40HP and Active Trim Pack - Testa (970x160)

Londra 2012: Day 8. Sensini in Medal, Vittoria di Conti-micol

Ottavo giorno di regata dei XXX Giochi Olimpici Londra 2012 con la disputa della Medal Race per le classi Finn e Star. Riposo per le classi Laser Standard, Laser Radial e 470M. In acqua RS:X maschile e femminile, 470 femminile, 49er. Primi sulla linea di partenza alle 12 ore locali RS:X F (Race 9&10), poi alle 13 in gara il 470F (Race 5&6) seguiti alle 14 da RS:X M (Race 9&10) e alle 14.30 dai 49er (Race 12&13). Medal Race per la classe Star in programma per le 13 locali. Un’ora più tardi la Medal Race della classe Finn. Ottimo inizio di giornata per Giulia Conti-Giovanna Micol che tagliano il traguardo al 3° posto nella prima prova del giorno. Nella seconda combattutissima regata che vede le azzurre sempre al comando in bolina e le polacche prime al termine dei lati di poppa, Conti-Micol tagliano il traguardo al 1° posto e sono al 4° posto in classifica provvisoria. Grande risultato di Alessandra Sensini che nella classe RS:X femminile si qualifica per la Medal Race ed è al 9° posto overall. Nei 49er Giuseppe Angilella-Gianfranco Sibello guadagnano una posizione e sono al 14° posto. Interviste agli atleti azzurri su www.sailrev.tv Nella classe Star medaglia d’Oro per Fredrik Loof – Max Salminen (SWE), Argento per Iain Percy – Andrew Simpson (GBR) e Bronzo a Robert Scheidt – Bruno Prada (BRA). Nella classe Finn medaglia d’Oro per Ben Ainslie (GBR), Argento per il danese Hogh-Christensen e Bronzo al francese Lobert. Sole, vento da sud-sud-ovest a 10-12 nodi con raffiche a 17 nel pomeriggio. I risultati che seguono sono provvisori, prima della discussione di eventuali proteste. RS:X Femminile (26 nazioni) Decisive le due prove di oggi che hanno determinato l’accesso alla Medal Race. Alessandra Sensini centra l’obiettivo con i risultati di oggi (10-9) e martedì 7 agosto disputerà la regata di finale. Ieri sera Marina Alabau ha ricevuto una penalità di 1 punto per aver navigato all’esterno dell’area riservata alla competizione. La prima prova del giorno, Race 9, al via alle 12 locali con 14 nodi di vento da 195°. In testa alla flotta su percorso LS3 la finlandese Petaja, seguita alla prima boa dall’australiana Crisp. Alessandra Sensini (CC Aniene) transita al 12° posto per poi girare il cancello di poppa al 14°. Grande rimonta dell’azzurra che al termine della seconda bolina transita alla boa 3 al 10° posto. Al termine del quarto lato Petaja guida sempre la flotta, seguita dalla britannica Shaw e dalla brasiliana Freitas al terzo posto. Nell’ultima bolina prende il comando Bryony Shaw che vince la prova. Seconda sul traguardo Patricia Freitas (BRA) e terza la tedesca Moana Delle. Alessandra Sensini è 10ª sulla linea d’arrivo. Alla partenza della decima prova, regata decisiva per l’accesso alla Medal Race, vento in calo, 11 nodi da sud-ovest. Percorso breve L2 con una buona partenza della Sensini che gira la boa 1 in sesta posizione. Sensini mantiene il 6° posto anche al cancello di poppa ma in testa alla flotta prende il comando la francese Picon mentre Petaya (FIN), prima alla boa di bolina, retrocede al terzo posto. Al termine della seconda bolina l’atleta finlandese ha di nuovo conquistato la testa e si aggiudica la vittoria. Seconda la tedesca Moana Delle e terza la spagnola Marina Alabau,nona alla prima boa, è autrice di una grande rimonta. Alessandra Sensini taglia il traguardo al 9° posto. Dopo dieci prove e uno scarto Alessandra Sensini (CC Aniene) è al 9° posto in classifica provvisoria con i parziali (12)-9-11-8-11-9-6-6-10-9 e 79 punti. Queste le atlete che disputeranno la Medal Race: Marina Alabau (ESP) 24 punti, Lee-El Korzits (ISR) 38, Tuuli Petäjä (FIN) 38, Moana Delle (GER) 39, Zofia Noceti-Klepacka (POL) 41, Olga Maslivets (UKR) 44, Bryony Shaw (GBR) 49, Charline Picon (FRA) 75, Alessandra Sensini (ITA) 79 e Nikola Girke (CAN) 89. Domani riposo. La finale è in programma martedì 7 agosto alle 14.00, ora locale. 470 Femminile (20 nazioni) Dodici nodi da sud per la partenza di Race 5. Le azzurre Giulia Conti-Giovanna Micol (CC Aniene) che regatano su percorso O2, girano la prima boa di bolina all’8° posto. In testa le britanniche Mills-Clark. Nel terzo lato Conti-Micol passano all’attacco e si portano al 4° posto alla boa 3, alle spalle di Mills-Clark (GBR), Cohen-Buskila (ISR) e Westerhof-Berkhout (NED). Grande ultima poppa per l’equipaggio azzurro che supera le israeliane e sul traguardo Giulia Conti-Giovanna Micol sono al 3° posto. La seconda prova al via con 15 nodi da 202°. Durante la seconda bolina un salto di vento di 50 gradi costringe il Comitato di regata ad annullare la prova. Nuova partenza poco dopo le 17, ora italiana, con l’equipaggio azzurro Conti-Micol che alla prima boa di bolina è 1° seguito da quello polacco e dalle australiane Rechichi-Stowell. Il vento cala ancora e sul campo si registrano 6 nodi. Nel primo lato di poppa le azzurre navigano sulla sinistra del campo e al cancello girano la boa di destra, sono seconde. Le polacche Agnieszka Skrzypulec-Jolanta Ogar scelgono quella di sinistra. La scelta delle azzurre paga e sfruttano al meglio il salto di vento, si portano nuovamente al comando e al termine della bolina girano la boa 3 al 1° posto con soli quattro secondi di vantaggio sulle polacche. Posizioni inverse al secondo cancello di poppa con le polacche che scelgono la boa di destra e si portano al comando, mentre Conti-Micol scelgono la sinistra. All’incrocio Conti-Micol hanno la meglio su Skrzypulec-Ogar e in boa le azzurre hanno un vantaggio di 8 secondi. Il percorso di regata è LR4, vale a dire un bastone con quattro boline e quattro poppe. Dopo un nuovo cambio di leadership, Conti-Micol sono prime all’ultima boa di bolina con un margine di 15 secondi. Ottimo risultato per Giulia Conti-Giovanna Micol che vincono la sesta prova davanti alle polacche Skrzypulec-Ogar con un margine di 7 secondi. Terze sulla linea le francesi Lecointre-Geron. Dopo sei prove e uno scarto Giulia Conti-Giovanna Micol guadagnano quattro posizioni e sono al 4° posto in classifica provvisoria (parziali 8-10-(18)-2-3-1) con 24 punti. Prime Hannah Mills-Saskia Clark (GBR) a 18 punti, seconde le kiwi Jo Aleh-Olivia Powrie (19 pt), seguite al terzo posto dalle olandesi Westerhof-Berkhout a 21. Domani riposo per i 470F. 49er (20 nazioni) La dodicesima prova per la classe 49er ha preso il via con 11 nodi di vento da sud che nel corso della regata è andato calando. Inizio di giornata difficile per Giuseppe Angilella (CC Roggero di Lauria) – Gianfranco Sibello (GS Fiamme Gialle) che girano la prima boa di bolina al 16° posto. In testa gli australiani Outteridge-Jensen. Nel primo lato di poppa, l’equipaggio azzurro recupera tre posizioni ed è 13° per poi tornare a girare al 18° posto in bolina e tagliare il traguardo nella stessa posizione. Vincono gli australiani Outteridge-Jensen seguiti da Burling-Tuke (NZL) e al terzo posto dai croati Kostov-Cupac. Con vento a soli 7 nodi viene data la partenza della seconda prova di giornata. Gli equipaggi australiani, austriaci, croati e Angilella-Siblello navigano sulla destra del campo di regata e girano la prima boa al 12° posto. Al termine del terzo lato gli azzurri si sono portati in sep tima posizone, ma nell’ultima poppa perdono due posizioni tagliano comunque il traguardo entro i dieci, al 9° posto. Dopo tredici prove e uno scarto Giuseppe Angilella – Gianfranco Sibello guadagnano una posizione e sono al 14° posto in classifica provvisoria con i parziali 14-11-13-10-11-7-8-12-15-3-13-(18)-9 e 126 punti. L’equipaggio azzurro ha ancora a disposizione le due prove di domani per tentare la qualifica alla Medal Race. Il 10° posto è occupato da Seaton-McGovern (IRL) a 117 punti. Sempre primi gli australiani Outteridge-Jensen (oggi 1-1) a 44 punti, secondi i kiwi Peter Burling-Blair Tuke (64 pt) e terzi Morrison-Rohdes (GBR) a 90. La Medal Race è in programma per mercoledì 8 agosto. RS:X Maschile (38 nazioni) Continua il dominio incontrastato dell’olandese Dorian Van Rijsselberge che vince anche la nona prova, si tratta della sua sesta vittoria. Secondo lo spagnolo Lafuente e terzo Gadorfalvi (HUN). Federico Esposito (Fiamme Oro) taglia il traguardo al 29° posto. L’ultima prova del giorno, la decima, che determina l’accesso in Medal Race viene vinta da Zubari (ISR). Secondo sul traguardo Dempsey (GBR) e terzo Rodrigues (POR). Bene Esposito che dopo aver girato la prima boa di bolina al 13° posto taglia la linea d’arrivo al 15°, suo miglior risultato alle XXX Olimpiadi di Londra 2012. Questi gli atleti che disputeranno la Medal Race: Dorian van Rijsselberge (NED) 13 punti, Nick Dempsey (GBR) 35, Toni Wilhelm (GER) 46, Przemyslaw Miarczynski (POL) 52, Byron Kokalanis (GRE) 65, Julian Bontemps (FRA) 66, Jon Paul Tobin (NZL) 80, Zachary Plavisc (CAN) 80, Ricardo Santos (BRA) 103 e Richard Stauffacher (SUI) 113. Dopo dieci prove con uno scarto Federico Esposito chiude la sua prima esperienza olimpica al 34° posto con i parziali 31-30-33-31-32-(36)-33-35-29-15 e 269 punti. Finn (24 nazioni) La Medal Race della classe Finn inizia alle 14.00, ora locale, con 10 nodi di vento da 205°. Ben Ainslie (GBR) decide di marcare il rivale diretto per la medaglia d’oro Jonas Hogh-Christensen (DEN), perché arrivandogli davanti si aggiudicherebbe il titolo olimpico. Dopo la prima boa, il francese Jonathan Lobert prende la prima posizione e non la lascia più fino alla fine, vincendo la Medal Race. Alle sue spalle si piazzano Dan Slater (NZL) e Rafa Trujillo Villar (ESP), secondo e terzo rispettivamente. Nelle retrovie intanto si svolge il confronto tra il britannico e il danese che chiudono la flotta dei finalisti. Ainslie gira la terza boa in nona posizione davanti a Hogh-Christensen con 7 secondi di vantaggio, un distacco che aumenta, lato dopo lato, fino al traguardo dove Ainslie precede l’avversario di 19 secondi. Il nono posto finale vuol dire medaglia d’oro per il campione inglese, la quarta consecutiva per lui. L’argento va al danese Hogh-Christensen. Il francese Lobert grazie al successo in Medal Race scavalca in classifica Postma (NED) e si aggiudica il bronzo. L’azzurro Filippo Baldassari (SV Fiamme Gialle) chiude la sua prima esperienza olimpica al 22° posto con i parziali 20-22-(24)-21-14-21-17-18-18-13 e 164 punti. Star (16 nazioni) La Medal Race della Star, la classe alla sua ultima apparizione olimpica, si è conclusa con un risultato clamoroso. La prova inizia alle 13.00 con vento leggero che oscilla tra i 10 e 11 nodi da 200°. Fredrik Loof – Max Salminen (SWE) prendono subito la testa del gruppo e conducono la regata praticamente sempre in prima posizione tallonati dai Hamish Pepper – Jim Turner (NZL) che riescono a precedere gli svedesi solo alla terza boa. Gli svedesi concludono per primi la prova davanti ai neozelandesi e all’equipaggio tedesco Robert Stanjek – Frithjof Kleen. Iain Percy – Andrew Simpson (GBR) leader della classifica prima della Medal Race, dimostrano di non essere in una giornata particolarmente favorevole e disputano tutta la regata attorno alla sesta posizione tenendo sotto controllo Robert Scheidt – Bruno Prada (BRA). L’ultima poppa costa cara ai britannici che perdono altre due posizioni e tagliano la linea d’arrivo in ottava posizione superati da Mark Mendelblatt Brian Fatih (USA), sesti, e dai brasiliani che finiscono sep timi. L’inaspettato epilogo regala la medaglia d’oro a Fredrik Loof – Max Salminen (SWE), l’argento va Iain Percy – Andrew Simpson (GBR) mentre il bronzo viene assegnato a Robert Scheidt – Bruno Prada (BRA). 470 Maschile (27 nazioni) Giorno di riposo oggi per il 470M. Dopo sei prove e uno scarto Gabrio Zandonà (CV Marina Militare)-Pietro Zucchetti (SV Fiamme Gialle) sono al 5° posto in classifica provvisoria con 35 punti e i parziali 6-(26)-1-8-6-14. Primi gli australiani Belcher-Page a 8 punti, secondi i britannici Patience-Bithell (12 pt) Laser Standard (49 nazioni) Questi i primi dieci atleti che si sono qualificati per la Medal Race di lunedì 6 agosto alle 14.00, ora locale: Tom Slingsby (AUS) 25 punti, Pavlos Kontides (CYP) 39, Rasmus Myrgren (SWE) 60, Tonci Stipanovi? (CRO) 61, Andrew Murdoch (NZL) 79, Paul Goodison (GBR) 87, Simon Grotelueschen (GER) 90, Juan Ignacio Maegli Aguero (GUA) 94, Alejandro Foglia (URU) 102, Jean Baptiste Bernaz (FRA) 109. Dopo dieci prove con uno scarto Michele Regolo (SV Fiamme Gialle) conclude la sua esperienza olimpica al 35° posto con i parziali 31-35-(46)-10-21-32-45-35-43-30 e 208 punti. Laser Radial (41 nazioni) Tutta da vedere la finale del Laser Radial, dove le prime quattro atlete sono raccolte in un solo punto. Le dieci veliste che correranno la Medal Race di lunedì 6 agosto alle 13.00, ora locale, sono: Lijia Xu (CHN) 33 punti, Marit Bouwmeester (NED) 33, Annalise Murphy (IRL) 34, Evi Van Acker (BEL) 34, Alison Young (GBR) 52, Gintare Volungeviciute Scheidt (LTU) 68, Sari Multala (FIN) 74, Veronika Fenclova (CZE) 87, Paige Railey (USA) 92, Tania Elias Calles (MEX) 100. Dopo dieci prove e uno scarto l’azzurra Francesca Clapcich (Cv Aeronautica Militare) conclude la sua esperienza olimpica al 19° posto con i parziali 20-16-24-7-9-(27)-18-25-21-19 e 159 punti. Match Race Femminile (12 nazioni) Oggi prima giornata di riposo delle due previste per le veliste della classe Elliott 6m. Si riprende il 7 agosto con i quarti di finale a cui prenderanno parte i seguenti equipaggi: 1. Olivia Price-Nina Curtis-Lucinda Whitty (AUS) 11 punti, 2. Ekaterina Skudina-Elena Syuzeva-Elena Oblova (RUS) 8 punti, 3.Tamara Echegoyen-Sofia Toro-Angela Pumariega (ESP) 8 punti, 4. Anna Tunnicliffe-Deborah Capozzi-Molly O’Bryan Vandemoer (USA) 8 punti, 5. Silja Lehtinen-Silja Kanerva-Mikaela Wulff (FIN) 6 punti, 6. Claire Leroy-Elodie Bertrand-Marie Riou (FRA) 6 punti, 7. Lucy Macgregor-Annie Lush-Kate Macgregor (GBR) 5 punti, 8. Renee Groeneveld-Annemieke Bes-Marcelien Bos-De Koning (NED) 4 punti. L’Italia della vela a Londra è in gara in otto classi su dieci. Questi i velisti che prenderanno parte alle regate di Weymouth e Portland: – Alessandra Sensini, classe RS:X femminile, è alla sesta partecipazione e ha vinto 4 medaglie in 4 edizioni consecutive: oro a Sidney 2000, argento a Pechino 2008 e due bronzi ad Atlanta 1996 e ad Atene 2004; – Federico Esposito (RS:X maschile) è alla sua prima Olimpiade; – Giulia Conti, per la terza volta ai Giochi, e Giovanna Micol, alla seconda partecipazione olimpica, saranno impegnate nel 470 femminile, classe in cui ottennero il 5° posto assoluto a Pechino; – Gabrio Zandonà, alla sua terza presenza ai Giochi, farà coppia con il debuttante Pietro Zucchetti nel 470 maschile. In questa classe Zandonà ha ottenuto un 10° posto ad Atene e un 6° a Pechino; – Francesca Clapcich partecipa per la prima volta e sarà impegnata nel Laser Radial; – Michele Regolo, anche lui alla prima esperienza a cinque cerchi, regaterà nel Laser Standard; – Giuseppe Angilella, al debutto ai Giochi, e Gianfranco Sibello, alla terza partecipazione personale (14° ad Atene e 4° a Pechino con il fratello Pietro) saranno in gara nella classe 49er; – Filippo Baldassari, debuttante, correrà nella classe Finn. Lo staff tecnico della Federazione Italiana Vela è composto da: – Luca De Pedrini, DT e tecnico della classe 470 maschile e 49er; – Valentin Mankin, tecnico della classe 470 maschile e 49er; – Paolo Ghione, tecnico della classe RS:X maschile e femminile; – Gianluigi Picciau, tecnico della classe 470 femminile; – Francesco Caricato, tecnico della classe Laser Radial; – Egon Vigna, tecnico della classe Laser Standard; – Luca Devoti, tecnico della classe Finn. Il team è completato da: – Guglielmo Vatteroni, Team Manager; – Roberto Ferrarese, Stratega e supporto meteo; – Stefano Gallino, Metereologo; – Luca Ferraris, Medico; – Roberta Ciampolini, Fisioterapista; – Sebastiano Zuppardo, Fisioterapista. Dieci le classi in totale, sei le maschili con Finn, Star, 470 M, RS:X M, Laser Standard, 49er, e quattro quelle femminili con 470 F, RS:X F, Laser Radial e Elliott 6m (Match Race). Il programma prevede sei giorni di regate e due di riposo per le le classi Finn (29/7-5/8), Star (29/7-5/8), Laser Standard (30/7-6/8), Laser Radial (30/7-6/8), RS:X M (31/7-7/8) e RS:X F (31/7-7/8), 470 M (2/8-9/8), 470 F (3/8-10/8), otto giorni di regate e due di riposo per i 49er (30/7-8/8) e undici giorni di regate e tre di riposo per l’Elliott 6m (29/7-11/8). Le Medal Race di classe invece si svolgeranno secondo il seguente calendario: 5 agosto ore 13.00 classe Star e alle 14.00 classe Finn; 6 agosto ore 13.00 classe Laser Radial e alle 14.00 classe Laser Standard; 7 agosto ore 13.00 classe RS:X maschile e alle 14.00 classe RS:X femminile; 8 agosto ore 13.00 classe 49er; 9 agosto ore 13.00 classe 470 maschile; 10 agosto ore 13.00 classe 470 femminile. La finale della classe Elliott 6m (Match Race femminile) si svolgerà l’11 agosto alle ore 13.05. L’orario indicato è quello locale.

sull'autore

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.