Motonautica: Campionato del Mondo Endurance P1

SI ROMPE UNA TURBINA: MARIO INVERNIZZI E SONY FB DESIGN ISOTTA FRASCHINI SI RITIRANO NELLA SECONDA PROVA DEL GRAN PREMIO DI GERMANIA A TRAVEMUNDE TRAVEMUNDE – Una turbina degli affidabilissimi motori Isotta Fraschini ha tradito lo scafo Sony Fb Design di Mario Invernizzi, nella seconda prova del Gran Premio di Germania di motonautica Endurance P1 Evolution a Travemunde. Un guasto che ha costretto la barca italiana, dopo cinque successi consecutivi, al primo ritiro della stagione. La prova è stata vinta dall’austriaco Hannes Bohinc (secondo sabato) che con il suo monocarena Wettpunkt.com. (un Fb Design motorizzato Seatek) ha fatto suo anche il Gran Premio di Germania nel week end sul mar Baltico. Il Sony – con Mario Invernizzi alle manette del gas, Giovanni Carpitella al volante, Christian Rivolta (alla strumentazione di bordo) e il sotto tenente di vascello Giuseppe Quattrocchi della Guardia Costiera di Rimini alla cartografia – ha dovuto alzare bandiera bianca nel corso del terzo giro quando era al comando della competizione. Via libera quindi per il potentissimo Wettpunkt.com. che ha così vinto gara e gran premio. Sul podio è finito al secondo posto un ritrovato Adriano Panatta sul Thuraya che ha lottato sino all’ultimo Giancarlo Cangiano e il suo Osg finito terzo. “Dopo cinque successi di fila – ha detto Mario Invernizzi al rientro in porto – ci può stare anche un ritiro. D’altro canto in competizioni motoristiche la rottura è uno degli imprevisti da mettere in cantiere su qualsiasi campo di gara. Non facciamo quindi drammi e rientriamo a casa con tutto il tempo per mettere al banco i motori e presentarci al via nel Gran Premio d’Inghilterra a Cowes a fine agosto”. Nella classifica generale del Campionato del Mondo Endurance P1 Evolution Sony mantiene il comando con 50 punti su Wettpunkt.com (31) e Osg (25). Ma ecco l’ordine d’arrivo della classe Evolution per quanto concerne la seconda prova del Gp di Germania: 1. Wettpunkt.com (Austria – Hannes Bohinc) 54 miglia in 51′ e 13 alla media di km/ora 129,02; 2. Thuraya (Italia – Adriano Panatta) in 52′ e 18; 3. Osg (Italia – Giancarlo Cangiano) in 52′ 24; 4. Fainplast (Italia – Ernesto Ascani ) in 52′ e 51. Ritirato Sony al 3° giro. Nella classe Supersport a segno Offshore Performance sull’altra barca della Fb Design e cioè il Buzzi Bullet degli inglesi Drew Langdon e Jan Falkowski.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE