In Dirittura d’Arrivo l’Invernale di Riva di Traiano

Uno scirocco, che ha sfiorato a tratti i quindici nodi, ha consentito agli oltre sep tanta concorrenti dell’invernale, di portare a termine la sep tima regata. Manca così una sola prova alla fine della manifestazione che, nel caso fosse portata a termine nella data prevista del 20 febbraio, continuerebbe comunque il 6 marzo, riservato ad un eventuale recupero, con una prova fuori classifica. Lorenzo Bodini e Silvio Arrivabene hanno, come al solito, indicato i bordi giusti a Fabio Mangifesta al timone del suo Maxi Dolphin Charis, che ha così fatto ancora una volta da battistrada, superando le 9 miglia e mezzo del percorso in un’ora e nove minuti. Il più bravo di tutti è stato però Peppe Morani, al timone del suo First 36.7 Vulcano, che ha vinto in assoluto, continuando a guidare la classifica del gruppo 2, davanti al gemello Vanitè di Mario Aquila, che lo ha seguito anche nella classifica di giornata. Nella classe 1 ed in classifica generale, rimane al comando Muzica, l’IMX 40 di Claudio Cresci, che scarta il ritiro per avaria alla randa, mentre si prospetta una dura lotta per il posto d’onore tra il Grand Soleil 40 Giochi di Vele ed il Comet 51 Thuraya Ola di Angelo Gaspari che, con il quarto posto, ha raggiunto l’avversario al secondo posto in classifica generale. Nel gruppo 3 ha vinto ancora il First 31.7 Pigreco di Maria Pia Piscopo, che continua a condurre la classifica, con Fastest di Paolo Brinati che si è imposto tra i classe 4, mentre il Sun Odyssey 322 Desiree di Fabio Savarese, con un’altra vittoria, è sempre più saldo al comando della classifica della classe diporto.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.