“palermo-montecarlo” 2009: Libertine-lauria Vince l’Edizione 2009

Ganga Bruni: “E’ il coronamento di un sogno” L’armatore Marco Paolucci si aggiudica il Trofeo Angelo Randazzo CHALLENGE PERPETUO Il Maxi Idea taglia per prima la linea di Montecarlo conquistanto il Trofeo Tasca d’Almerita 2009 Palermo – Dopo il terzo posto del 2007 e il secondo dello scorso anno, l’edizione 2009 è stata finalmente propizia per i palermitani di Lauria. Libertine, Il comet 45′ timonato da Gabriele Bruni, che porta il guidone in rappresentanza del Club Canottieri Roggero di Lauria, conquista la V edizione della “Palermo-Montecarlo” in ORC e riporta il titolo a Palermo dopo due anni di vittorie consecutive dello Yacht Club de Monaco con Out of Reach di Guido Miani. Al secondo posto una grande sorpresa. Sono i siracusani di Nautilus QQ7 di Alberto Piazza del Circolo Velico Aretusa. A bordo del loro Vismara 41′ hanno corso una regata molto concreta, raccogliendo un ottimo sesto posto in tempo reale. In terza posizione Seawonder, 46′ di Agostino Randazzo del Circolo della Vela Sicilia e con la sponsorizzazione della Provincia Regionale di Palermo, che paga all’arrivo nel Principato oltre un’ora di ritardo dai cugini del Lauria e deve soccombere in classifica. “Bella e faticosa – commenta lo skipper palermitano Bruni – finalmente ci siamo riusciti, ma è stata una regata molto impegnativa – con Seawonder ci siamo marcati stretti per gran parte del tragitto e grazie al valore e alla freschezza del nostro equipaggio e la competitività del nostro Comet, siamo stati in grado di effettuare le giuste scelte tecnico-tattiche che ci hanno permesso finalmente di coronare questo sogno a Montecarlo”. “Accettiamo con molta sportività il responso di questa regata – che anche se condizionata da un vento debole rispetto alle scorse edizioni, non ha perso fascino e spettacolarità – commenta Agostino Randazzo – faccio i miei complimenti al Lauria che ha navigato molto bene e con pochi errori. Il nostro è comunque un buon terzo posto che ci darà uno stimolo in più per fare meglio nella edizione 2010”. Seguono nella classifica in overall Cattiva Compagnia di Sandro Soldaini che raccoglie una buona quarta posizione in ORC. Quinta Junoplano di Sandro Buzzi, sesta Idea, il maxi 70′ che ha vinto il Trofeo Tasca d’Almerita “First Boat Across the Line” grazie al primo posto in tempo reale in 72 ore. Ritirati Attenti a Quei due e Foreign Affairs dello Yacht Club de Monaco di Paul Basson. Grazie a questa vittoria l’armatore di Lauria Marco Paolucci si aggiudica il Trofeo Angelo Randazzo CHALLENGE PERPETUO assieme al Trofeo Hublot. La classifica finale della Palermo-Montecarlo 2009 vale come punteggio nel ranking della combinata del Trofeo d’Altura del Mediterraneo, insieme a importanti regate come il Trofeo Pirelli – Coppa Carlo Negri, la sep timana dei Tre Golfi, la Giraglia Rolex Cup, la Rolex Middle Sea Race. IDEA VINCE IN TEMPO REALE – Idea, alle ore 16,11’20’ del 21 agosto, dopo circa 450 miglia e oltre 76 ore di navigazione, ha tagliato per prima la linea di arrivo di Montecarlo. Il maxi 70′ disegnato da Reichel Pugh dell’armatore Eleuterio Schippa, del Vela Club Venezia, ha nettamente staccato gli avversari e soprattutto l’altro maxi Sagamore Enigma e si aggiudica il Trofeo Tasca D’Almerita 2009, premio assegnato alla prima imbarcazione in tempo reale. Rimane quindi imbattuto il record di 52 ore e 11′ fatto segnare da Senso One nel 2008. Idea, splendido maxi con al timone il triestino Alessandro Alberti e l’ex Luna Rossa Centurione Galli, dopo aver superato la Giraglia, ha trovato un buon vento navigando nell’ultima parte della regata a circa 10 nodi di media arrivando nelle acque antistanti lo Yacht Club de Monaco con un buon margine sui primi inseguitori arrivati dopo qualche ora.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.