Mascalzone Latino-capitalia Team Rilancia la Sfida per l’America’s Cup

Mascalzone Latino-Capitalia Team rilancia la sfida per l’America’s Cup con una nuova barca e una nuova base Milano, 5 aprile 2006 Mascalzone Latino-Capitalia Team presenta oggi a Milano, in diretta satellitare con Valencia, la nuova barca – Mascalzone Latino Ita 90 – e la base  appena ultimata che ospiterà il team nella preparazione alla 32ma edizione dell’America’s Cup. Nel secondo anno della sua campagna di Coppa America, Mascalzone Latino-Capitalia Team rinnova il proposito di rappresentare con onore la vela italiana e tutti coloro che hanno dimostrato di credere nella squadra, presentando il nuovo scafo Ita 90 di colore nero “carbonio”, realizzato con compositi avanzati e progettato dal Design Group guidato da Harry Dunning. Una nuova barca, con nuovi colori, destinata a una nuova base, il cui progetto si sviluppa su quattro livelli, occupando una superficie di circa 1.300 metri quadri e sviluppando un volume di circa 18.000 metri cubi. La superficie calpestabile totale è di 3.900 metri quadrati. “È con orgoglio che mostriamo al pubblico e ai media la nostra nuova barca -sottolinea Vincenzo Onorato-, risultato di un anno di impegno tecnico di tutto il nostro Team. Crediamo molto in Ita 90: Harry Dunning, ed il gruppo di ricerca e sviluppo hanno fatto un grande lavoro cui tutto l’equipaggio ha collaborato con i suoi suggerimenti e con uno scambio di idee molto creativo”. “Mentre Ita 90 si appresta a scendere in acqua, rinnovo la promessa fatta un anno fa di tenere alti il nostro entusiasmo e la nostra italianità e, nel farlo, ringrazio il nostro Main Sponsor, il Gruppo Capitalia, nella persona dell’Amministratore Delegato, Matteo Arpe, che ha voluto confermarci il suo supporto. Quello di Capitalia -sottolinea ancora Onorato- è un bellissimo marchio che, come noi, rappresenta un’Italia proiettata verso il futuro.” Carta d’identità di Mascalzone Latino Ita 90 Numero velico: Ita 90 Colore: nero, il colore “naturale” del carbonio. Luogo di nascita: lo scafo di Ita 90 è stato realizzato per conto del Mascalzone Latino-Capitalia Team  presso la Marine Composite di Andora (Savona) ed è stato quindi trasferito a Burriana, in provincia di Castellon, presso il cantiere Longitud Cero di Ximo Lopez dove è stato allestito. Modello e stampo: la fresatura del modello è stata effettuata presso la MTorres di Pamplona, società specializzata nell’automazione e ingegneria dei processi industriali. Lo stampo femmina è stato realizzato in carbonio a controllo numerico e poi spedito in Italia al cantiere di Andora, dove i tecnici guidati da Ximo Lopez hanno laminato lo scafo. Materiali: “compositi avanzati”. Per compositi si intendono materiali che accoppiano differenti prodotti: due “pelli esterne” costituite da fibre o tessuti (in questo caso di carbonio), impregnati con resine che, polimerizzando, danno al prodotto finito le caratteristiche meccaniche richieste. Il cuore è sempre costituito da un materiale che ha il compito di mantenere distanti le due pelli, (nido d’ape). Gli scafi sono realizzati utilizzando tessuti preimpregnati con resine a percentuali costanti. Questo per ottenere un miglior controllo dei pesi, della qualità del manufatto finale e caratteristiche meccaniche omogenee. La polimerizzazione della resina si ottiene agendo sulla temperatura. Per far accoppiare perfettamente i vari strati si utilizza la tecnica del sottovuoto. Progetto: il design group, guidato da Harry Dunning, ha lavorato in stretta collaborazione col sailing team. Per ottimizzare e affinare il progetto finale è stata ha utilizzata la vasca navale del National Research Council Canada Institute for Ocean Technology  (St. John’s, Newfoundland). Sono inoltre state testate  molte variazioni di forme di scafo e appendici con i più aggiornati e complessi software di simulazione fluidodinamica. Segni Particolari: la coperta è bombata (in termini tecnici si dice che ha il “bolzone”) e la prua ha un’inflessione che la fa sembrare più alta. Il regolamento impone infatti che il profilo del limite fra scafo e coperta sia una linea “continua, concava e avviata” con un raggio minimo di 20 metri. Bulbo: con le sue venti (circa) tonnellate rappresenta la quasi totalità del peso della barca. Pinna di deriva: la lama che sostiene il bulbo è dotata di alettone mobile (il “trim-tab”), nonché di alette (winglets), è un pezzo di acciaio speciale lavorato dal pieno e alla fresa a controllo numerico. Timone: la pinna del timone e le ruote (sono  in tutto 4, due per parte per il timone e per il trim-tab, e pesano meno di un chilo ciascuna) sono arrivate via aerea dall’Australia. Albero: È stato realizzato negli usa dalla Hall Spar di Bristol (Rhode Island). Il suo progetto è stato studiato dai designer del team. Attrezzature di coperta: sono in gran parte fornite dalla Harken, l’azienda di proprietà americana che produce in Lombardia i pezzi di più alta tecnologia. L’idraulica  di bordo è state realizzata da Cariboni. Le componenti meccaniche di Poggipolini e componenti in composito di Riba Composites. Le manovre correnti (le corde che nel linguaggio nautico si devono chiamare “cime”) sono di un’altra azienda italiana veterana di Coppa America, la Gottifredi e Maffioli, tutte di fibre speciali ad altissima resistenza. Vele: le vele (il vero il motore della barca) sono progettate da Giovanni Cassinari e Marco Savelli e sono tutte realizzate della North Sails in Nevada. Tutte le vele sono assemblate e rifinite nella veleria della base. Le vele da bolina, rande e genoa, vengono laminate  in un pezzo solo con la tecnica 3 DL, utilizzando uno stampo tridimensionale che assume una forma molto simile a quella che avrà la vela in condizioni di lavoro. La struttura interna è costituita da fili continui, in Kevlar o carbonio, distesi dall’alto secondo lo schema prestabilito dal progetto. I gennaker e gli spinnaker (che hanno una superficie di oltre 500 mq) sono invece realizzati in modo più semplice, sempre su disegni molto personalizzati dai velai. Elettronica: i dati fondamentali della velocità e dell’angolo del vento, insieme a quelli di velocità e direzione della barca sono i classici strumenti di misura che vengono captati e convogliati al computer principale di bordo, “miscelati” con quelli di GPS e di celle di carico (distribuite nei punti più delicati) e servono per avere sempre a disposizione, e in modo immediato, a tutto l’equipaggio, il rendimento della barca. I dati strumentali vengono registrati per tutto il tempo di navigazione della barca, e poi analizzati per conoscerne e migliorarne il rendimento globale.  Una parte importante della strumentazione, utilizzata in allenamento ma non in regata -per l’eccessivo peso- è il sistema conosciuto come “Sailvision”, che grazie a delle telecamere sull’albero (e strisce colorate sulle vele) è in grado di riconoscere la forma della vela in navigazione e quindi di ottimizzarla. La sfida riparte Con la presentazione di Mascalzone Latino Ita 90, Mascalzone Latino-Capitalia Team affronta il secondo anno della sua campagna di Coppa America. La sfida al Defender svizzero, la Société Nautique de Genève, era stata lanciata dal Reale Yacht Club Canottieri Savoia di Napoli nel marzo 2005. La campagna è promossa da Vincenzo Onorato e vede come Main Sponsor Capitalia. Ita 90 porta la firma del Design Group di Mascalzone Latino-Capitalia Team, guidato da Harry Dunning. Il gruppo di ricerca e sviluppo comprende progettisti, scienziati e ingegneri, e può contare su un’esperienza globale di numerose partecipazioni all’America’s Cup. Oltre a Dunning, ne fanno parte: Will Brooks, Derek Clark, Rick Harris, Chris Mairs, Joe Laiosa, Mark McCafferty, Fabrizio Marabini, Duncan MacLane, Nicola Sironi. I progetti delle vele sono firmati da Marco Savelli e Giovanni Cassinari. Il team Capitano del Mascalzone Latino-Capitalia Team è Vincenzo Onorato. Skipper Vasco Vascotto. Quattro i timonieri: Flavio Favini, Jes Gram-Hansen, Cameron Dunn, Vasco Vascotto. Dell’afterguard fanno parte: Cameron Dunn, Flavio Favini, Jes Gram-Hansen, Rasmus Kostner, Michele Paoletti e Nacho Postigo. Del sailing team fanno parte: Luca Albarelli, Matteo Auguadro, Lars Borgstrom, Cesare Bozzetti, Santino Brizzi, Maciel Cicchetti, Marco Constant, Pierluigi De Felice, Daniele De Luca, Chris Dougall, Alberto Fantini, Giulio Giovanella, Flavio Grassi, Cristian Griggio, Pietro Mantovani, Andrea Mocchetto, Marco Montis, Edoardo Natucci, Massimo Paradiso, Andrea Pavan, Nicola Pilastro, Nacho Postigo, Angelo Romanengo, Guido Antar Vigna. L’addestramento specifico di match racing è curato da Jes Gram-Hansen e Rasmus Kostner. Il team è composto complessivamente di 99 persone, di cui 65 di nazionalità italiana. Le biografie dei membri del Mascalzone Latino – Capitalia Team si trovano nell’ “area team” del sito Internet:  www.mascalzonelatino.it Gli appuntamenti del 2006 Il calendario agonistico della stagione 2006 Classe Coppa America prevede i seguenti appuntamenti: Valencia: Louis Vuitton Act 10- dall’11 maggio al 18 maggio Valencia: Louis Vuitton Act 11- dal 19 maggio al 21 maggio Valencia: Louis Vuitton Act 12- dal 22 giugno al 3 luglio Gli equipaggi del Mascalzone Latino-Capitalia Team sono inoltre impegnati in molte manifestazioni del circuito internazionale di match racing. E, tra queste, prenderanno parte a tre eventi che si correranno in Italia: Porto Cervo: Jeep Challenge  (10 luglio – 15 luglio) Porto Azzurro: Elba Cup/Trofeo Locman (11 luglio-16 luglio) Trieste: Challenge-La Sfida (28 agosto – 3 sep tembre)

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.