Orlanda Olympus Vince la Regata d’Altura Dell’Europeo Ims

Punta Ala (Gr), 2 giugno 2004 Importante affermazione di Orlanda Olympus dell’armatore Alessandro Pirera con il timoniere Tommaso Chieffi. Poco dopo le 12.00 di questa mattina, l’elegante Farr 53′ condotto da Chieffi (recente vincitore del Trofeo Pirelli) ha tagliato il traguardo a Punta Ala a ridosso dei suoi avversari di dimensioni più grandi: il calcolo dei tempi compensati è stato quasi superfluo. Le spagnole Caixa Galicia e Tau Ubs non sono infatti riuscite, grazie alle loro maggiori dimensioni, ad accumulare un vantaggio sufficiente per lasciare dietro di sé Orlanda Olympus in tempo compensato. “Questa regata riporta alto il morale dopo la prova deludente di lunedì – dice Chieffi -. Siamo sempre rimasti insieme al gruppo dei più grandi, sostenuti da una buona velocità dello scafo e da scelte tattiche vincenti”. Andrea Casale, appena riaffermatosi campione italiano J24 a Gaeta, ha assistito Chieffi con le sue felici intuizioni tattiche. “Tutto il gruppo è stato molto concentrato e abbiamo lavorato con grande determinazione”, continua il Team manager Alessio Razeto. A bordo di Orlanda Olympus completano l’equipaggio insieme a Chieffi, Pirera, Casale e Razeto: Paolo Bottari (prodiere), Stefano Gerardi (aiuto prodiere), Giuly Romanengo (drizze), Andrea Nardi (albero), Ciccio Celon (tailer), Giorgio Tortarolo (randa), Maurizio Cambiaso (grinder randa) e il navigatore inglese Ian Moore, vincitore dell’ultima Volvo Ocean Race su Illbruck. A bordo c’è anche il fortissimo Francesco ‘Cico’ Rapetti (aiuto prodiere), l’unico italiano che abbia mai vinto la Coppa America (su Alinghi). Il percorso della prova off-shore si è snodato su 167 miglia, che le barche più grandi hanno percorso in 25 ore, sospinte da un vento che ha toccato al massimo i 15 nodi di intensità (alla partenza di Punta Ala ieri mattina). Poi le barche hanno fatto rotta su Montecristo, Palmaiola, Cerboli e Punta Ala, percorso ripetuto due volte. Al momento si attendono ancora le barche ‘medie’ e quelle ‘piccole’, previste nel pomeriggio e nella serata di oggi. La lunga era la seconda prova del Campionato, che continuerà domani mattina con due regate a bastone a partire dalle ore 12.00. Le barche iscritte rappresentano 7 Paesi: Spagna, Grecia, Austria, Uruguay, Svizzera, Repubblica Ceka e Italia. Orlanda Olympus Red Squadron ringrazia Stone Island e North Sails.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.