterizzata da condizioni di vento particolarmente leggero, come spesso accade all’ombra della Table Mountain, il grande promontorio piatto che domina la città sudafricana. Secondo i primi rilevamenti forniti dall’organizzazione, queste condizioni hanno fatto sì che tutte le barche si trovassero in un gruppo compatto; questa mattina le prime tre si trovavano racchiuse in un solo miglio di distanza con Team Stelmar e Spirit of Sark appaiate in testa e VAIO distanziata di pochissimo. La quinta tappa da Cape Town to Boston è considerata fa le più difficili, soprattutto dal punto di vista tattico e dell’interpretazione meteo e offre ai regatanti un’esperienza completamente diversa dalle tre che l’hanno preceduta. Con le sue 6.700 miglia è la tappa più lunga e verrà coperta in circa 35/40 giorni di navigazione e sarà caratterizzata da almeno cinque diverse zone meteorologiche: le prime 800 miglia con condizioni variabili, poi la zona degli alisei di sud/est, la zona di convergenza tropicale dove solitamente le condizioni sono di vento molto debole e instabile, l’area degli alisei di nord/est e infine l’approccio a Boston (circa 1.200 miglia) con condizioni ancora una volta difficili ma generalmente con brezze da ovest. A bordo di VAIO, secondo quanto ha raccontato Amedeo Sorrentino al suo team a terra, la disposizione di spirito è molto positiva e la motivazione a far bene molto forte. Quinta tappa: da Cape Town a Boston – 34-38 giorni di navigazione – 6, 775 miglia CLASSIFICA DOPO QUATTRO TAPPE 1 BP Explorer 2 Spirit of Sark 3 BG SPIRIT 4= SAIC La Jolla 4= Samsung 6 Barclays Adventurer 7 Me to You 8 Team Stelmar 9= VAIO 9= Pindar 11 Imagine It. Done. 12 Team Save the Children

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.