Il Trimarano di Soldini Si Chiamera’ “sebino Express”

In corsivo e sulla poppa di Fila Tri si leggerà Sebino Express, il soprannome del grande Giorgio Zuccoli, è il nome del trimarano del Team Fila. Un omaggio di Giovanni a un amico recentemente scomparso che aveva dato il contributo della sua grande esperienza nel disegnare le vele di Fila Tri ma soprattutto la carica della sua passione per la vela a unâavventura che stava per cominciare. A una sep timana dal varo Fila Tri si prepara finalmente ad assaggiare l’acqua salata dell’Atlantico. Domani, alle 18, il trimarano del Team Fila Îsalterˆâ la chiusa che regola il livello nel bacino Grandi Yacht di La Rochelle e sarà in mare aperto. Una manovra certamente spettacolare visto che per il varoâ sarˆ necessario usare una gru con lo sbraccio di 40 metri. L’operazione si svolgerà in favore di marea e una volta in acqua Fila Tri sarà ormeggiato alla banchina di transito del porto di Les Minimes, il marina di La Rochelle. Da qui partirà per effettuare i primi test che avranno inizio la prossima sep timana per poi prendere il largo per il trasferimento in Mediterraneo per il Grand Prix di Cap d’Adge in programma dal 7 allâ10 giugno. La prima volta “Tutto OK”. Questo il commento di Giovanni Soldini dopo che per la prima volta la randa full batten realizzata dalla Ulman Sails Italia di Rapallo è salita sull’albero di Fila Tri. Le vele sono state portate a La Rochelle dal responsabile della Ullman Sails Sergio Fabbi che con questo gioco di vele consolida una lunga collaborazione con Giovanni. Sue le vele del 50′ e poi del 60′ Fila. Ora la difficile e impegnativa scommessa con le vele di Fila Tri. “Le altre vele e in particolare il genoa di quasi 120 metri quadrati saranno a La Rochelle la prossima sep timana. Per quella vela il problema cruciale è la ralinga che deve essere inserita nel rullafiocco. Stiamo effettuando gli ultimissimi test sul cavo e sui sistemi di piombatura. Per la randa abbiamo studiato soluzioni innovative per regolare lâapertura della balumina in alto e per la penna della vela. Su Fila infatti il punto di forza della drizza non è in testa alla vela ma è circa un metro più basso per consentire le migliori condizioni di lavoro dell’hook, del gancio, che, come sui piccoli multiscafi, regge la randa”. Nuova chiglia per il 60: conto alla rovescia alla DMZ di Verona per completare la nuova chiglia di Fila 60′ Open. La chiglia, sviluppata dall’Altair Engineering in collaborazione con SSAB Swedish Steel e realizzata con acciai altoresistenziali prodotti dalla stessa SSAB, è sottoposta alle ultime verifiche. Guido Broggi definisce “perfetto” il profilo che è stato fresato a controllo numerico. La consegna del pezzo al cantiere di Fezzano (La Spezia) dove si trova Fila 60′ Open è prevista per i primi giorni della prossima sep timana. Tempo di sartie: i componenti del Team Fila impegnati sul 60′ Open dovranno aspettare qualche giorno prima di potersi dedicare alla realizzazione delle speciali sartie in PBO presso la Gottifredi Maffioli di Novara. Dopo aver realizzato le sartie per Fila Tri quelle per il monoscafo potranno infatti essere costruite solo dopo che i componenti del Team Prada avranno lasciato i laboratori dell’azienda novarese dove stanno allestendo le loro attrezzature. “Ognuno ha i suoi segreti. Cosi’ se c’e’ un team al lavoro nessun altro puo’ entrare nei laboratori – dice Luca Gradella -. E’ successo quando abbiamo realizzato le sartie del trimarano. Ora tocca a noi aspettare, almeno fino al 15 maggio”. Anche per le sartie in PBO del 60â verrà utilizzata la stessa tecnica che prevede la stesura a mano del monofilo che in seguito viene ricoperto con una speciale guaina a protezione dai raggi UV. Infine vengono applicati i terminali ricoperti con una speciale protezione in gomma studiata dalla Pirelli espressamente per le barche del Team Fila.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.