Il Team Shosholoza di Coppa America Si Trasferisce a Citta’ del Capo

Grazie allo sponsor T-Systems, eccellenti condizioni per gli allenamenti in Sud Africa Il team Shosholoza di Coppa America si trasferisce in una nuova base nautica a Città del Capo Città del Capo/Francoforte sul Meno, 1° marzo 2005. – Il team sudafricano Shosholoza di Coppa America ha inaugurato il suo nuovo centro nautico e di allenamento a Città del Capo. Paul Standbridge, sailing manager del team, ha dato il benvenuto ai circa 250 ospiti (tra cui l’ambasciatore tedesco Harro Adt) nella base, che sarà anche il centro di coordinamento delle attività. Si tratta del primo team africano mai sceso in gara per aggiudicarsi il più antico trofeo sportivo del mondo. Il nuovo centro nautico e di allenamento consentirà al team Shosholoza di prepararsi in vista delle regate preliminari della Coppa America, che si svolgeranno nel 2005 nelle acque di Valencia (Spagna), Malmö (Svezia) e Trapani (Italia). Il regatante professionista Tim Kröger di Amburgo, che già da due sep timane fornisce un apporto rilevante al team sudafricano, è rimasto colpito dai progressi fatti giorno dopo giorno. “L’equipaggio è molto motivato – ha affermato – a metà aprile avremo una nuova imbarcazione. Ci stiamo allenando in condizioni ideali.” Il capitano Salvatore Sarno, Amministratore Delegato del team Shosholoza, ha così commentato l’inaugurazione del nuovo centro nautico e di allenamento: “Grazie al nostro sponsor principale, T-Systems, siamo stati in grado di migliorare significativamente le strutture della base. Questo è un elemento essenziale della concezione della co-sponsorizzazione, che ci consentirà di competere con successo nella Coppa America. Di conseguenza le nostre probabilità di classificarci nei primi posti nel 2007 sono notevolmente aumentate.” Programma sud africano-tedesco di scambi di giovani velisti Nell’ambito della manifestazione, il “commodor” del Royal Cape Yacht Club, Russell Vollmer, e il suo omologo della Norddeutschen Regattaverein (NRV), Gunter Persiehl, hanno deciso di promuovere un programma di scambi di giovani velisti, chiamato “Sailing without Borders” (Navigare senza frontiere). Il programma, lanciato da T-Systems, permette a giovani velisti, venti per ogni nazione, di allenarsi in un altro paese. La sponsorizzazione riguarda giovani atleti promettenti, di età compresa tra 13 e 22 anni, delle seguenti classi veliche: Optimist, 420 e Laser.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.