Il Porto degli Argonauti. il Primo Porto Turistico della Costa Jonica in Basilicata

IL PORTO DEGLI ARGONAUTI E’ UN ECO-PORTO DI LUSSO, IMMERSO NELLA NATURA INCONTAMINATA E IN UN MARE NUOVO Stile mediterraneo e servizi di lusso per un porto turistico integrato nella storia e nelle tradizioni italiane: è il Porto degli Argonauti, una perla tra le bellezze della costa italiana. La sua posizione è ideale per scoprire i tesori del Mediterraneo: la Sicilia, le isole greche, Malta. E chi vuole farsi coccolare ha a disposizione una struttura turistica e ricettiva esclusiva, l’Argonauti Resort. 150 ettari immersi nella natura, nelle tradizioni e nei caldi sapori dell’Italia del Sud. Affacciati su una costa dorata e un mare cristallino il porto e il resort consentono di riscoprire lo spirito del mare nel rispetto di un ambiente ancora intatto. Il Porto degli Argonauti è un porto turistico elegante e funzionale. Aperto tutto l’anno, è in grado di ospitare 450 imbarcazioni leisure di piccolo e medio cabotaggio, anche di lunghezza superiore ai 30 metri. I servizi offerti sono di eccellenza e impeccabile è l’assistenza tecnica. I posti barca possono essere acquistati in proprietà o affittati per lunghi e brevi periodi, con un ampio ventaglio di formule davvero competitive. Dei 450 posti barca disponibili ne sono già stati ceduti oltre cento. Questo incantevole porto interno offre tranquillità e sicurezza alle imbarcazioni sia d’estate sia d’inverno. Protette da due moli foranei convergenti, le darsene interne sono circondate dal verde di una fitta pineta da un lato e dal resort dall’altro. Lunghe 220 metri, larghe 140 e profonde fino a 3,5 metri, le darsene sono attrezzate con pontili di ormeggio fissi. L’area è sempre sorvegliata; viene fornita assistenza agli ormeggi oltre a un’attenta manutenzione dei natanti presso il cantiere nautico con annesso distributore di carburanti. A breve sorgerà uno yachting club per l’organizzazione di eventi artistici e marini, completando così l’offerta di servizi nautici e turistici, rispondente alle esigenze dei “marinai” d’oggi. Ottimi i collegamenti: il Porto degli Argonauti si trova a un’ora dagli aeroporti internazionali di Bari e di Brindisi. E in un prossimo futuro nell’area di Pisticci, a soli 15 minuti dal porto, sorgerà un aeroporto di rilevanza per i flussi turistici dell’intera costa jonica. L’ARGONAUTI RESORT Il porto completa l’Argonauti Resort. Integrato nella costa jonica della Basilicata, ricca di storia, cultura e paesaggi incontaminati, il resort offre bellezza e comfort: un hotel elegante con una spiaggia privata e un’immensa piscina laguna estesa su 6mila metri quadrati che ne disegna gli spazi. La Oleandro SPA, un centro benessere all’avanguardia dove farsi coccolare. Ville e comode case vacanza per diverse esigenze, avvolte da giardini incantevoli e verde rigoglioso, con pareti panoramiche in vetro aperte sul mare e sugli approdi. Il Borgo degli Argonauti, un villaggio ispirato alle case dei pescatori con una piazzetta vitale, animata da luci, negozietti, proposte di artigianato locale e ristoranti. Ma anche una scuola di vela, campi da tennis, una spiaggia dove cavalcare al tramonto e una pineta per tirare con l’arco o danzare avvolti nei suoi profumi. E nelle vicinanze ci sono due campi da golf a 18 buche e centri ippici. Insomma, il paradiso a portata di mano. Argojazz, una rassegna di musica e danza giunta alla sua sep tima edizione, offre seducenti emozioni in più alle sere estive. IL PALLINO PER L’AMBIENTE Massima è l’attenzione per l’ambiente e le risorse naturali. L’ingegnere Antonio De Nicolò e l’architetto Luigi Vietti – che con la sua mano ha reso famosa nel mondo la Costa Smeralda – hanno progettato il Porto degli Argonauti e il resort che lo accoglie con l’intento di vivificare la tradizione di architettura spontanea tipica dei piccoli paesi mediterranei. Colori caldi, materiali naturali e amore per la natura circostante sono i principi ispiratori: troviamo legno, tufo, cotto, intonaco tradizionale e il vetro, che richiama le trasparenze del mare. Le strutture, perfettamente integrate nel territorio circostante, sono basse e si mimetizzano nel verde della natura e nei colori dei fiori. I moli del porto, costruiti esclusivamente in pietra naturale, sono limitati in altezza e in lunghezza per rispettare la costa e l’estetica della spiaggia. Il mare e la vegetazione prevalgono: dei 1.500mila metri quadrati su cui si estende il resort soltanto il 12 per cento è edificato. E per rendere il resort ancora più verde e profumato sono state piantate un milione di piante. E’ addirittura possibile perdersi nei 4.700 metri di vialetti del Resort, passeggiando o andando in bicicletta. Il resort è autosufficiente dal punto di vista energetico, grazie alla realizzazione di impianti fotovoltaici (la potenza installata è di 1.200 kw con una produzione stimata in circa 1.800.000 kwh/anno). Vengono inoltre recuperate le risorse idriche, prevedendone il riuso per l’irrigazione del verde, il lavaggio delle imbarcazioni e tutte le occasioni consentite.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.