Notizie dal Mondiale 50′ a Palma di Maiorca

7 agosto PRIME DUE PROVE DEL MONDIALE 50′ A PALMA DI MAIORCA. MASCALZONE LATINO COSTRETTO AD AUTOPENALIZZARSI NELLA PRIMA REGATA PER UNA COLLISIONE CON BRAVA Q8. Palma di Maiorca Due splendide prove oggi a Palma di Maiorca nella prima giornata del Campionato del Mondo IMS 50. I dodici concorrenti in gara, hanno potuto usufruire di un vento che ha superato a stento i dieci nodi, per ingaggiarsi sempre molto da vicino. A volte anche troppo da vicino, come è successo nella prima prova a Mascalzone Latino, timonato dal suo armatore Vincenzo Onorato, coadiuvato nella tattica da Vasco Vascotto che, in dirittura d’arrivo, nel gioco di orzate e puggiate, per tagliare la linea nel punto più favorevole, ha toccato con la prua la poppa di Brava Q8, l’altra barca italiana in gara, affidata dall’armatore Pasquale Landolfi a Flavio Favini. Così, mentre andava a vincere lo barca spagnola Caixa Galicia, un progetto del locale Marcelo Botin timonato da Roberto Bermudez, davanti a Fram XV di re Harald di Norvegia e a Brava Q8, Mascalzone Latino, costretto a depenalizzarsi con un giro di 360°, tagliava solo in nona posizione. Nella seconda prova, in un arrivo affollatissimo, sul filo dei secondi, tornava alla ribalta CAM, timonata questa volta dall’oro olimpico Fernando Leon che, precedendo in tempo reale e compensato Krazi K-Yote portata dall’asso francese Luc Gelusseau e Mascalzone Latino, si è portato al comando della classifica provvisoria, staccando di 1 punto e 25 Fram XV, di 2 Caixa Galicia, di 3 e 25 Brava Q8 di 4 e 25 Krazy K-Yote e di 7 e 25 Mascalzone Latino. Domani parte la regata lunga: 110 miglia nel golfo di Palma, con partenza alle ore 13. 8 agosto PARTITA LA REGATA LUNGA DEL CAMPIONATO MONDIALE IMS 50 Il golfo di Palma di Maiorca si è espresso ieri in una delle giornate meno ventose della stagione, così la partenza della regata lunga del Campionato Mondiale IMS 50 è stata rimandata di un’ora e 21 minuti. Alle 14 e 21 quindi, una brezza di poco più di cinque nodi, ha permesso ai dodici concorrenti di ingaggiarsi e di portare a termine il bastone iniziale prima di avviarsi verso il promontorio di Cala Figuera e proseguire poi verso la boa dell’sola di Dragonera. A prendere subito il comando è stato il solito Cam, attuale capoclassifica, portato dall’oro olimpico di Tornado Fernando Leon che, al passaggio del capo di Cala Figuera, aveva accumulato un vantaggio di un minuto e mezzo su un gruppetto di tre inseguitori. In meno di un minuto sono quindi passati: il tedesco Rubin timonato da Jens Christensen, con Caixa Galicia e Mascalzone Latino a pochi metri. Ancora un paio di minuti per veder passare Sirius V, Krazy K-Yote, Tau Ceramica, Brava Q8 e Fram XV. Dopo la boa di Dragonera i concorrenti torneranno a Capo Figuera, dove ci sarà l’arrivo della prima tappa, proseguiranno quindi per l’isola di Cabrera e, dopo averla girata raggiungeranno l’arrivo a capo Regana, all’imbocco della baia di Palma dopo quasi 100 miglia di regata. Il coefficiente 2.5 totale della gara, sarà quindi diviso in due parti: metà sulla classifica della prima tappa e metà sulla classifica di tutto il percorso. Visto il vento previsto molto leggero per la notte, i primi concorrenti sono attesi per domani mattina. MASCALZONE LATINO SECONDO AL PASSAGGIO DI DRAGONERA Alle 18 e 35 CAM, sempre in testa alla flotta, ha girato la boa di Dragonera, dopo 23 miglia di navigazione dall’inizio della regata. Mancano ancora 63 miglia al traguardo. Alle sue spalle Mascalzone Latino staccato di due minuti e mezzo, seguito da Sirius V, portato dal Principe Filippo di Borbone, ad un minuto e mezzo, con Fram XV a sep te secondi. Dopo un altro minuto ha girato Brava Q8 e poi tutti gli altri, con Caixa Galicia in fondo a tutti staccato di meno di dieci minuti dal primo.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.