Il Tem Ceramica Panaria Fb Corse Torna in Gara il 25 Gennaio a Dubai

LECCO 19 gennaio 2001 – Dopo un lungo susseguirsi di riunioni il capitano del Team Ceramica Panaria Fb Corse,l’imprenditore trentanovenne di Lecco Mario Invernizzi, motonauta e campione del mondo di offshore classe 6 litri, ha rotto gli indugi sugli impegni futuri in campo sportivo. In primo luogo Invernizzi non parteciperà, dopo tanti anni, a tutte le prove del Campionato del Middle East, negli Emirati Arabi (due in gennaio e due in aprile). Una decisione sofferta, concordata con l’ingegner Fabio Buzzi progettista del monocarena Ceramica Panaria, alla luce dei nuovi regolamenti che impediscono ai motori entrobordo (il Panaria è motorizzato diesel biturbo Seatek 8400 entrobordo) di gareggiare nella classe 6 litri. Categoria nella quale il monocarena Ceramica Panaria ha vinto tutto quello che c’era di vincere. Alla luce di cio’ il Team Ceramica Panaria Fb Corse si trova nella condizione di dover optare per una passaggio nella classe 2. Quella, per intenderci, dominata nelle ultime stagioni dalla “corazzata” del Victory Team degli Emirati Arabi. Questa decisione comporta una nuova configurazione del monocarena Ceramica Panaria attualmente a Dubai, dopo il vittorioso mondiale di novembre nella classe 6 litri. In parole semplici bisognerà sostituire il motore, le trasmissioni, le eliche e rivedere in modo completo l’assetto generale della barca per renderla competitiva anche nella classe 2. Non essendoci quindi stato il tempo materiale per trasportare la barca in Italia, fare le modifiche tenendo ben presente il discorso sicurezza, e poi tornare in gara nella prova inaugurale del Middle East ad Abu Dhabi il 17 gennaio scorso, Mario Invernizzi ha dovuto cosi’ rivedere il programma per il 2002. Tuttavia questo non impedirà al Team Ceramica Panaria Fb Corse di Mario Invernizzi e del veneziano Maurizio Darai, di scendere in acqua il 25 gennaio a Dubai (nella seconda prova del Middle East), sul campo di gara dove a fine stagione si disputerà il Campionato del Mondo di classe 2. Un test, con la vecchia configurazione, che servirà soprattutto per verificare il gap da colmare per essere competitivi e vincenti anche nella categoria superiore. “Per noi – dichiara Mario Invernizzi – sarà una trasferta molto importante. Infatti se da un lato non avremo alcuna ambizione di classifica, con una configurazione da classe inferiore, dall’altro il test sul campo avrà grande valenza per il futuro della nostra barca. Per questo punteremo ad arrivare sino in fondo raccogliendo tutti quegli elementi che poi, a tavolino, analizzeremo con l’ingegner Fabio Buzzi al rientro in Italia. Se con le opportune modifiche esisteranno i presupposti per allestire una barca competitiva e vincente faremo di tutto per riuscirci”.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.