bannermercury

I Venturieri Alle Vele d’Epoca di Imperia

Il 10, 11 e 12 sep tembre 2010 una delegazione di Venturieri, guidata dal Presidente Massimo Perinetti Casoni, ha partecipato alla 16^ edizione delle Vele d’Epoca di Imperia, durante la quale si sono confrontate in regata oltre 70 fra le più belle “signore del mare” presenti oggi in Mediterraneo. Ricorrono i dieci anni dalla scomparsa di Gian Marco Borea d’Olmo -fondatore dell’associazione I Venturieri -e a lui è stata dedicata dalla manifestazione di Imperia la regata di sabato 11 sep tembre. Non poteva quindi mancare chi continua, nel nome dell’ Associazione, a portare avanti le idee e l’amore per la marineria velica così come le intendeva il fondatore. Ricordiamo quando Gian Marco insieme all’amico Pierfranco Gavagnin, (anche lui scomparso dieci anni fa) dopo aver ideato la “Giraglia”, diventata la più famosa regata annuale del Mediterraneo, nel 1986 organizzarono a Imperia il primo raduno delle vele d’epoca. L’iniziativa ebbe un grande successo, bissato nelle edizioni successive, diventando negli anni la più importante manifestazione del suo genere nel Mediterraneo, e ha contribuito non poco a sviluppare la cultura della conservazione e del recupero delle barche di importanza storica per la marineria velica. Durante la premiazione e il “Processo alla regata”di sabato, condotti dal navigatore-pubblicista Michel Dejoie, amico sia di Gian Marco Borea che di Pierfranco Gavagnin, il fondatore dei Venturieri è stato commemorato attraverso filmati, immagini ed aneddoti della sua vita tutta dedicata al mare; presenti graditissimi i suoi figli Gian Battista e Ottavia ed alcuni nipoti, tutti regatanti sulla barca di famiglia, il Vistona. La barca aveva a riva la bandiera dei Venturieri, sia all’ormeggio che durante le regate. Dopo la scomparsa di Gian Marco l’imbarcazione ha subito un lungo e meticoloso restauro da parte di Marco Bonacina sotto la direzione competente ed appassionata di Gian Battista Borea, restauro che ha riportato il Vistona all’armo originario (cutter aurico) del 1937, quando fu costruita nel Galles da A.Dicks & Sons, ex collaboratori del famoso William Fife. Nonostante abbia cambiato armo e colore dello scafo (non più nero, come molti Venturieri lo ricordano amorevolmente, ma bianco), gli interni sono rimasti rigorosamente quelli di un tempo (come fa orgogliosamente notare Gian Battista Borea), a differenza di molte altre barche d’epoca, rinnovate con interni posticci che negano i principi base del restauro filologico. Dal numero di foto scattate al Vistona, si può comprendere come la barca di Gian Marco Borea sia ancora nel cuore dei Venturieri presenti alla manifestazione e non solo. I Venturieri – oltre ad essere indicati orgogliosamente dai Conduttori della commemorazione di Gian Marco Borea quali discepoli del grande navigatore e organizzatore di eventi di marineria velica – hanno trovato un’ottima ospitalità (spartana ma accogliente e sincera, in accordo con i canoni dell’Associazione) sulle barche di Marino Gambaro e Agenore Spluga, ormeggiate a qualche decina di metri dalle “signore del mare” partecipanti alle Vele d’Epoca. Sono stati accolti con grande cordialità e simpatia sia dalla famiglia Borea d’Olmo che dagli organizzatori della manifestazione (Assonautica, C.C. ecc), e i buoni-pasto offerti dall’organizzazione hanno consentito ai Venturieri presenti di cenare insieme agli equipaggi internazionali delle barche iscritte alle regate, nel padiglione riservato ai partecipanti (dove, dopo le premiazioni, vino e birra scorrevano a fiumi….tra i vari urrah!…..). Seguire in barca durante le regate le evoluzioni e le manovre di queste meravigliose barche d’epoca osservandone da vicino le virate o l’alzata a riva di yanki e contro-rande, così come vederle all’ormeggio -impeccabili- dopo le regate, è stata una grande emozione, difficile da dimenticare. Da sottolineare la presenza a Porto Maurizio di alcune fra le barche più blasonate del secolo scorso, appartenute ad armatori famosi, personaggi mitici del mondo della marineria velica: Tuiga, Orion, Marigold, Bona Fide, Veronique, Lulu, sono solo le più note. La partecipazione alla manifestazione di Imperia ha anche consentito ai Venturieri presenti di effettuare brevi ma interessanti escursioni nel borgo antico di Porto Maurizio, il “Paragio” (che conserva carugi caratteristici e antichi palazzi genovesi), dal quale si gode una vista stupenda sul campo di regata. Unica nota dolente della manifestazione, sottolineata anche da Marino Gambaro (che forse ha visto tutte le edizioni delle Vele d’Epoca), è il fatto che quest’anno, con il contingentamento delle barche presenti (dovuto -sembra- ai lavori in corso per la riqualificazione del porto), sono praticamente scomparse le barche minori, veri gioielli (con l’anima) di appassionati, che ben più delle grandi “signore” rappresentavano lo spirito originario della manifestazione voluta da Gian Marco Borea; spirito che le esigenze “di immagine” (e di tornaconto) degli sponsor e degli organizzatori stanno cercando di modificare nella direzione di una parata di lusso, per un mondo esclusivo, in linea con gli obiettivi del nuovo Marina di Imperia (dove vengono espulse le piccole barche locali a favore di giganteschi “megayacht” a motore…. orrendo contrasto con la bellezza delle Vele d’Epoca, che forse sarebbe meglio veder radunate altrove…..). Negli anni infatti, la manifestazione di Imperia si è trasformata da raduno di appassionati (con inviti a bordo, cene in pozzetto, incontri tra equipaggi e amici di crociere ecc.), in una rassegna di barche milionarie, lucidate a specchio da equipaggi professionisti, che ben testimoniano il potere economico degli armatori alla massa dei numerosi visitatori del grande evento mediatico, caratterizzato più dalle esigenze di immagine degli sponsor che dalla voglia di “stare insieme” di equipaggi e velisti appassionati. Dove sta andando il mondo della marineria velica….???

sull'autore

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.