Grande Prestazione per “+ 39” Nonostante Due Sconfitte

Ottime partenze e buonissime manovre per il team animato dal bresciano Cesare Pasotti e lo skipper gardesano Luca Devoti. VALENCIA (Spagna). Due sconfitte, ma prevetivate, per “+39”, il challenge del Circolo Vela Gargnano, che si è comunque comportato in modo egregio nella prima giornata di regate della Louis Vuitton Cup, la seconda e la terza tappa di avvicinamento alla Coppa America vera e propria che sempre in queste acque si correrà nell’estate 2007. Ottima partenza contro i detentori  svizzeri della Coppa di “Alinghi”. Una ventina di metri di vantaggio nel primo tratto, poi il vento che favorisce i veloci rosso crociati guidati da Brud Butterword e Peter Holmberg. I ragazzi del team del Garda a fare esperienza, sempre in vista della testa della gara, 45 secondi di distacco sulla prima boa. Una prova ottima per chi si trovava per la prima volta a condurre una barca così grande, 26 metri di lunghezza, e nella specialità dell’uno contro uno. Ottima la prova dell’inglese Iain Percy e dal francese Xavier Rohart. I limiti della barca, il vecchio Be Happy del 2000, si sono visti manovre sempre bellissime. Alla fine lo svantaggio è stato di un minuto e 45. Grande emozione per il  team manager bresciano Cesare Casotti e lo skipper gardesano Luca Devoti che hanno voluto questo team. Dignitosa è stata anche la seconda prova di giornata contro gli altri “imbattibili”, quelli di “Bmw Oracle”, la barca Usa che è giunta seconda (battuta solo da “Alinghi”) nell’ultima Vuitton Cup e che ha vinto la regata d’ apertura a Marsiglia di questo circuito. Alla fine il distacco è stato di 2 minuti e 18 secondi. Domani “+39” affronterà i transalpini di “Le Defi” ed i neozelandesi di “Black Magic”. 

sull'autore

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.