La Prima Regata di “mascalzone Latino”

Auckland, 1 ottobre 2002 – In una giornata grigia e fredda con vento da sud ovest “TIM Mascalzone Latino-ITA 72” ha lasciato la base di Halsey Street per prendere parte alla prima regata della Louis Vuittton Cup: salutata dall’hip hip urrah dei componenti del team rimasti a terra e dal saluto delle “ragazze (mogli e fidanzate)” è uscita dal Viaduct Basin per affrontare la suo prova con gli americani di “One World”. A bordo con lo skipper Vincenzo Onorato, il timoniere Paolo Cian, il tattico Flavio Favini e il navigatore Silvio Arrivabene anche Lara Ciribì, direttore della comunicazione del team, nel ruolo di “17′ uomo². Rispettate le previsioni meteorologiche che prevedevano vento ad sud ovest di intensità intorno ai 10/15 nodi: numerosi anche i salti di vento che hanno reso particolamente impegnative le scelte tattiche: “TIM Mascalzone Latino” non ha potuto fare nulla contro l’esperienza degli americani di “One World” (al timone James Spithill). Il vantaggio degli americani di 9 secondi alla partenza è andato gradualmente crescendo fino a diventare una differenza, sulla linea d’arrivo, di 5’43”. “E’ stata una regata molto difficile ­ ha commentato il tattico Flavio Favini dopo la regata ­ sapevamo di incontrare un team molto forte, anche se ci auguravamo di poter rimanere in corsa fine all’ultimo. Purtroppo non c’e’ stata molta regata, ma d’altronde noi siamo qui per fare esperienza mentre i nostri avversari sono qui per cercare di vincere la Coppa America”. Domani le previsioni del tempo parlano di condizioni analoghe a quelle di oggi e “TIM Mascalzone Latino” affronterà un altro team americano, quello di “Oracle BMW Challenge” (timoniere Peter Holmberg). Il 17′ a bordo sarà l’ingegnere milanese Luigi Carpaneda, presidente del Comitato d’Onore di “Mascalzone Latino”, personaggio noto nel mondo dello sport per i suoi risultati prestigiosi nella scherma (oro e argento olimpico per il fioretto alle Olimpiadi di Melbourne 1956 e Roma 1960, nonche’ campione mondiale della stessa arma nel 1955) e nella vela (campione mondiale alla 3/4 ton cup del 1983 a Trieste, della classe 5.50 S.I. a Cowes ’97 e della classe 6.00 S.I. a Cannes ’98

sull'autore

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.