Incidente nella Notte a Bordo di Telecom Italia

Rotto il cuscinetto dello strallo principale. Fuori uso il solent. Giovanni Soldini e Pietro D’Alì, sempre in testa, navigano di conserva verso i Caraibi 31 ottobre 2009 Giovanni Soldini e Pietro D’Alì hanno comunicato questa mattina al telefono la rottura del cuscinetto in testa d’albero che tiene lo strallo principale, tredici giorni dopo la partenza della Solidaire du Chocolat (la prima transoceanica in doppio dalla Francia al Messico riservata ai Class 40). L’incidente, avvenuto nella notte, ha ovviamente fatto perdere parecchie miglia a Telecom Italia che, nonostante tutto, riesce a mantenere la prima posizione con 19,3 miglia di vantaggio sul secondo, Initiatives-Novedia (in recupero) e 62,5 miglia sul terzo, Cargill-MTTM (rilevamento delle h 13). La rottura penalizza non poco la coppia di velisti italiani che da qui all’arrivo a Progreso (Yucatan) non potrà più usare il solent (la vela chiamata anche genoa e usata con tanto vento nelle andature di bolina), ma solo le altre vele di prua (trinchetta, code 0, tormentina, tre spi). Sicuramente l’incidente è avvenuto per le durissime condizioni meteorologiche della regata. Dalla partenza a oggi, Soldini e D’Alì hanno superato ben sei depressioni sempre di bolina e si trovano in queste ore nella sep tima. Questa la cronaca dell’incidente raccontato da Soldini: “Purtroppo stanotte si è rotto il cuscinetto in testa d’albero che tiene lo strallo principale. In particolare è esploso il perno del cuscinetto in testa d’albero che permette allo strallo di girare. Subito sono cascati sia lo strallo sia il solent. Siamo riusciti a recuperare tutto, anche la vela, senza danni, ma abbiamo perso parecchio tempo per riorganizzare la barca. Per fortuna non abbiamo disalberato grazie a Pietro D’Alì che ieri sera aveva messo lo strallo della trinchetta in sicurezza. Siamo ripartiti con il solent terzarolato sullo strallo della trinca. Ora stiamo navigando di conserva con la trinca. Cercheremo di inventarci una riparazione quando arriveranno condizioni meteo migliori, anche se la vedo molto difficile. Per il momento cerchiamo di salvare il salvabile”. A Telecom Italia mancano ancora 2960 miglia (su 5000) fino all’arrivo in Messico (Progreso).

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.